Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 17906 del 27/08/2020

Cassazione civile sez. VI, 27/08/2020, (ud. 04/06/2020, dep. 27/08/2020), n.17906

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. AMENDOLA Adelaide – Presidente –

Dott. SCRIMA Antonietta – Consigliere –

Dott. CIRILLO Francesco Maria – Consigliere –

Dott. ROSSETTI Marco – Consigliere –

Dott. VALLE Cristiano – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso n. 37669-2019 proposto da:

GENERALI ITALIA SPA (OMISSIS), in persona del legale rappresentante

pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, PIAZZA CAVOUR presso

la CANCELLERIA DELLA CORTE DI CASSAZIONE, rappresentata e difesa

dall’avvocato PIETRO RUSSO;

– ricorrente –

contro

R.G., elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA CAVOUR presso

la CANCELLERIA DELLA CORTE DI CASSAZIONE, rappresentato e difeso

dall’avvocato GAETANO MADONNA;

– resistente –

contro

D.L.A., R.A., R.C., in proprio quale

procuratrice speciale di R.M., R.E.,

R.G.;

– intimati –

avverso l’ordinanza n. 31892/2019 della CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

di ROMA, depositata il 06/12/2019;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 04/06/2020 dal Consigliere Relatore Dott. Cristiano

Valle.

 

Fatto

FATTO E DIRITTO

visto il ricorso per correzione degli errori materiali proposto da Generali Assicurazioni S.p.a., quale impresa designata da Fondo Vittime della Strada, avente ad oggetto l’ordinanza n. 31892 del 06/12/2019, di questa Corte, Sezione III Civile, osserva:

rilevato che nell’ordinanza n. 31892 del 06/12/2019, deliberata all’adunanza del 10/10/2019, nei FATTI DI CAUSA e nei MOTIVI DELLA DECISIONE sono indicate, quale somma liquidata a titolo di risarcimento del danno non patrimoniale, “oltre Euro novantamila”, e nei MOTIVI DELLA DECISIONE quale massimale di polizza la somma di “Euro settantamila”;

rilevato che, viceversa, dal ricorso proposto da Generali Assicurazioni S.p.a. e recante numero di R. G. n. 04528 del 2018 era indicata quale massimale di polizza la somma di Euro settecento settantaquattromila seicentottancinque e trentacinque centesimi (Euro 774.685,35) ed è esposto che la Corte di Appello di Napoli aveva liquidato a titolo risarcitorio del danno non patrimoniale la somma di oltre Euro novecentomila (Euro novecento quattromila e trecento ossia Euro 904.300,00);

ritenuto che nell’ordinanza n. 31892 del 2019 sono evidenti gli errori materiali nell’indicazione delle suddette cifre sia nei FATTI DI CAUSA che nei MOTIVI DELLA DECISIONE;

appare infatti immediatamente ed in modo espresso dalla lettura delle richiamate parti dell’ordinanza che le somme esatte erano quelle di oltre Euro settecentomila e di oltre Euro novecentomila, con la conseguenza che nella fattispecie l’ordinanza suddetta sia nei FATTI DI CAUSA che nelle RAGIONI DELLA DECISIONE presenta degli errori materiali;

per l’eliminazione di tali errori correttamente, quindi, è stato adottato il procedimento di cui all’art. 391 bis c.p.c.;

l’ordinanza deve, pertanto, essere corretta con indicazione della somma per massimale di polizza in Euro settecentosettantaquattromila seicentottancinque e trentacinque centesimi (Euro 774.685,35) e della somma per risarcimento del danno non patrimoniale in oltre Euro novecentomila (curo novecento quattromila e trecento ossia Euro 904.300,00);

che gli errori materiali vanno emendati nei termini suddetti;

che nessuna decisione va emessa sulle spese di questo procedimento, in quanto nel procedimento di correzione degli errori materiali di cui agli artt. 287 e 391 bis c.p.c., non è ammessa alcuna pronuncia sulle spese processuali (Sez. U n. 09438 del 27/06/2002).

P.Q.M.

in accoglimento del ricorso l’ordinanza n. 31892 del 06/12/2019, deliberata all’adunanza del 10/10/2019, sia così corretta: nei FATTI DI CAUSA e nei MOTIVI DELLA DECISIONE le somme indicate in “Euro settantamila” e in “oltre Euro novantamila” siano scritte e si leggano rispettivamente “Euro settecentosettantaquattromila seicentottancinque e trentacinque centesimi (Euro 774.685,35)” e “Euro novecentoquattromila e trecento (Euro 904.300,00)”;

manda alla Cancelleria per gli adempimenti di competenza;

nulla per le spese.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Sesta Civile – 3 della Corte Suprema di Cassazione, il 4 giugno 2020.

Depositato in Cancelleria il 27 agosto 2020

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA