Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 1769 del 26/01/2011

Cassazione civile sez. un., 26/01/2011, (ud. 09/11/2010, dep. 26/01/2011), n.1769

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONI UNITE CIVILI

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. VITTORIA Paolo – Primo Presidente f.f. –

Dott. ELEFANTE Antonino – Presidente Sezione –

Dott. ALTIERI Enrico – Presidente Sezione –

Dott. MAZZIOTTI DI CELSO Lucio – Consigliere –

Dott. SALVAGO Salvatore – Consigliere –

Dott. CECCHERINI Aldo – Consigliere –

Dott. AMOROSO Giovanni – Consigliere –

Dott. CHIARINI Maria Margherita – Consigliere –

Dott. SPIRITO Angelo – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

COMUNITA’ COMPRENSORIALE VALLE PUSTERIA, in persona del Presidente

pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA FEDERICO

CONFALONIERI 5, presso lo studio dell’avvocato MANZI LUIGI, che la

rappresenta e difende unitamente all’avvocato KOLLENSPERGER JURGEN,

per delega a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO, in persona del Presidente pro-tempore,

elettivamente domiciliata in ROMA, VIA BASSANO DEL GRAPPA 24, presso

lo studio dell’avvocato COSTA MICHELE, che la rappresenta e difende

unitamente agli avvocati FADANELLI LAURA, VON GUGGENBERG RENATE,

LARCHER MARIA, per delega a margine del controricorso;

– controricorrente –

e contro

M.J., D.O., O.R., L.

F., G.M.;

– intimati –

sul ricorso 25420-2007 proposto da:

PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO, in persona del Presidente pro-tempore,

elettivamente domiciliata in ROMA, VIA BASSANO DEL GRAPPA 24, presso

lo studio dell’avvocato COSTA MICHELE, che la rappresenta e difende

unitamente agli avvocati VON GUGGENBERG RENATE, LARCHER MARIA, per

delega a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

O.R., D.O., L.F., G.

L.M., M.J., COMUNITA’ COMPRENSORIALE

VALLE PUSTERIA;

– intimati –

avverso la sentenza n. 35/2006 della SEZ. DIST. CORTE D’APPELLO di

BOLZANO, depositata il 14/10/2006;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

09/11/2010 dal Consigliere Dott. ANGELO SPIRITO;

uditi gli avvocati Luigi MANZI, Michele COSTA;

udito il P.M. in persona dell’Avvocato Generale Dott. IANNELLI

Domenico, che ha concluso per la cessazione della materia del

contendere, in subordine inammissibilità di entrambi i ricorsi.

La Corte:

Fatto

RILEVATO IN FATTO

che:

alcuni soggetti, in proprio e per i propri figli, chiesero al Tribunale di Bolzano, quale giudice del lavoro, di accertare e dichiarare che la Comunità comprensoriale Valle Pusteria non era in diritto di chiedere loro di partecipare alla tariffa per il lavoro svolto da loro o dai loro familiari con handicap nei laboratori protetti o di subordinare quel lavoro alla partecipazione alla tariffa; quindi, di condannare la Comunità alla restituzione degli importi sin dall’entrata in vigore del Decreto Della Presidente Della Giunta Provinciale 11 agosto 2000, n. 30;

intervenuta nel giudizio la Provincia autonoma a sostegno delle ragioni della Comunità, il Tribunale di Bolzano, dichiarata la giurisdizione del G.O., accertò che la partecipazione ai costi da parte dell’assistito e dei suoi familiari non era giustificata sino a che la persona affetta da handicap si trovava nella fase di istruzione e formazione professionale, mentre doveva ritenersi conforme a diritto dopo tale periodo; respinse, altresì, la domanda di restituzione degli importi pagati;

la sentenza di primo grado è stata integralmente confermata dalla Corte d’appello di Trento con la sentenza che ora la Comunità Comprensoriale Valle Pusteria (due motivi) e la Provincia Autonoma di Bolzano (tre motivi) impugnano per cassazione; osserva che è stato depositato atto di transazione tra le parti della presente causa, nel quale è previsto che “le vertenze …. pendenti innanzi alla Corte di cassazione vengono abbandonate, con compensazione integrale delle spese processuali …”;

tale circostanza comporta il venir meno dell’interesse delle parti alla definizione della controversia per cessata materia del contendere, sicchè i ricorsi riuniti devono essere dichiarati inammissibili.

P.Q.M.

Riuniti i ricorsi li dichiara inammissibili e compensa interamente tra le parti le spese del giudizio di cassazione.

Così deciso in Roma, il 9 novembre 2010.

Depositato in Cancelleria il 26 gennaio 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA