Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 17683 del 17/07/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 17/07/2017, (ud. 05/04/2017, dep.17/07/2017),  n. 17683

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CIRILLO Ettore – Presidente –

Dott. MANZON Enrico – Consigliere –

Dott. NAPOLITANO Lucio – Consigliere –

Dott. VELLA Paola – rel. Consigliere –

Dott. SOLAINI Luca – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 21199-2015 proposto da:

I.M., nella qualità di rappresentante legale pro tempore

della I.L. e FIGLI S.P.A., elettivamente domiciliato

in ROMA, PIAZZA CAVOUR, presso la CORTE DI CASSAZIONE, rappresentato

e difeso dall’Avvocato MARCELLO PERILLO;

– ricorrente –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE, (OMISSIS), in persona del Direttore pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12,

presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la rappresenta e

difende ope legis;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 170/33/2015 della COMMISSIONE TRIBUTARIA

REGIONALE di MILANO, depositata il 23/01/2015;

letta la memoria ex art. 380-bis c.p.c. depositata da parte

ricorrente; udita la relazione della causa svolta nella camera di

consiglio non partecipata del 05/04/2017 dal Consigliere Dott. PAOLA

VELLA.

Fatto

FATTO E DIRITTO

Rilevato che:

1. in fattispecie relativa ad avviso di accertamento per erroneo classamento catastale, la C.T.R. ha accolto l’appello dell’Ufficio per erronea attribuzione della “categoria catastale B/4 propria degli immobili che possono essere destinati esclusivamente ad uffici pubblici”, trattandosi di “un immobile che per caratteristiche strutturali non può che essere destinato ad uso uffici o depositi, di proprietà di un soggetto privato che ha stipulato un contratto di affitto con il Comune di Lecco” e, “sebbene lo stesso sia attualmente destinato a sede del Tribunale di Lecco, la sua destinazione può mutare in qualsiasi momento ed essere utilizzato per attività di natura terziaria da parte di soggetti non pubblici”;

2. parte ricorrente impugna la sentenza d’appello per violazione e falsa applicazione del D.Lgs. n. 514 del 1948, art. 2, in quanto, anche sulla scorta delle Circolari menzionate a pag. 5 del ricorso, rientrerebbero nella categoria D/8 solo i “fabbricati costruiti o adattati per le speciali esigenze di un’attività commerciale e non suscettibili di destinazione diversa senza radicali trasformazioni”, mentre nel caso di specie l’immobile è stato adattato non già ad esigenze commerciali, bensì a quelle pubblicistiche proprie dell’amministrazione della giustizia, restando peraltro suscettibile di diversa destinazione solo attraverso radicali trasformazioni, donde la corretta attribuzione della categoria “B/4 – uffici pubblici”, in forza dell’uso collettivo dell’immobile; inoltre, anche per le unità immobiliari classificate nella categoria C/2 (magazzini e locali di deposito) sarebbe erroneo il classamento in D/8, stanti l’uso non commerciale e le ridotte dimensioni, “inferiori rispetto al limite di mq 500”;

3. all’esito della camera di consiglio, il Collegio ha disposto adottarsi la motivazione in forma semplificata.

Considerato che:

4. la censura è meritevole di accoglimento, in quanto, pacifica la circostanza dell’utilizzo dell’immobile de quo quale sede di un ufficio giudiziario, la relativa sussunzione nella categoria catastale B/4 (uffici pubblici) – come preteso dal contribuente – ovvero nella categoria D/8 (fabbricati costruiti per esigenze commerciali, ipermercati e supermercati) – come invece ritenuto dall’amministrazione – integra una questione non già di merito, bensì di falsa applicazione della norma invocata;

5. invero, a fronte della incontestata ristrutturazione ed attuale conformazione interna delle unità immobiliari de quibus all’uso pubblico e collettivo di ufficio giudiziario (Tribunale), va esclusa un’attuale destinazione delle stesse ad uso commerciale, mentre una loro futura ed eventuale destinazione a detto uso, proprio della categoria ordinaria D/8 – soggetta a classamento mediante confronto con le unità “tipo” di riferimento – appare condizionata proprio a quelle “radicali trasformazioni” specularmente contemplate dall’art. 2, d.lgs. n. 514/1948, tenuto conto che rientrano nella categoria D/8 – soggetta a classamento mediante “stima diretta” – gli immobili (quali centri commerciali, mercati, fiere, spazi espositivi) costruiti per le speciali esigenze di un’attività industriale e commerciale e non suscettibili di una destinazione estranea a dette esigenze, appunto, senza radicali trasformazioni (R.D.L. n. 652 del 1939, art. 10 e succ.mod.); nè assume a tal fine rilievo decisivo la circostanza della titolarità privata del bene (arg., da ultimo, Cass. sez. 5, n. 25134/16);

6. la sentenza merita quindi di essere cassata con rinvio per nuovo esame, anche al fine di tener conto delle diverse categorie catastali in concreto attribuite alle varie unità immobiliari del compendio de quo, oltre che per la pronuncia sulle spese del presente grado di giudizio.

PQM

 

Accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e rinvia alla C.T.R. della Lombardia, in diversa composizione, cui demanda di provvedere anche sulle spese del giudizio di legittimità.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 5 aprile 2017.

Depositato in Cancelleria il 17 luglio 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA