Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 17617 del 14/07/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 14/07/2017, (ud. 19/05/2017, dep.14/07/2017),  n. 17617

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 2

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PETITTI Stefano – Presidente –

Dott. LOMBARDO Luigi Giovanni – rel. Consigliere –

Dott. GIUSTI Alberto – Consigliere –

Dott. FALASCHI Milena – Consigliere –

Dott. SCALISI Antonino – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 16428-2016 proposto da:

M.A.M.M., T.E.F., elettivamente

domiciliati in ROMA, VIA MARIO FANI 106, presso lo studio

dell’avvocato MASSIMILIANO ROSSI, rappresentati e difesi

dall’avvocato NINO GIOVANNI PERCIVALLE;

– ricorrenti –

contro

A.S.V., A.A.P.G.,

elettivamente domiciliati in ROMA, V.COSSERIA 5, presso lo studio

dell’avvocato PAOLO MIGLIACCIO, che li rappresenta e difende

unitamente all’avvocato DANILO BIANCOSPINO;

– controricorrenti e ricorrenti incidentali –

contro

M.A.M.M., T.E.F., elettivamente

domiciliati in ROMA, VIA MARIO FANI 106, presso lo studio

dell’avvocato MASSIMILIANO ROSSI, rappresentati e difesi

dall’avvocato NINO GIOVANNI PERCIVALLE;

– controricorrenti all’incidentale –

avverso la sentenza n. 739/2016 della CORTE D’APPELLO di MILANO,

depositata il 24/02/2016;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 19/05/2017 dal Consigliere Dott. LUIGI GIOVANNI

LOMBARDO.

Fatto

RILEVATO

che:

– il Tribunale di Pavia – in accoglimento della domanda proposta da T.E.F. e M.A.M.M. nei confronti di A.S.V., A.A.P.G., Agnelli Anna Maria Marga e Agnelli Rosita – dichiarò costituito per usucapione il diritto di servitù di passaggio in favore del fondo degli attori e a carico del fondo dei convenuti, sito nel comune di (OMISSIS), condannando i convenuti medesimi a rimuovere la sbarra di ferro e la catena con lucchetto poste sulla loro proprietà;

– la Corte di Appello di Milano, in parziale riforma della pronuncia di primo grado, respinse la domanda di rimozione della sbarra di ferro e della catena con lucchetto;

– avverso la sentenza di appello T.E.F. e M.A.M.M. hanno proposto un unico motivo di ricorso;

– A.S.V. e A.A.P.G. hanno resistito con controricorso, proponendo altresì ricorso incidentale affidato a due motivi;

– gli altri intimati non hanno svolto attività difensiva;

– entrambe le parti hanno depositato memoria.

Diritto

CONSIDERATO

che:

-il Collegio, avuto riguardo alle memorie depositate dalle parti, ritiene non sussistente l’evidenza decisoria anche con riferimento ai motivi di ricorso incidentale.

PQM

 

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

rimette la causa alla pubblica udienza presso la Seconda Sezione Civile.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio della Sezione Sesta Civile, il 19 maggio 2017.

Depositato in Cancelleria il 14 luglio 2017

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA