Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 17586 del 28/06/2019

Cassazione civile sez. VI, 28/06/2019, (ud. 12/03/2019, dep. 28/06/2019), n.17586

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. GRECO Antonio – Presidente –

Dott. ESPOSITO Antonio Francesco – Consigliere –

Dott. LUCIOTTI Lucio – Consigliere –

Dott. CASTORINA Rosaria Maria – Consigliere –

Dott. GORI Pierpaolo – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 13253-2018 proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE (OMISSIS), in persona del Direttore pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12,

presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la rappresenta e

difende ope legis;

– ricorrente –

contro

SOLUTIONS SRL IN LIQUIDAZIONE, in persona del Liquidatore pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA GIOVANNI NICOTERA

29, presso lo studio dell’avvocato SIMONETTA PARADISI, rappresentata

e difesa dagli avvocati ANTONIO FRANCESCO ALBO, CLAUDIO DI NAPOLI;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 9004/13/2017 della COMMISSIONE TRIBUTARIA

REGIONALE di NAPOLI, depositata il 24/10/2017;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 12/03/2019 dal Consigliere Relatore Dott. GORI

PIERPAOLO.

Fatto

RILEVATO

che:

– Con sentenza n. 9004/13/17 depositata in data 24 ottobre 2017 la Commissione tributaria regionale della Campania (in seguito, la CTR) rigettava l’appello proposto dall’Agenzia delle entrate, avverso la sentenza n. 15420/6/16 della Commissione tributaria provinciale di Napoli (in seguito, la CTP) che a sua volta aveva accolto il ricorso proposto dalla società Solutions Srl in liquidazione (in seguito, la contribuente) relativo all’avviso di accertamento IVA 2007;

– La CTR confermava la decisione di primo grado, ritenendo assorbente ogni altra questione il fatto che non potesse trovare applicazione il raddoppio dei termini per l’accertamento, anche alla luce dell’entrata in vigore della Legge di Stabilità 2016, in caso di omessa presentazione della denuncia penale entro la scadenza ordinaria dei termini di accertamento;

– Avverso tale decisione ha proposto ricorso per cassazione l’Agenzia delle entrate deducendo un unico motivo. La contribuente ha resistito depositando controricorso.

Diritto

CONSIDERATO

che:

– In via preliminare, la contribuente deduce l’inammissibilità del ricorso per difetto di autosufficienza e per violazione dell’art. 360 bis c.p.c. per contrasto del ricorso con la giurisprudenza consolidata in materia. Le eccezioni sono destituite di fondamento, da un lato in quanto il ricorso riproduce compiutamente non solo la sentenza impugnata, ma anche quella di primo grado, e dalle pronunce si evince in modo completo la serie di elementi in fatto e diritto su cui è intervenuta la decisione in sede di merito sulla questione del raddoppio del termine, nè il ricorso, sulla base delle sentenze della Cassazione riprodotte in ricorso può dirsi contrastante con l’art. 360 bis c.p.c. per manifesta infondatezza. Infine, la questione della delega di firma dell’avviso, su cui la CTR non si è pronunciata e che pure è stata dedotta in controricorso come eccezione, in ogni caso essa non è preliminare all’esame del motivo di ricorso, incentrato sulla stessa decadenza del potere di accertamento da parte dell’Amministrazione;

– Con l’unico motivo di ricorso – dedotto ex art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3 – l’Agenzia ricorrente lamenta la violazione e falsa applicazione del D.P.R. n. 600 del 1973, art. 43 e della L. n. 208 del 2015, art. 1, comma 132 e art. 2, comma 3, con riferimento al termine di decadenza dell’accertamento tributario, per aver la CTR erroneamente ritenuto non applicabile alla fattispecie il raddoppio affermando la necessità della prova della comunicazione della notitia criminis entro il termine di decadenza ordinario;

Il motivo è fondato. Va infatti ribadito che: “In tema di accertamento tributario, il raddoppio dei termini previsto dal D.P.R. n. 600 del 1973, art. 43, comma 3, e del D.P.R. n. 633 del 1972, art. 57, comma 3, nei testi applicabili “ratione temporis”, presuppone unicamente l’obbligo di denuncia penale, ai sensi dell’art. 331 c.p.p., per uno dei reati previsti dal D.Lgs. n. 74 del 2000, e non anche la sua effettiva presentazione, come chiarito dalla Corte costituzionale nella sentenza n. 247 del 2011″ (Cass. 30 maggio 2016 n. 11171);

– “In tema di accertamento tributario, ai fini del raddoppio dei termini previsti dal D.P.R. n. 600 del 1973, art. 43, nella versione applicabile “ratione temporis”, rileva unicamente la sussistenza dell’obbligo di presentazione di denuncia penale, a prescindere dall’esito del relativo procedimento e nonostante l’eventuale prescrizione del reato, poichè ciò che interessa è solo l’astratta configurabilità di un’ipotesi di reato, atteso il regime di “doppio binario” tra giudizio penale e procedimento tributario.” (Cass. 11 aprile 2017 n. 9322);

-“In tema di accertamento tributario, i termini previsti dal D.P.R. n. 600 del 1973, art. 43, per l’IRPEF e del D.P.R. n. 633 del 1972, art. 57, per l’IVA, nella versione applicabile “ratione temporis”, sono raddoppiati in presenza di seri indizi di reato che facciano insorgere l’obbligo di presentazione di denuncia penale, anche se questa sia archiviata o presentata oltre i termini di decadenza, senza che, con riguardo agli avvisi di accertamento per i periodi d’imposta precedenti a quello in corso alla data del 31 dicembre 2016, incidano le modifiche introdotte dalla L. n. 208 del 2015, il cui art. 1, comma 132, ha introdotto, peraltro, un regime transitorio che si occupa delle sole fattispecie non ricomprese nell’ambito applicativo del precedente regime transitorio – non oggetto di abrogazione – di cui al D.Lgs. n. 128 del 2015, art. 2, comma 3, in virtù del quale la nuova disciplina non si applica nè agli avvisi notificati entro il 2 settembre 2015 nè agli inviti a comparire o ai processi verbali di constatazione conosciuti dal contribuente entro il 2 settembre 2015 e seguiti dalla notifica dell’atto recante la pretesa impositiva o sanzionatoria entro il 31 dicembre 2015.” (Cass. 16 dicembre 2016 n. 26037);

– Orbene, la decisione della CTR, che considera non operante il raddoppio dei termini, e afferma la necessità della effettiva presentazione della denuncia penale entro il termine ordinario di accertamento, non è conforme ai principi di diritto sopra riportati e in sede di rinvio. Infatti, in riferimento ad avvisi di accertamento emessi, come nella fattispecie qui vagliata, il 5.6.2015, è del tutto indifferente la data in cui viene effettuata la comunicazione di notizia di reato e persino l’omissione di quella comunicazione in relazione al termine di prescrizione dell’atto impositivo (Cass. sez. 5, 16/12/2016 n. 26037), perchè quello che invece assume rilevanza ai predetti fini è la circostanza che le violazioni tributarie accertate integrino fatti anche penalmente rilevanti, come confermato dalla presentazione della denuncia penale nel caso di specie, intervenuta nel 2014 e di cui la stessa CTR dà conto;

– Conclusivamente, il ricorso va accolto, la sentenza impugnata viene, quindi, cassata con rinvio alla competente CTR per l’esame del profilo e delle questioni rimaste assorbite, e per la regolamentazione delle spese del presente giudizio di legittimità.

P.Q.M.

La Corte:

accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e rinvia alla Commissione tributaria regionale della Campania, in diversa composizione, in relazione al profilo accolto oltre che per il regolamento delle spese di lite.

Così deciso in Roma, il 12 marzo 2019.

Depositato in Cancelleria il 28 giugno 2019

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA