Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 18164 del 24/07/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. un., 24/07/2017, (ud. 06/12/2016, dep.24/07/2017),  n. 18164

 

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONI UNITE CIVILI

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CANZIO Giovanni – Primo Presidente f.f. –

Dott. AMOROSO Giovanni – Presidente di Sezione –

Dott. MAZZACANE Vincenzo – Presidente di Sezione –

Dott. TRAVAGLINO Giacomo – Presidente di Sezione –

Dott. BIANCHINI Bruno – Consigliere –

Dott. CAMPANILE Pietro – Consigliere –

Dott. TRIA Lucia – Consigliere –

Dott. DE CHIARA Carlo – Consigliere –

Dott. SCARANO Luigi Alessandro – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 6587/2015 proposto da:

C.D., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA PACUVIO 34,

presso lo studio dell’avvocato GUIDO ROMANELLI, che lo rappresenta e

difende unitamente agli avvocati GIOVANNI DEMARIA e ANNA MARIA

NOCITI, per delega in calce al ricorso;

– ricorrente –

contro

PROCURATORE GENERALE RAPPRESENTANTE IL PUBBLICO MINISTERO PRESSO LA

CORTE DEI CONTI, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA BAIAMONTI

25;

– controricorrente –

e contro

PROCURATORE REGIONALE PRESSO LA SEZIONE GIURISDIZIONALE DELLA CORTE

DEI CONTI DELLA REGIONE LOMBARDIA;

– intimato –

avverso la sentenza n. 703/2014 della CORTE CONTI 1^ SEZIONE

GIURISDIZIONALE CENTRALE D’APPELLO – ROMA, depositata il 21/05/2014;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

06/12/2016 dal Consigliere Dott. LUIGI ALESSANDRO SCARANO;

udito l’Avvocato Chiara ROMANELLI per delega dell’avvocato Guido

Romanelli;

udito il P.M. in persona dell’Avvocato Generale Dott. IACOVIELLO

Francesco Mauro, che ha concluso per l’inammissibilità del ricorso.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Il sig. C.D. propone ricorso per difetto assoluto di giurisdizione in relazione alla sentenza Corte dei Conti – Sezione giurisdizionale centrale di appello – 21/5/2014, di accoglimento del gravame interposto dalla Procura regionale presso la Sezione giurisdizionale della Corte dei Conti per la Regione Lombardia e conseguente riforma della pronunzia Corte dei Conti – Sezione giurisdizionale per la Regione Lombardia – 13/6/2012, con condanna al pagamento di somma a titolo di risarcimento dei danni all’immagine subiti dal Ministero della Pubblica Istruzione e dall’Istituto scolastico presso il quale prestava la sua attività di docente, in conseguenza di sentenza della Corte d’Appello di Milano n. 2942 del 2010, confermata da Cass., 24/5/2011, di condanna alla pena di anni 5 di reclusione ed Euro 25.000,00 di multa, per il reato p.p. al D.P.R. n. 309 del 1990, art. 73, (produzione, traffico e detenzione illeciti di sostanze stupefacenti o psicotrope).

Resiste con controricorso la Procura Generale presso la Corte dei Conti.

L’altro intimato non ha svolto attività difensiva.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Con unico motivo il ricorrente denunzia “difetto assoluto di giurisdizione della Corte dei Conti in favore dell’Autorità Giudiziaria Ordinaria”.

Lamenta che “la sentenza impugnata pone a fondamento della condanna un fatto specifico, mai accertato nè in sede di giudizio contabile nè in sede di giudizio penale, consistente nel preteso utilizzo da parte del Prof. C.D., del laboratorio della scuola per l’analisi chimica di alcune partite di cocaina”.

Si duole non essersi considerato che il difetto di tale circostanza (stante il “mancato accertamento della circostanza che gli esami sulle partite di droga fosse stato effettuato all’interno della struttura scolastica”), costituente “presupposto su cui si radicherebbe la giurisdizione della Corte dei Conti”, esclude che la “condotta illecita addebitata nell’ambito del rapporto di servizio tra il convenuto e l’amministrazione di appartenenza” si ponga “in rapporto di occasionalità necessaria con il servizio prestato in favore dell’amministrazione medesima”, sicchè, “in difetto di ogni e qualsiasi collegamento tra l’illecito commesso dal C. e il rapporto di servizio”, rimane nel caso esclusa la possibilità di ipotizzarsi “il danno all’immagine”, in quanto “la lesione del prestigio e della reputazione dell’ente pubblico postula l’immedesimazione organica tra quest’ultimo e l’autore della condotta”.

Il ricorso è inammissibile.

Come queste Sezioni Unite hanno già avuto modo di affermare in tema di responsabilità contabile, la norma del D.L. n. 78 del 2009, art. 17, comma 30 ter, (conv. in L. n. 102 del 2009) che ha circoscritto la possibilità del P.M. presso il giudice contabile di agire per il risarcimento del danno all’immagine di enti pubblici (pena la nullità degli atti processuali computi) ai soli fatti costituenti delitti contro la P.A., accertati con sentenza passata in giudicato, introduce una mera condizione di proponibilità dell’azione di responsabilità davanti al giudice contabile (incidente, dunque, sui soli limiti interni della giurisdizione di tale giudice) e non una questione di giurisdizione (v. Cass., Sez. Un., 7/6/2012, n. 9188), atteso che tale norma non pone una limitazione della giurisdizione contabile ma, nel disciplinare l’esercizio da parte delle Procure regionali della Corte dei Conti dell’azione per il risarcimento del danno all’immagine subito dall’Amministrazione, ha solo circoscritto i casi in cui è possibile esperirla nei confronti di un suo dipendente (v. Cass., Sez. Un., 23/11/2012, n. 20728).

Principio da questa Corte affermato con riferimento a questioni concernenti la sussistenza o meno del rapporto di servizio (v. Cass., Sez. Un., 7/6/2012, n. 9188), e che trova anche nella specie senz’altro applicazione.

Al merito, si è per altro verso posto in rilievo, afferisce invero ogni questione concernente la pretesa insussistenza di un danno risarcibile all’immagine della P.A..

Orbene, va al riguardo ribadito l’affermato principio in base al quale il ricorso per cassazione avverso le sentenze della Corte dei conti è ammesso solo per motivi attinenti alla giurisdizione, e non per censurare un “error in iudicando”, sicchè è inammissibile il ricorso col quale come nella specie si assuma la carenza di giurisdizione in ragione dell’insussistenza di un danno risarcibile all’immagine della P.A., in quanto in tal caso la parte prospetta una questione di merito, attinente all’erronea sussistenza del danno, e non una questione relativa alla giurisdizione (v. Cass., Sez. Un., 7/12/2016, n. 25042; Cass., Sez. Un., 25/11/2008, n. 28059).

Non è a farsi luogo a pronunzia in ordine alle spese, stante la natura di parte soltanto in senso formale del controricorrente Procuratore Generale rappresentante il Pubblico Ministero presso la Corte dei Conti.

PQM

 

La Corte dichiara inammissibile il ricorso.

Ai sensi del D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1 quater, come modif. dalla L. 24 dicembre 2012, n. 228, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento da parte del ricorrente dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato, pari a quello dovuto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis.

Così deciso in Roma, il 6 dicembre 2016.

Depositato in Cancelleria il 24 luglio 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA