Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 17672 del 17/07/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 17/07/2017, (ud. 03/04/2017, dep.17/07/2017),  n. 17672

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. GENOVESE Francesco Antonio – Presidente –

Dott. SCALDAFERRI Andrea – Consigliere –

Dott. DE CHIARA Carlo – rel. Consigliere –

Dott. DI MARZIO Mauro – Consigliere –

Dott. LAMORGESE Antonio Pietro – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 1763/2017 proposto da:

MINISTERO DELL’INTERNO, COMMISSIONE TERRITORIALE PER IL

RICONOSCIMENTO DELLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE DI TORINO – SEZIONE

DISTACCATA DI BOLOGNA, in persona dei legali rappresentanti,

elettivamente domiciliati in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12, presso

l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che li rappresenta e difende;

– ricorrenti –

contro

M.F., elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA CAVOUR presso

la CORTE DI CASSAZIONE, rappresentato e difeso dall’avvocato

MARCELLO CANTONI;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 972/2016 della CORTE D’APPELLO di BOLOGNA,

depositata l’8/06/2016;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio non

depositata del 03/04/2017 dal Consigliere Dott. CARLO DE CHIARA.

Fatto

RILEVATO IN FATTO

che:

la Corte d’appello di Bologna ha respinto il gravame del Ministero dell’Interno avverso l’ordinanza con cui il Tribunale aveva riconosciuto la protezione sussidiaria, ai sensi del D.Lgs. 19 novembre 2007, n. 251, art. 14, lett. c), in favore del sig. M.F., cittadino nigeriano; il Ministero ha proposto ricorso per cassazione con due motivi, illustrati anche con memoria;

l’intimato si è difeso con controricorso;

il Collegio ha disposto che la motivazione della presente ordinanza sia redatta in forma semplificata, non ponendosi questioni rilevanti dal punto di vista della funzione nomofilattica di questa Corte.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

che:

i due motivi di ricorso, rubricati rispettivamente come denuncia di omesso esame di fatto decisivo e violazione di norme di diritto, vanno esaminati congiuntamente data la loro stretta connessione; con essi si lamenta che la Corte d’appello abbia riconosciuto lo status di protezione sussidiaria al richiedente sulla base di informazioni non aggiornate, risalenti al 2014, mentre fonti più aggiornate smentiscono che la regione nigeriana di provenienza del sig. M. – l’Edo State – sia attualmente preda di violenza indiscriminata in situazione di conflitto armato interno o internazionale, come richiesto invece dalla disposizione di legge più sopra richiamata;

i motivi sono inammissibili, sostanziandosi in una diversa valutazione delle risultanze istruttorie rispetto a quanto ritenuto dalla Corte d’appello, mentre va escluso che il fatto decisivo richiamato dal ricorrente – l’esclusione della violenza indiscriminata in situazione di conflitto armato nell’Edo State – non sia stato preso in considerazione dai giudici di appello, risultando, al contrario, dalla motivazione del provvedimento impugnato che essi hanno preso espressamente in considerazione le condizioni in cui versa l’Edo State, confermando che si tratta appunto di condizioni di violenza indiscriminata in situazione di conflitto armato;

l’inammissibilità di tutte le censure comporta l’inammissibilità del ricorso;

le spese processuali, liquidate come in dispositivo, seguono la soccombenza;

rilevato che dagli atti il processo risulta esente dal contributo unificato, non si applica il D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, inserito dalla L. n. 228 del 2012, art. 1, comma 17.

PQM

 

La Corte dichiara inammissibile il ricorso. Condanna l’amministrazione ricorrente al pagamento, in favore, della parte controricorrente, della spese del giudizio di legittimità, liquidate in Euro 3.000,00 per compensi, oltre alle spese forfettarie nella misura del 15%, agli esborsi liquidati in Euro 100,00 e agli accessori di legge.

Motivazione semplificata.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 3 aprile 2017.

Depositato in Cancelleria il 17 luglio 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA