Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 18036 del 04/07/2019

Cassazione civile sez. II, 04/07/2019, (ud. 09/04/2019, dep. 04/07/2019), n.18036

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. LOMBARDO Luigi Giovanni – Presidente –

Dott. SCALISI Antonino – Consigliere –

Dott. CASADONTE Annamaria – Consigliere –

Dott. DONGIACOMO Giuseppe – rel. Consigliere –

Dott. BESSO MARCHEIS Chiara – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 6467/2015 proposto da:

G.N., rappresentato e difeso dall’Avvocato ELOHIM

RUDOLPH-RAMIREZ e dall’Avvocato HARTMANN REICHHALTER ed

elettivamente domiciliato a Roma, via Federico Confalonieri 5,

presso lo studio dell’Avvocato LUIGI MANZI per procura speciale a

margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

GLUDERER GERMAR e G&G PROJECTMANAGEMENT G.M.B.H. S.R.L.,

rappresentati e difesi, anche disgiuntamente, dall’Avvocato

V.Z.M. e dall’Avvocato SALVATORE ALBERTO ROMANO presso il cui

studio a Roma, viale XXI aprile 11, elettivamente domiciliano per

procura speciale a margine del controricorso;

– controricorrenti e ricorrenti incidentali –

avverso la sentenza n. 116/2014 della CORTE D’APPELLO di TRENTO –

sezione distaccata di BOLZANO, depositata il 2/8/2014;

udita la relazione della causa svolta nell’udienza pubblica del

9/4/2019 dal Consigliere Dott. GIUSEPPE DONGIACOMO;

sentito il Pubblico Ministero, nella persona del Sostituto

Procuratore Generale della Repubblica, Dott. MISTRI Corrado, il

quale ha concluso per l’estinzione del procedimento di cassazione

per intervenuta rinuncia ai ricorsi;

sentito, per il ricorrente, l’Avvocato LUIGI MANZI;

sentito, per i controricorrenti e ricorrenti incidentali, l’Avvocato

SALVATORE ALBERTO ROMANO;

Fatto

FATTO E DIRITTO

rilevato che: – il ricorrente principale ha dichiarato di rinunciare al ricorso; – i controricorrenti e ricorrenti incidentali hanno, a loro volta, dichiarato di rinunciare al ricorso incidentale; – il ricorrente ed i controricorrenti hanno dichiarato di accettare la rinuncia dell’altra parte;

rilevato che la rinuncia al ricorso comporta l’estinzione del giudizio di cassazione e che, a fronte dell’adesione delle relative controparti, la condanna alle spese non è pronunciata (art. 391 c.p.c.).

P.Q.M.

la Corte così provvede: dichiara l’estinzione del giudizio di cassazione.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Seconda Civile, il 9 aprile 2019.

Depositato in Cancelleria il 4 luglio 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA