Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 1794 del 24/01/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Civile Ord. Sez. 6 Num. 1794 Anno 2018
Presidente: AMENDOLA ADELAIDE
Relatore: SESTINI DANILO

ORDINANZA INTERLOCUTORIA
sul ricorso 3151-2017 proposto da:
SWEET TIME DI P FERRARA & C SAS, in persona del legale
rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in
ROMA, PIAZZA CAVOUR, presso la CORTE DI CASSAZIONE,
rappresentata

e

difesa

dall’avvocato

FRANCESCO

SINISCALCHI;
– ricorrente contro
CALIFANO PAOLO;
– intimato avverso la sentenza n. 3765/2016 del TRIBUNALE di SALERNO,
depositata il 04/08/2016;
udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio
non partecipata del 15/11/2017 dal Consigliere Dott. DANILO
SESTINI.

Data pubblicazione: 24/01/2018

Rilevato che:
il Tribunale di Salerno ha rigettato l’opposizione agli atti
esecutivi proposta dalla Sweet Time di Ferrara Pierpaolo & C.
s.a.s. avverso il precetto notificato ad istanza di Paolo Califano,
escludendo che lo stesso fosse nullo per mancata indicazione

posto a base dell’intimazione;
ha ritenuto il Tribunale che la mancata indicazione della
data del decreto che aveva disposto l’esecutorietà non
comportasse la nullità del precetto;
ha proposto ricorso per cassazione la Sweet Time di P.
Ferrara in a.s., affidandosi ad un unico motivo con cui ha
dedotto la violazione e/o falsa applicazione dell’art. 654, 2° co.
cod. proc. civ.; l’intimato non ha svolto attività difensiva;
è stata depositata in Cancelleria proposta ex art. 380 bis
cod. proc. civ., nel senso della fondatezza del ricorso;
Considerato che, all’esito della discussione in camera di
consiglio, è emersa l’opportunità, in ragione delle questioni
giuridiche sottese al ricorso, di rimettere il fascicolo alla
trattazione in pubblica udienza.
P.Q.M.
La Corte rimette la causa alla pubblica udienza della Terza
Sezione Civile.
Roma, 15.11.2017

del provvedimento che aveva disposto l’esecutorietà del d.i.

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA