Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 18003 del 01/09/2011

Cassazione civile sez. I, 01/09/2011, (ud. 17/05/2011, dep. 01/09/2011), n.18003

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. VITRONE Ugo – Presidente –

Dott. BERNABAI Renato – rel. Consigliere –

Dott. BISOGNI Giacinto – Consigliere –

Dott. SCALDAFERRI Andrea – Consigliere –

Dott. DE CHIARA Carlo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 29514/2007 proposto da:

FINMOTORS S.R.L. (P.I. (OMISSIS)), in persona del legale

rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA

CONCA D’ORO 184 – 190, presso l’avvocato DISCEPOLO Maurizio, che la

rappresenta e difende, giusta procura a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

SOCIETA’ AUTOSTRADE PER L’ITALIA S.P.A. (c.f. (OMISSIS)), già

Società Autostrade CONCESSIONI e COSTRUZIONI AUTOSTRADE S.P.A., in

persona del procuratore speciale pro tempore, elettivamente

domiciliata in ROMA, VIALE PARIOLI 124, presso l’avvocato FERRARI

Luigi, che la rappresenta e difende, giusta procura a margine del

controricorso;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 477/2006 della CORTE D’APPELLO di PERUGIA,

depositata il 30/10/2006;

udita la relazione della causa svolta nella Pubblica udienza del

17/05/2011 dal Consigliere Dott. RENATO BERNABAI;

udito, per la ricorrente, l’Avvocato M. DISCEPOLO che ha chiesto

l’accoglimento del ricorso;

udito, per la controricorrente, l’Avvocato D. PARUCCA, per delega,

che ha chiesto il rigetto del ricorso;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

APICE Umberto, che ha concluso per l’inammissibilità, in subordine

rigetto del ricorso.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con atto di citazione notificato il 4 maggio 1994 la FINMOTORS s.r.l.

conveniva dinanzi alla Corte d’appello di Ancona la Società Autostrade Concessioni e Costruzioni Autostrade s.p.a. (più tardi, Società Autostrade per l’Italia s.p.a), proponendo opposizione all’indennità di espropriazione parziale di un fondo di proprietà della Luciano Mariotti e C. s.a.s., dante causa della FINMOTORS s.r.l., destinato all’ampliamento della stazione di Ancona Nord lungo l’autostrada (OMISSIS).

Resisteva alla domanda la società convenuta, eccependo la congruità dell’indennità di espropriazione del terreno, di natura agricola.

Con sentenza 10 aprile 1997 la Corte d’appello di Ancona accoglieva parzialmente la domanda e condannava la Società Autostrade al pagamento di un supplemento di indennità di espropriazione di L. 116.500.000, L. n. 2359 del 1865, ex art. 40.

In accoglimento parziale sia del ricorso principale della Finmotors, che di quello incidentale della Società Autostrade, la Corte di cassazione con sentenza emessa il 5 aprile 2000 cassava la sentenza nella parte in cui la Corte d’appello aveva cumulato l’indennità di esproprio con il risarcimento per il diminuito valore della porzione residua, in violazione del criterio differenziale dettato dalla L. n. 2359 del 1865, art. 40.

Riassunta in termini, la causa veniva decisa, in sede di rinvio, con sentenza 30 ottobre 2006 della Corte d’appello di Perugia, che determinava in complessive L. 30.240.000 l’ammontare dell’indennità di esproprio e dell’indennità di occupazione legittima, compensando interamente tra le parti le spese di tutti gradi di giudizio.

Avverso la sentenza, non notificata, la FINMOTORS s.r.l. proponeva ricorso per cassazione, notificato il 13 novembre 2007, deducendo, con unico motivo l’erronea applicazione del principio di diritto enunciato e la violazione della L. n. 2359 del 1865, art. 40, della L. n. 865 del 1971, artt. 15 e 16 e della L. n. 359 del 1992, art. 5 bis; nonchè la carenza di motivazione.

Resisteva la Società Autostrade per l’Italia spa con controricorso, ulteriormente illustrato con successiva memoria.

All’udienza del 17 maggio 2011 il Procuratore generale ed i difensori precisavano le rispettive conclusioni come da verbale, in epigrafe riportate.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Il ricorso è inammissibile per omessa enunciazione del quesito di diritto ex articolo 366 bis codice procedura civile.

Premessola predetta norma si applica ai ricorsi proposti avverso provvedimenti pubblicati a far data dal 2 marzo 2006, senza che abbia alcun rilievo la data di notifica del provvedimento da impugnare (Cassazione civile, sez. 3^, 5 giugno 2007, n. 13067) si osserva come il requisito sia tuttora applicabile, ratione temporis, per i ricorsi proposti prima della sua abrogazione per effetto della L. 18 giugno 2009, n. 69. Non solo perchè alla stregua del principio generale di cui all’art. 11 disp. gen., comma 1, in mancanza di espressa disposizione contraria la legge non dispone che per l’avvenire e non ha effetto retroattivo (avendo l’abrogazione solo l’effetto di porre un limite temporale finale alla vigenza), ma anche in virtù della disposizione specifica di cui alla citata L. n. 69 del 2009, art. 58, comma 5, in base al quale lo jus superveniens si applica ai ricorsi per cassazione proposti avverso provvedimenti pubblicati a decorrere dalla data di entrata in vigore della medesima legge (4 luglio 2009):

con la conseguenza che per quelli antecedenti (dopo l’entrata in vigore del D.Lgs. 2 febbraio 2006, n. 40; e cioè, dal 2 marzo 2006) la formulazione del quesito di diritto per ogni singola censura è ancora richiesta a pena di inammissibilità (Cass., sez. 3, 24 marzo 2010, n. 7119; Cass., sez. 2, 27 settembre 2010, n. 20.323).

Nella specie, la ricorrente Finmotors s.r.l. ha del tutto omesso di concludere l’esposizione del motivo di doglianza con il quesito di diritto, inteso come sintesi logico-giuridica della questione, idonea a far comprendere alla corte di legittimità l’errore di diritto asseritamente compiuto dal giudice di merito, con la prospettazione alternativa della regola da applicare (Cass., sez. lavoro, 7 aprile 2009, n. 8463): onde, il suo ricorso va dichiarato inammissibile.

Le spese seguono soccombenza e vengono liquidate come in dispositivo, sulla base del valore della causa e del numero e complessità delle questioni trattate.

P.Q.M.

Dichiara inammissibile il ricorso e condanna la ricorrente alla rifusione delle spese processuali, liquidate in complessivi Euro 2.700,00, di cui Euro 2.500,00 per onorari, oltre le spese generali e gli accessori di legge.

Così deciso in Roma, il 17 maggio 2011.

Depositato in Cancelleria il 1 settembre 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA