Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 18000 del 20/07/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 20/07/2017, (ud. 12/04/2017, dep.20/07/2017),  n. 18000

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SCALDAFERRI Andrea – Presidente –

Dott. SAMBITO Maria Giovanna C. – Consigliere –

Dott. VALITUTTI Antonio – rel. Consigliere –

Dott. FERRO Massimo – Consigliere –

Dott. MERCOLINO Guido – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 19877/2016 proposto da:

T.C., TO.GI.MA., elettivamente domiciliati in

ROMA, PIAZZA CAVOUR, presso lo studio dell’avvocato SABBATINA

MOGAVERO, che li rappresenta e difende;

– ricorrenti –

contro

G.G., elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA CAVOUR

presso la CORTE DI CASSAZIONE, rappresentato e difeso dall’avvocato

SIMONE BONGIOVANNI;

– resistente –

e contro

G.D.A., elettivamente domiciliata in ROMA, PIAZZA

CAVOUR presso la CORTE DI CASSAZIONE, rappresentata e difesa dagli

avvocati MASSIMO AGERLI e MARIAFRANCA BLANGETTI AGERLI;

– resistente –

e contro

UNICREDIT CORPORATE BANKING S.P.A.;

– intimata –

per regolamento di competenza avverso l’ordinanza del TRIBUNALE di

TORINO, depositata il 16/06/2016, emessa sul procedimento iscritto

al n. 30569/2015 R.G.;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio non

partecipata del 12/04/2017 dal Consigliere Dott. ANTONIO VALITUTTI;

lette le conclusioni scritte del Pubblico Ministero, in persona del

Sostituto Procuratore Generale Dott. CARDINO Alberto, che chiede

dichiararsi l’inammissibilità del regolamento di competenza

proposto.

Fatto

FATTO E DIRITTO

Rilevato che:

To.Gi.Ma. e T.C. hanno proposto ricorso per regolamento necessario di competenza nei confronti dell’ordinanza emessa dal Tribunale di Torino in data 16 giugno 2016, con la quale era stata dichiarata la litispendenza tra il giudizio iscritto a ruolo al n. 30569/2015, pendente dinanzi al Tribunale di Torino, ed il giudizio iscritto a ruolo al n. 9266/2012, pendente dinanzi a questa Corte;

le resistenti G.D.A. e G.G. hanno replicato con controricorso, ed il Procuratore Generale ha concluso per l’inammissibilità del regolamento di competenza proposto;

considerato che:

la pronuncia con cui il giudice dichiari la litispendenza, essendo sostanzialmente assimilabile al provvedimento con cui vengono decise le questioni di competenza, può essere impugnata soltanto con il regolamento necessario di competenza (Cass. Sez. U. 31/07/2014, n. 17443);

ritenuto che:

il regolamento di competenza sia configurato dal codice di rito – salvo il caso in cui sia rivolto a risolvere un conflitto virtuale di competenza – come uno specifico mezzo di impugnazione avverso i provvedimenti che pronunziano sulla competenza, sicchè, in ossequio al principio di autosufficienza e specificità del ricorso, deve contenere tutti gli elementi previsti dall’art. 366 c.p.c., in ordine ai quali l’art. 47 dello stesso codice di rito non disponga una regolamentazione differenziata, e che, dunque, ai sensi del n. 6 della succitata norma, la parte sia tenuta, oltre a richiamare gli atti e i documenti del giudizio di merito, anche a riprodurli nel ricorso e ad indicare in quale sede processuale fossero stati prodotti (Cass. 30/07/2015, n. 16134; Cass. 21/07/2006, n. 16752; Cass. 13/11/2000, n. 14699);

rilevato che:

nel caso concreto, i ricorrenti deducono che i due giudizi suindicati non sarebbero identici sul piano oggettivo, talchè non potrebbe configurarsi l’istituto della litispendenza ex art. 39 c.p.c., atteso che nel procedimento pendente dinanzi a questa Corte non sarebbe stata proposta, in nessun grado del giudizio, la questione relativa alla nullità o inesistenza della cessione di credito tra Unicredit Corporate Banking s.p.a. e la signora G.D.A., costituente oggetto, invece, del procedimento pendente dinanzi al Tribunale di Torino;

gli istanti non hanno, tuttavia, nè riprodotto nei punti essenziali, nè allegato al ricorso; gli atti del giudizio n. 9266/2012, pendente dinanzi alla Corte di Cassazione, al fine di consentire a questa stessa Corte di verificare se il medesimo abbia, o meno, il medesimo oggetto del giudizio n. 30569/2015, pendente dinanzi al Tribunale di Torino;

ritenuto che:

per le ragioni suesposte, il ricorso debba essere dichiarato inammissibile, con condanna dei ricorrenti alle spese del presente giudizio.

PQM

 

Dichiara inammissibile il ricorso. Condanna i ricorrenti al pagamento, in favore dei controricorrenti delle spese del giudizio di legittimità, che liquida, per ciascun resistente, in Euro 3.100,00 per compensi, oltre alle spese forfettarie nella misura del 15 per cento, agli esborsi liquidati in Euro 100,00, ed agli accessori di legge. Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, si dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte dei ricorrenti dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato, pari a quello dovuto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis.

Motivazione semplificata.

Così deciso in Roma, il 12 aprile 2017.

Depositato in Cancelleria il 20 luglio 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA