Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 17663 del 17/07/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. II, 17/07/2017, (ud. 02/03/2017, dep.17/07/2017),  n. 17663

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MATERA Lina – Presidente –

Dott. LOMBARDO Luigi Giovanni – Consigliere –

Dott. GRASSO Giuseppe – rel. Consigliere –

Dott. SCARPA Antonio – Consigliere –

Dott. CRISCUOLO Mauro – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 13026-2012 proposto da:

CARTIERA DI RIVIGNANO SPA, (OMISSIS), domiciliato in ROMA, VIA MONTE

ZEBIO 9, presso lo studio dell’avvocato GIORGIO DE ARCANGELIS, che

lo rappresenta e difende unitamente all’avvocato MARINO FERRO;

– ricorrente –

contro

C.W. & C SRL, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA

FEDERICO CONFALONIERI 5, presso lo studio dell’avvocato LUIGI MANZI,

che lo rappresenta e difende unitamente all’avvocato BRUNO BELLELI;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 174/2011 della CORTE D’APPELLO di TRIESTE,

depositata il 12/04/2011;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

02/03/2017 dal Consigliere Dott. GIUSEPPE GRASSO;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

MISTRI Corrado, che ha concluso per l’estinzione del procedimento

per intervenuta rinuncia.

Fatto

I FATTI DI CAUSA

1. Il Tribunale di Udine, con sentenza numero 191/2006, rigettò l’opposizione al decreto emesso dal Pretore di Udine il 6 aprile 1998, con il quale era stato ingiunto alla Cartiera di Rivignano s.r.l. il pagamento della somma di Lire 23.037.500, in favore della s.n.c. C.W. & C.

La Corte d’appello di Trieste, con sentenza depositata il 12 aprile 2011, rigettò l’impugnazione avanzata dalla Cartiera di Rivignano.

In estrema sintesi appare utile anticipare che il credito vantato dalla società ingiungente nasceva, quale residuo credito, da un contratto di appalto, avendo quest’ultima svolto lavori all’interno di un capannone industriale della controparte. Residuo che la committente riteneva non esser dovuto a cagione di vizi e difetti delle opere, tali da aver procurato un ingente danno alla medesima. I Giudici del merito avevano reputato fondata l’eccezione di decadenza e prescrizione avanzata dalla C..

Avverso la statuizione d’appello, prospettando tre motivi di censura, ricorre la Cartiera di Rivignano.

Resiste con controricorso la S.r.l. C..

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

Con rituale atto del 20/2/2017 la ricorrente, in concordato preventivo, ha rinunziato al ricorso e la predetta rinunzia è stata accettata dalla controparte, in liquidazione fallimentare. A ciò consegue l’estinzione del processo senza statuizione sulle spese.

PQM

 

Dichiara estinto il giudizio di legittimità per rinunzia.

Così deciso in Roma, il 2 marzo 2017.

Depositato in Cancelleria il 17 luglio 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA