Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 17559 del 14/07/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 14/07/2017, (ud. 24/05/2017, dep.14/07/2017),  n. 17559

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE L

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CURZIO Pietro – Presidente –

Dott. DORONZO Adriana – Consigliere –

Dott. ARIENZO Rosa – Consigliere –

Dott. ESPOSITO Lucia – rel. Consigliere –

Dott. FERNANDES Giulio – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 5470-2016 proposto da:

V.V.N., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA

LABRIOLA, 60, presso lo studio dell’avvocato GIUSEPPE LAVIGNA, che

la rappresentata e difesa dall’avvocato SALVATORE IANNONE;

– ricorrente –

contro

P.I. S.P.A., – C.F. (OMISSIS), in persona del legale

rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in (OMISSIS),

presso l’avvocato ROSSANA CLAVELLI dell’Area Legale Territoriale

Centro p.I. in ROMA, V.LE EUROPA 190, rappresentata e

difesa dall’avvocato ANTONINO AMATO;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 6126/2015 della CORTE D’APPELLO di ROMA,

depositata il 21/07/2015;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 24/05/2017 dal Consigliere Dott. LUCIA ESPOSITO.

Fatto

RILEVATO

che la Corte di appello di Roma, con sentenza pubblicata in data 21.7.2015, ha confermato la decisione del giudice di primo grado che aveva respinto la domanda di V.V.N. diretta all’accertamento della illegittimità del termine apposto al contratto stipulato dalla predetta lavoratrice con P.I. s.p.a. ai sensi del D.Lgs. n. 368 del 2001, art. 2, comma 1 bis, in relazione al periodo 9.2.2010/31.3.2010 ed al conseguente accertamento della sussistenza inter partes di un rapporto di lavoro subordinato a tempo indeterminato ed alla condanna della datrice società P.I. alla indennità risarcitoria prevista dalla L. n. 183 del 2010, art. 32;

che per la cassazione della decisione ha proposto ricorso V.N.V. sulla base di quattro motivi;

che P.I. s.p.a. ha resistito con controricorso.

Diritto

CONSIDERATO

che il ricorso per cassazione, notificato a mezzo p.e.c. in data 17.2.2016, risulta proposto in violazione del termine semestrale di impugnazione previsto dall’art. 327 c.p.c., trattandosi di giudizio instaurato dopo il 4/7/2009 (dal ricorso per cassazione si evince che l’atto introduttivo del giudizio di primo grado è stato depositato il 4.8.2011);

che il suddetto termine era decorso alla data di notifica del ricorso per cassazione, avuto riguardo alla data di pubblicazione della sentenza di secondo grado (21.7.2015), stante la inapplicabilità della sospensione feriale dei termini alla controversie di lavoro (ex plurimis Cass. 26/10/2004 n. 2004);

che, pertanto, il ricorso deve essere dichiarato inammissibile, con condanna della ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di legittimità.

PQM

 

Dichiara inammissibile il ricorso e condanna la ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di legittimità, liquidate in complessivi Euro 2.000,00 di cui Euro 200,00 per esborsi, oltre spese generali nella misura del 15% e accessori di legge.

Ai sensi del D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis.

Così deciso in Roma, il 24 maggio 2017.

Depositato in Cancelleria il 14 luglio 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA