Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 18119 del 14/09/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile sez. VI, 14/09/2016, (ud. 26/05/2016, dep. 14/09/2016), n.18119

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CIRILLO Ettore – Presidente –

Dott. CARACCIOLO Giuseppe – Consigliere –

Dott. NAPOLITANO Lucio – Consigliere –

Dott. FEDERICO Guido – Consigliere –

Dott. VELLA Paola – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 15065/2015 proposto da:

M.S., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA FRANCESCO

MOROSINI 12, presso lo studio dell’avvocato LUCA MACRI’,

rappresentato e difeso dall’avvocato FRANCESCO STARA giusta procura

a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE, (OMISSIS), in persona del Direttore Centrale

pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI PORTIGHESI

12, presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STAVO, che la rappresenta e

difende ope legis;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 182/01/2014 della COMMISSIONE TRIBUTARIA

REGIONALE di CAGLIARI del 23/01/2014, depositata il 15/05/2014;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

26/05/2016 dal Consigliere Relatore Dott. PAOLA VELLA.

Fatto

FATTO E DIRITTO

La Corte, costituito il contraddittorio camerale sulla relazione prevista dall’art. 380 bis c.p.c., osserva quanto segue. 1. M.S. chiede la cassazione della sentenza impugnata – di riforma della sentenza con cui la C.T.P. di Nuoto ne aveva accolto il ricorso contro il silenzio-rifiuto sulla istanza di rimborso (presentata il 29.9.05) del credito IVA relativo all’anno 1998, indicato nel quadro RX del Mod. Unico 1999 (ultima dichiarazione per cessazione dell’attività), senza presentazione del Mod. VR – per violazione del D.Lgs. n. 546 del 1992, art. 21 e art. 30, comma 2, nonchè art. 38-bis, D.P.R. n. 633 del 1972, in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, nn. 3) e 5). 2. L’Agenzia delle entrate dà atto che con Direttica n. 9 del 4.5.15 l’amministrazione, conformandosi al “recente orientamento della Cassazione”, ha disposto di abbandonare l’eccezione di decadenza per tardività della domanda di rimborso in ipotesi di omessa presentazione del Mod. VR, ferma restando la necessità di un riscontro dell’esistenza e dell’ammontare dell’eccedenza detraibile indicata in dichiarazione, ai fini del riconoscimento del diritto. Quindi, dopo aver riferito che “dal controllo sulla documentazione esibita dalla parte… è emersa la spettanza del credito IVA pari ad Euro 1.819,48 richiesto a rimborso”, invoca l’estinzione del giudizio con compensazione delle spese, anche se formalmente conclude per il rigetto del ricorso. 3. Nel processo tributario, il D.Lgs. n. 546 del 1992, distingue le ipotesi di estinzione del processo per rinuncia al ricorso (art. 44), per inattività delle parti (art. 45) nonchè nei casi di definizione delle pendenze tributarie previsti dalla legge e in ogni altro caso di cessazione della materia del contendere (art. 46, comma 1). 4. Nel giudizio di impugnazione, l’estinzione vera e propria del giudizio comporta il passaggio in giudicato dalla sentenza impugnata ex art. 338 c.p.c. (Cass. sez. 1, nn. 19160/07 e 22972/04), mentre la cessazione della materia del contendere implica il sopravvenire di un fatto nuovo che fa venire meno l’oggetto stesso del giudizio (come l’autotutela), e con esso l’interesse delle parti ad ottenere una pronuncia, ormai divenuta inutile (Cass. s.u. n. 1048/00; Cass. nn. 9332/01, 7450/02, 3122/03, 4714/06, 12887/09, 7185/10); pertanto, una volta rilevata la cessazione della materia del contendere, il giudice dell’impugnazione deve annullare o cassare senza rinvio la sentenza impugnata, portatrice di una statuizione non più attuale (Cass. sent. n. 19533/11 e ord. n. 13109/12). 5. L’estinzione del giudizio per cessazione della materia del contendere (con regolazione delle spese secondo il criterio della soccombenza virtuale, a meno che le parti non ne chiedano congiuntamene la compensazione) richiede però che siano intervenuti fatti tali da rendere incontestato il venir meno dell’interesse alla pronuncia di merito. Al contrario, una mera convergenza tra le parti circa la fondatezza (o infondatezza) della pretesa, ovvero la condotta processuale con cui la parte – come nel caso di specie la controricorrente – riconosca il diritto in contestazione, con sostanziale adesione alla domanda, rende comunque necessaria una pronuncia sul merito del ricorso, unitamente alla statuizione sulle spese (Cass. nn. 4607/16, 7296/14, 25683/14, 13463/12, 10553/09. 6. Nel caso di specie – in cui la controricorrente riconosce la fondatezza della pretesa, invoca l’estinzione del giudizio e poi contraddittoriamente conclude per il rigetto del ricorso – non emerge un’ipotesi di sopravvenuta cessazione della materia del contendere (come ad esempio il rimborso del credito), sicchè la causa va decisa, con una pronuncia sicuramente favorevole al ricorrente, in forza del consolidato orientamento per cui “In tema di IVA, la domanda di rimborso relativa all’eccedenza di imposta risultata alla cessazione dell’attività di impresa è regolata dal D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633, art. 30, comma 2, con la conseguenza che è esaustiva la manifestazione di una volontà diretta all’ottenimento del rimborso, ancorchè non accompagnata dalla presentazione del modello ministeriale “VR”, che costituisce, ai sensi del D.P.R. n. 633 del 1972, art. 38 bis, solo un presupposto per l’esigibilità del credito, ed è soggetta al termine ordinario di prescrizione decennale, e non a quello di decadenza biennale, del D.Lgs. 31 dicembre 1992, n. 546, ex art. 21, comma 2, applicabile solo in via sussidiaria e residuale” (Cass. Sez. 5^, seni. n. 9941/15; conf. nn. 20069/14, 24889/13, 20039/11, 9794/10, n. 5486/03; sez. 6-5, ord. n. 5024/15). 7. Il ricorso va quindi accolto e, non essendo necessari ulteriori accertamenti in fatto, la causa può essere decisa, con l’accoglimento dell’originario ricorso del contribuente e la condanna dell’Agenzia delle entrate alla rifusione delle spese del giudizio di legittimità; le peculiarità processuali della vicenda consentono invece la compensazione delle spese dei gradi di merito.

PQM

La Corte accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e, decidendo nel merito, accoglie l’originario ricorso del contribuente. Condanna l’Agenzia delle entrate alla rifusione delle spese del presente giudizio, liquidate in Euro 1.300 oltre rimborso forfetario e di legge; dichiara compensate le spese dei gradi di merito.

Così deciso in Roma, il 26 maggio 2016.

Depositato in Cancelleria il 14 settembre 2016

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA