Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 17570 del 28/06/2019

Cassazione civile sez. VI, 28/06/2019, (ud. 19/03/2019, dep. 28/06/2019), n.17570

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SCALDAFERRI Andrea – Presidente –

Dott. TRICOMI Laura – Consigliere –

Dott. IOFRIDA Giulia – Consigliere –

Dott. TERRUSI Francesco – Consigliere –

Dott. VELLA Paola – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 27089-2018 proposto da:

K.A., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA VARESE 46,

presso lo studio dell’avvocato FABIO BUCCI, che lo rappresenta e

difende;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELL’INTERNO (OMISSIS);

– intimato –

avverso il decreto n. R.G. 6319/2018 del TRIBUNALE di MILANO,

depositato il 17/08/2018;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 19/03/2019 dal Consigliere Relatore Dott. VELLA

PAOLA.

Fatto

RILEVATO

che:

1. il Tribunale di Milano – Sezione specializzata in materia di immigrazione, protezione internazionale e libera circolazione dei cittadini dell’Unione Europea – ha respinto il ricorso proposto da K.A., cittadino ivoriano di etnia djula e religione musulmana, avverso il provvedimento della competente Commissione Territoriale, negando le tre forme di tutela invocate (status di rifugiato, protezione sussidiaria o protezione umanitaria);

2. il richiedente ha proposto ricorso per cassazione affidato ad un motivo, preceduto da due questioni di legittimità costituzionale;

3. il Ministero dell’Interno non ha svolto difese;

4. a seguito di deposito della proposta ex art. 380 bis c.p.c. è stata ritualmente fissata l’adunanza della Corte in camera di consiglio.

Diritto

CONSIDERATO

che:

5. occorre rilevare, prima ancora che l’infondatezza delle questioni di legittimità costituzionale sollevate (Cass. 17717/2018, 27700/2018, 28119/2018, 32867/2018, 1876/2019) e l’inammissibilità del motivo proposto (perchè generico, misto e afferente il merito della decisione), la nullità della procura e l’inesistenza della notifica del ricorso;

6. invero, nella procura conferita per il giudizio di cassazione manca la certificazione del difensore di autografia della sottoscrizione prevista dall’art. 83 c.p.c.;

7. ulteriore ragione di inammissibilità deriva dal mancato rinvenimento in atti della notifica del ricorso – come peraltro segnalato nella proposta ex art. 380 bis c.p.c. – essendo onere del ricorrente produrre la documentazione attestante il suo perfezionamento (ex multis, Cass. 8812/2017, 25525/2016, 26108/2015, 25285/2014);

8. non sussistono i presupposti per la condanna alle spese, in assenza della parte intimata, nè per il raddoppio del contributo unificato, stante l’ammissione al patrocinio a spese dello Stato (ex Cass. 28433/2018, 13935/2017, 9938/2014).

P.Q.M.

Dichiara inammissibile il ricorso.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio, il 19 marzo 2019.

Depositato in Cancelleria il 28 giugno 2019

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA