Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 17913 del 20/07/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. lav., 20/07/2017, (ud. 29/03/2017, dep.20/07/2017),  n. 17913

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MAMMONE Giovanni – Presidente –

Dott. D’ANTONIO Enrica – Consigliere –

Dott. BERRINO Umberto – Consigliere –

Dott. DORONZO Adriana – rel. Consigliere –

Dott. RIVERSO Roberto – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 20537-2011 proposto da:

CONAGIT S.P.A. C.F. (OMISSIS), in persona del legale rappresentante

pro tempore, domiciliata in ROMA PIAZZA CAVOUR presso LA CANCELLERIA

DELLA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE, rappresentata e difesa

dall’avvocato SIRO CENTOFANTI, giusta delega in atti;

– ricorrente –

contro

I.N.P.S. – ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE C.F. (OMISSIS), in

persona del Presidente e legale rappresentante pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA, VIA CESARE BECCARIA 29, presso

l’Avvocatura Centrale dell’Istituto, rappresentato e difeso dagli

Avvocati ANTONINO SGROI, ENRICO MITTONI, LELIO MARITATO, CARLA

D’ALOISIO, giusta delega in atti;

– controricorrente –

nonchè contro

EQUITALIA CENTRO S.P.A. (già EQUITALIA UMBRIA S.P.A.) C.F.

(OMISSIS), SOCIETA’ DI CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI I.N.P.S –

S.C.C.I. S.P.A.;

– intimati –

avverso la sentenza n. 229/2010 della CORTE D’APPELLO di PERUGIA,

depositata il 30/08/2010 R.G.N. 224/2009.

Fatto

RILEVATO IN FATTO

che:

la Conagit s.p.a. ricorre per cassazione contro la sentenza, pubblicata in data 30/8/2010, della Corte d’appello di Perugia che ha confermato la sentenza del tribunale che ha dichiarato la società decaduta dal diritto di proporre opposizione contro la cartella esattoriale, notificata il 3/4/2006, in relazione a due (dei tre) ruoli emessi, rispettivamente di Euro 15.021,41 e di 19.236,71;

la sentenza impugnata ha dato atto che il ricorso in opposizione è stato proposto in data 24/5/2006, e dunque oltre il termine di 40 giorni fissato dal D.Lgs. n. 46 del 1999, art. 24; al riguardo, ha ritenuto irrilevante la circostanza, dedotta dall’opponente – appellante, che l’Inps avesse sospeso l’efficacia del ruolo e avesse comunicato solo in data 8/5/2006 la revoca della sospensione, in ragione della perentorietà del termine previsto dalla norma citata;

i motivi di ricorso proposti sono due, e ad essi l’Inps resiste con controricorso; non svolge attività difensiva Equitalia Umbria s.p.a.;

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

che:

il primo motivo ha ad oggetto la violazione o falsa applicazione del D.Lgs. n. 46 del 1999, art. 24, in relazione agli artt. 1322,1324,1175 e 1375 c.c.. In sintesi, la parte rileva che il provvedimento del febbraio 2006 con cui l’Inps di Città di Castello aveva disposto la sospensione dei ruoli, poi revocata, aveva il valore negoziale di sospensione unilaterale dell’efficacia della cartella sicchè solo per effetto della revoca della sospensione, e da tale data, era sorto l’onere di impugnazione;

il motivo è infondato alla luce dei precedenti di questa Corte, secondo cui il termine previsto dalla norma citata ha natura perentoria e la sua decorrenza produce l’effetto di rendere incontestabile la pretesa consacrata nella cartella di pagamento (Cass. 12/03/2015, n. 4978; Cass. ord. 15/10/2010, n. 21365; Cass. 1/07/2008, n. 17978; Cass. 25/06/2007, n. 14692);

il principio è stato di recente riaffermato con sentenza di questa Corte del 6/6/2016, n. 11596, in un caso del tutto sovrapponibile alla fattispecie in esame, in cui si è ribadito che il potere di sospensione riconosciuto all’ente dal D.Lgs. n. 46 del 1999, art. 25, comma 2, incide soltanto sulla riscossione del credito (ovvero sugli effetti esecutivi successivi alla formazione del ruolo), ma non ha invece alcun effetto sul termine per impugnare in giudizio il ruolo, in seguito alla notifica della cartella, da esercitarsi entro il termine di decadenza;

d’altra parte, venendo in questione un termine di impugnazione previsto a pena di decadenza, vale pure il principio stabilito dall’art. 2964 c.c., secondo il quale la decadenza non può essere sospesa, salvo che sia altrimenti disposto; e nella fattispecie la legge nulla dispone in tal senso;

neppure può assumere rilievo, ai fini del rispetto del termine di impugnazione, la motivazione del provvedimento di sospensione che, secondo la prospettazione della ricorrente, era stato assunto in attesa di verificare l’an ed il quantum dei crediti: tale motivazione vale al solo scopo di giustificare l’esercizio del potere discrezionale riconosciuto all’ente di sospendere la riscossione coattiva del credito, ma non implica alcuna rinuncia della pretesa sostanziale, nè può assumere valenza negoziale di sospensione del termine in questione, il quale è fissato dalla legge a tutela dell’interesse pubblico alla certezza delle relazioni giuridiche e alla definitività delle sue pretese;

sotto tale riguardo, il provvedimento di sospensione non era idoneo a prorogare il termine di impugnazione sine die o, quanto meno fino alla sua revoca e, per le stesse ragioni, non era idoneo a suscitare un legittimo affidamento in tal senso.

è invece inammissibile il secondo motivo di ricorso, prospettato come violazione dell’art. 112 c.p.c., per omessa pronuncia, da parte della Corte d’appello, sul motivo di gravame avente ad oggetto la richiesta di applicazione della L. n. 241 del 1990, art. 21 nonies: a prescindere dalla genericità della censura, che sembra sollecitare un inammissibile potere di controllo del giudice ordinario sul mancato esercizio da parte dell’amministrazione dell’autotutela, (Cass. Sez. Un., 4/10/1996, n. 8685; Cons. Stato, 3/5/2012, n. 2549), la ricorrente ha omesso di trascrivere gli esatti termini in cui la questione sarebbe stata sottoposta alla cognizione del giudice di merito, nonchè le ragioni del suo rigetto;

al fine di dedurre utilmente in sede di legittimità un vizio di omessa pronunzia, ai sensi dell’art. 112 c.p.c., è invero necessario, da un lato, che al giudice del merito siano state rivolte una domanda od un’eccezione autonomamente apprezzabili, ritualmente ed inequivocabilmente formulate, per le quali quella pronunzia si sia resa necessaria ed ineludibile, e, dall’altro, che tali istanze siano riportate puntualmente, nei loro esatti termini e non genericamente ovvero per riassunto del loro contenuto, nel ricorso per cassazione, con l’indicazione specifica, altresì, dell’atto difensivo e/o del verbale di udienza nei quali l’una o l’altra sarebbero state proposte, onde consentire al giudice di verificarne, in primis, la ritualità e la tempestività ed, in secondo luogo, la decisività delle questioni prospettatevi (Cass. 4/7/2014, n. 15367);

dalla lettura del ricorso per cassazione si rileva che la questione (che sembra più un argomento difensivo che una vera e propria domanda) è stata introdotta solo nelle note difensive del 2/5/2008, e dunque tardivamente rispetto al regime di preclusioni che governa la fase introduttiva del giudizio, sicchè il suo mancato esame da parte del giudice di merito appare implicitamente sorretto dalla inammissibilità per novità della questione;

a ciò deve aggiungersi che, essendo la questione intrinsecamente attinente al merito della pretesa contributiva azionata, correttamente il giudice non l’ha esaminata essendosi spogliato della potestas judicandi con la declaratoria di inammissibilità dell’opposizione (Cass. Sez. U., 17/6/2013, n. 15122);

in definitiva il ricorso deve essere rigettato e la società deve essere condannata al pagamento delle spese del presente giudizio, nella misura indicata in dispositivo;

nessun provvedimento sulle spese deve adottarsi nei confronti della parte che non ha svolto attività difensiva.

PQM

 

La Corte rigetta il ricorso e condanna la ricorrente al pagamento delle spese del presente giudizio, liquidate in Euro 3.700,00, di cui 3.600,00 per compensi professionali, oltre al 15% per spese generali nella misura del 15% e agli altri accessori di legge. Nulla sulle spese del presente giudizio nei confronti della parte rimasta intimata.

Così deciso in Roma, nella Camera di Consiglio, il 29 marzo 2017.

Depositato in Cancelleria il 20 luglio 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA