Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 17783 del 03/07/2019

Cassazione civile sez. lav., 03/07/2019, (ud. 16/05/2019, dep. 03/07/2019), n.17783

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. NOBILE Vittorio – Presidente –

Dott. GARRI Fabrizia – Consigliere –

Dott. LEO Giuseppina – Consigliere –

Dott. MARCHESE Gabriella – Consigliere –

Dott. BOGHETICH Elena – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 26520-2017 proposto da:

FONDAZIONE TEATRO ALLA SCALA DI MILANO, in persona del legale

rappresentante pro tempore, rappresentata e difesa dall’AVVOCATURA

GENERALE DELLO STATO, presso i cui Uffici domicilia in ROMA, alla

VIA DEI PORTOGHESI N. 12;

– ricorrente –

contro

A.A., domiciliata in ROMA PIAZZA CAVOUR presso LA

CANCELLERIA DELLA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE, rappresentata e

difesa dagli avvocati ANTONIO CIVITELLI, FRANCESCA VERDURA;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 578/2017 della CORTE D’APPELLO di MILANO,

depositata il 15/05/2017 R.G.N. 1557/2014;

il P.M. ha depositato conclusioni scritte.

Fatto

RILEVATO IN FATTO E DIRITTO

Che:

1. La Corte di appello di Milano, con sentenza depositata il 15.5.2017, confermando la sentenza del Tribunale della medesima sede, ha riconosciuto il diritto di A.A. all’inquadramento nel 2 livello del CCNL 2010 (prima ballerina) dal gennaio 2005 e nel 1 livello (prima interprete) dal novembre 2007;

2. per la cassazione di tale sentenza ha proposto ricorso la Fondazione Teatro alla Scala di Milano ed la controricorrente ha resistito con controricorso;

3. la Fondazione ha depositato verbale di conciliazione intervenuto in sede sindacale ove risulta che le parti hanno raggiunto un accordo transattivo concernente la controversia de qua, dandosi atto dell’intervenuta amichevole e definitiva conciliazione a tutti gli effetti di legge e dichiarando la rinuncia della Fondazione al ricorso prendente avanti a questa Corte e l’accettazione da parte dell’ A., con compensazione delle spese di lite;

4. il suddetto verbale di conciliazione si palesa idoneo a dimostrare la cessazione della materia del contendere nel giudizio di cassazione essendo sopravvenuto un mutamento della situazione evocata in giudizio;

5. nulla sulle spese, avendo le parti provveduto a regolarle con l’atto di conciliazione.

P.Q.M.

La Corte dichiara cessata la materia del contendere.

Così deciso in Roma, nella Adunanza camerale, il 16 maggio 2019.

Depositato in Cancelleria il 3 luglio 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA