Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 17848 del 26/08/2020

Cassazione civile sez. VI, 26/08/2020, (ud. 12/06/2020, dep. 26/08/2020), n.17848

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE L

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DORONZO Adriana – Presidente –

Dott. LEONE Margherita Maria – Consigliere –

Dott. ESPOSITO Lucia – Consigliere –

Dott. PONTERIO Carla – rel. Consigliere –

Dott. MARCHESE Gabriella – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 9024-2019 R.G. proposto da:

INAIL – ISTITUTO NAZIONALE PER L’ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI

SUL LAVORO, (OMISSIS), in persona del Direttore pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA, VIA IV NOVEMBRE 144, presso gli

Uffici dell’AVVOCATURA dell’Istituto medesimo, rappresentato e

difeso dagli avvocati ANDREA ROSSI, LETIZIA CRIPPA;

– ricorrente –

contro

TERNIENERGIA SPA, in persona del Presidente pro tempore,

elettivamente domiciliata in ROMA, VIA PANAMA 86, presso lo studio

dell’avvocato GIOVANNI RANALLI, che la rappresenta e difende;

– resistente –

contro

N.E.S., V.F., L.A., UNIPOLSAI

ASSICURAZIONI SPA, ARGO GLOBAL ASSICURAZIONI SPA;

– intimati –

per regolamento di competenza avverso l’ordinanza del TRIBUNALE di

VICENZA, depositata il 15/02/2019;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 12/06/2020 dal Consigliere Relatore Dott. CARLA

PONTERIO;

lette le conclusioni scritte del Pubblico Ministero, in persona del

Sostituto Procuratore Generale Dott. CIMMINO ALESSANDRO, che chiede

che la Corte di Cassazione, in camera di consiglio, accolga il

ricorso, con le conseguenze di legge.

 

Fatto

RILEVATO

che:

1. con ricorso depositato il 3.1.2018 l’INAIL ha convenuto in giudizio dinanzi al Tribunale di Vicenza, in funzione di giudice del lavoro, N.E.S. quale amministratore unico della BE.SOLAR srl, la BE.SOLAR srl, V.F. quale consigliere delegato della TerniEnergia spa, la TerniEnergia spa, L.A. quale coordinatore per la progettazione ed esecuzione dei lavori, con azione di regresso per ottenere il rimborso della somma corrispondente alle prestazioni erogate in favore di S.F. per l’infortunio occorso il 30.7.2010;

2. l’infortunio si era verificato mentre il lavoratore era intento alla posa in opera di pannelli solari sul tetto dello stabile di proprietà della FIAMM spa, che aveva commissionato i lavori a TerniEnergia spa la quale, a sua volta, li aveva subappaltati alla BE.SOLAR srl, alle cui dipendenze operava S.F. quale lavoratore somministrato;

3. in conseguenza dell’infortunio sono stati rinviati a giudizio N.S.E., V.F., L.A. per i reati di cui all’art. 590 c.p., commi 2 e 3, e all’art. 583 c.p., comma 1, n. 1, e per quelli contravvenzionali, nonchè le due società, BE.SOLAR srl e TerniEnergia spa ai sensi del D.Lgs. n. 231 del 2000; per le tre persone fisiche imputate e per la TerniEnergia spa il procedimento penale è stato definito con sentenza n. 103/14 ai sensi dell’art. 444 c.p.p. mentre nei confronti della BE.SOLAR srl è disposto il rinvio a giudizio;

4. il Tribunale di Vicenza adito dall’INAIL, con ordinanza del 4.2.2019 pronunciata fuori udienza, accogliendo l’istanza proposta dalla difesa del N. e della BE.SOLAR srl, ha così disposto: “vista la pendenza del procedimento penale n. RG 114/13 nei confronti di BE.SOLAR srl, ai sensi dell’art. 295 c.p.c. sospende il presente procedimento in attesa di definizione di quello penale”;

5. avverso tale ordinanza l’INAIL ha proposto regolamento necessario di competenza ed ha dedotto l’insussistenza dei presupposti di cui all’art. 295 c.p.c. in ragione del superamento della pregiudizialità penale; ha richiamato precedenti specifici di legittimità che, in base al disposto dell’art. 75 e 654 c.p.p., dell’art. 211 disp. att. c.p.p. e dell’art. 295 c.p.c., hanno ribadito l’autonomia dell’azione di regresso INAIL di cui al D.P.R. n. 1124 del 1965, art. 11, rispetto al processo penale e quindi l’insussistenza dei presupposti della sospensione necessaria di cui all’art. 295 c.p.c.; ha argomentato come nel caso di specie non potesse invocarsi l’art. 75 c.p., comma 3, che disciplina l’azione civile per le restituzioni e il risarcimento del danno e di cui, comunque, difettavano i presupposti;

6. la TerniEnergia spa si è costituita chiedendo il rigetto del ricorso; le altre parti, ritualmente citate, non hanno svolto difese;

7. il pubblico ministero ha depositato conclusioni scritte, ai sensi dell’art. 380 ter c.p.c..

Diritto

CONSIDERATO

che:

8. l’istanza di regolamento necessario di competenza, ai sensi dell’art. 42 c.p.c., è fondata;

9. la tesi dell’Istituto è conforme alla unanime giurisprudenza di questa Corte che anzitutto, a proposito dell’art. 295 c.p.c. ha statuito che “Il giudizio civile può essere sospeso, ai sensi dell’art. 295 c.p.c., dell’art. 654c.p.p., e dell’art. 211 disp. att. c.p.p., ove una norma di diritto sostanziale ricolleghi alla commissione del reato un effetto sul diritto oggetto di tale giudizio, purchè la sentenza penale possa avere, nel caso concreto, valore di giudicato nel processo civile. Pertanto, per rendere dipendente la decisione civile dalla definizione del giudizio penale, non basta che nei due processi rilevino gli stessi fatti, ma occorre che l’effetto giuridico dedotto in ambito civile sia collegato normativamente alla commissione del reato”, (Cass., Sez. 6 n. 18202/18; Sez. 6 n. 6834/17; n. 26863/16; n. 10889 del 2016);

10. con specifico riferimento al rapporto tra l’azione di regresso Inail di cui all’art. 11 cit. e il processo penale nei confronti di soggetti imputati in conseguenza dell’infortunio sul lavoro, questa Corte ha annullato le ordinanze di sospensione del giudizio civile ove era stata esercitata l’azione di regresso prima della definizione del giudizio penale, statuendo “In base alla regola generale di cui all’art. 295 c.p.c., nella formulazione introdotta dalla L. 26 novembre 1990, n. 353, art. 33, il giudizio instaurato dall’Inail nei confronti del datore di lavoro per il rimborso delle prestazioni economiche erogate a lavoratore infortunato, D.P.R. n. 1124 del 1965, ex art. 11, non è soggetto a sospensione necessaria in attesa dell’esito del processo penale pendente per gli stessi fatti, atteso che, in applicazione dell’art. 654 c.p.p., l’efficacia della emananda sentenza penale di condanna o di assoluzione non potrà mai fare stato nei confronti dell’Inail, che non è parte nel giudizio penale; nè, d’altra parte, in tale ipotesi possono trovare applicazione le regole speciali di sospensione previste dall’art. 75 c.p.p., in relazione all’azione civile per le restituzioni e il risarcimento del danno, posto che l’azione di regresso esercitata dall’Inail è diversa da quella restitutoria o risarcitoria che legittima la costituzione di parte civile nel processo penale” (Cass. n. 2952 del 2001; n. 16874 del 2004; 27102 del 2018);

11. a seguito della previsione della facoltà dell’Inail di costituirsi parte civile nel processo penale pendente contro il datore di lavoro per i medesimi fatti, L. n. 123 del 2007, ex art. 2, poi sostituito dal D.Lgs. n. 81 del 2008, art. 61, comma 1, e ove pure si consideri equiparabile l’azione di regresso a quella risarcitoria ai fini dell’esercizio nel processo penale, la disciplina del rapporto tra azione civile e processo penale deve rinvenirsi nell’art. 75 c.p.p., comma 3, secondo cui “Se l’azione è proposta in sede civile nei confronti dell’imputato dopo la costituzione di parte civile nel processo penale o dopo la sentenza penale di primo grado, il processo civile è sospeso fino alla pronuncia della sentenza penale non più soggetta a impugnazione, salve le eccezioni previste dalla legge”;

12. al riguardo si è precisato (Cass. sez. 6 n. 26869/18) che “nell’ordinamento processuale vigente, l’unico mezzo preventivo di coordinamento tra il processo civile e quello penale è costituito dall’art. 75 c.p.p., il quale esaurisce ogni possibile ipotesi di sospensione del giudizio civile per pregiudizialità, ponendosi come eccezione al principio generale di autonomia, al quale s’ispirano i rapporti tra i due processi, con il duplice corollario della prosecuzione parallela del giudizio civile e di quello penale, senza alcuna possibilità di influenza del secondo sul primo, e dell’obbligo del giudice civile di accertare autonomamente i fatti. La sospensione necessaria del giudizio civile è pertanto limitata all’ipotesi in cui l’azione in sede civile sia stata proposta dopo la costituzione di parte civile nel processo penale, o dopo la sentenza penale di primo grado, atteso che esclusivamente in tali casi si verifica una concreta interferenza del giudicato penale nel giudizio civile, non potendosi pervenire anticipatamente ad un esito potenzialmente difforme da quello penale in ordine alla sussistenza di uno o più dei comuni presupposti di fatto e prevedendosi, nel caso inverso, la facoltà di trasferire l’azione civile nel processo penale, il cui esercizio comporta la rinuncia ex lege agli atti del giudizio civile, ovvero la prosecuzione separata dei due giudizi (Cass., ord., 12/06/2006, n. 13544; Cass., ord., 22/12/2016 n. 26863, v. anche Cass. 22/06/2017 n. 15470; Cass., ord. 17/11/2015, n. 23516; Cass. 17/02/2010, n. 3820);

13. nel caso di specie è pacifico che l’Inail non si è costituito parte civile nel processo penale ed inoltre l’azione di regresso Inail è stata esercitata prima della sentenza di primo grado emessa nei confronti della BE.SOLAR srl, come si ricava dalla istanza di sospensione presentata dinanzi al Tribunale di Vicenza che fa riferimento al processo penale nei confronti della BE.SOLAR srl RG n. 6535/2010 “con la fase istruttoria in fieri e prossima udienza fissata per il giorno 4.10.2018”, trascritta nel ricorso in esame a pag. 3;

14. per le considerazioni svolte, deve accogliersi l’istanza di regolamento di competenza ed annullarsi l’ordinanza di sospensione ai sensi dell’art. 295 c.p.c., disponendosi la prosecuzione del giudizio dinanzi al Tribunale di Vicenza, che provvederà anche sulle spese del presente regolamento.

P.Q.M.

La Corte accoglie il ricorso, annulla l’ordinanza impugnata e dispone la prosecuzione del giudizio dinanzi al Tribunale di Vicenza dinanzi al quale le parti dovranno riassumere la causa nel termine di legge e che provvederà anche sulle spese del presente regolamento.

Così deciso in Roma, nell’adunanza camerale, il 12 giugno 2020.

Depositato in Cancelleria il 26 agosto 2020

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA