Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 17557 del 23/08/2011

Cassazione civile sez. lav., 23/08/2011, (ud. 12/07/2011, dep. 23/08/2011), n.17557

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. LAMORGESE Antonio – Presidente –

Dott. COLETTI DE CESARE Gabriella – Consigliere –

Dott. AMOROSO Giovanni – rel. Consigliere –

Dott. MORCAVALLO Ulpiano – Consigliere –

Dott. ARIENZO Rosa – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

I.N.P.S. – ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE, in persona

del legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliato in

ROMA, VIA DELLA PREZZA N. 17, presso l’Avvocatura Centrale

dell’Istituto, rappresentato e difeso dagli avvocati PULLI

CLEMENTINA, RICCIO ALESSANDRO, VALENTE NICOLA, giusta delega in atti;

– ricorrente –

contro

T.V., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA GIUSEPPE

MARCORA 18/20, presso L’UFFICIO LEGALE CENTRALE DEL PATRONATO

A.C.L.I., rappresentata e difesa dall’avvocato FAGGIANI GUIDO, giusta

delega in atti;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 1262/2007 della CORTE D’APPELLO di TORINO,

depositata il 05/12/2007 R.G.N. 675/07;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

12/07/2011 dal Consigliere Dott. GIOVANNI AMOROSO;

udito l’Avvocato PULLI CLEMENTINA;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

CESQUI Elisabetta che ha concluso per il rigetto del ricorso.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

1. Con sentenza pronunciata, ex art. 281 sexies c.p.c., in data 21.3.2007 il Tribunale di Verbania respingeva il ricorso proposto da T.V. avverso l’INPS inteso ad ottenere la condanna dell’Istituto alla corresponsione della pensione di vecchiaia mediante l’utilizzazione dei contributi versati in Italia e in Svizzera, nonchè dei contributi figurativi relativi a due periodi di maternità fuori dei rapporti di lavoro.

2. Avverso tale sentenza, notificata il 4.5.2007, proponeva appello T.V. con ricorso depositato in data 30.5.2007.

L’Inps si costituiva con memoria chiedendo la reiezione del gravame.

Con sentenza del 6.11.-5.12.2007 la Corte d’appello di Torino in accoglimento dell’appello, condannava l’Inps a corrispondere a T. V. la pensione di vecchiaia con decorrenza dal 1.6.2002 oltre interessi; condannava l’appellato a rimborsare all’appellante le spese di entrambi i gradi.

3. Avverso questa pronuncia ricorre per cassazione l’INPS con due motivi. Resiste con controricorso la parte intimata.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

1. Il Collegio ha disposto che sia adottata una motivazione semplificata.

2. Con il primo motivo di ricorso l’Istituto ricorrente denuncia la violazione e falsa applicazione dell’art. 2114 c.c. nonchè della L. n. 4 del 1971, artt. 1, 2, 4, 5, 6 e 9 e del D.Lgs. n. 564 del 1996, artt. 1, 2, 4, 5, 6 e 9. Osserva il ricorrente che il D.Lgs. n. 151 del 2001, art. 25 ha sì previsto la possibilità dell’accredito di contribuzione figurativa per periodi di maternità al di fuori del rapporto di lavoro con l’effetto che l’estensione della copertura assicurativa opera retroattivamente come se il periodo predetto fosse coperto da contribuzione con i conseguenti effetti sul rapporto previdenziale. Questo beneficio però può operare soltanto se all’epoca in cui la lavoratrice era in maternità era vigente la normativa sull’assicurazione obbligatoria per la maternità. Invece nella specie i tre periodi di maternità della ricorrente erano ricadenti tutti in epoca precedente alla data 3 giugno 1963 e quindi non rientravano nel periodo in cui la legislazione italiana prevedeva l’assicurazione obbligatoria per la lavoratrice subordinata in maternità, istituita solamente a partire dal 17 gennaio 1972.

Con il secondo motivo di ricorso l’istituto ricorrente denuncia la violazione falsa applicazione del D.Lgs. n. del 2001, art. 25 con riferimento agli artt. 1, 18 e 44 del regolamento comunitario n. 1408 del 1971. Deduce che l’art. 25 citato prevede che i periodi corrispondenti al congedo di maternità di cui al D.Lgs. citato, artt. 16 e7 verificatesi al di fuori del rapporto di lavoro, sono considerati utili ai fini pensionistici a condizione che il soggetto possa far valere all’atto della domanda almeno cinque anni di contribuzione versata in costanza di rapporto di lavoro. Il presupposto quindi del beneficio di questa contribuzione figurativa è la sussistenza di un’anzianità di contribuzione di almeno cinque anni che la originaria ricorrente nella specie raggiungeva in realtà soltanto considerando anche la contribuzione versata in Svizzera.

Secondo l’Istituto ricorrente questo requisito contributivo minimo non era al integrabile con la contribuzione versata in Svizzera; ciò che l’accredito figurativo non poteva essere ritenuto una “prestazione” ai sensi dell’art. 1 del regolamento comunitario; e comunque dall’art. 9 del medesimo regolamento, che considera la rilevanza della contribuzione ai fini dell’assicurazione volontaria e facoltativa, poteva trarsi argomento a contrario per ritenere che l’anzianità contributiva maturata in Svizzera non rilevasse ai fini della beneficio della contribuzione figurativa in Italia.

3. Il primo motivo di ricorso è inammissibile in quanto si fonda su una circostanza di fatto nuova, che non risulta dalla sentenza impugnata nè nel ricorso è indicato che tale circostanza appartenesse ai fatti di causa ed erroneamente non fosse stata considerata dalla corte d’appello. L’Istituto ricorrente infatti deduce che vi sono stati tre periodi di maternità, tutti i precedenti la L. n. 1204 del 1971, entrata in vigore il 17 gennaio 1972, che ha introdotto la tutela della lavoratrice subordinata riconoscendone il diritto in costanza di rapporto di lavoro all’astensione obbligatoria per maternità. Dalla sentenza impugnata non risulta affatto che l’istituto abbia opposto alla lavoratrice ricorrente, che vantava il diritto alla contribuzione figurativa, la circostanza che i periodi di maternità fossero tutti assai risalenti nel tempo e segnatamente anteriori alla L. del 1971. Si tratta quindi di una circostanza di fatto nuova mai dedotta in precedenza dall’INPS e sulla quale non si può fondare l’argomentazione in diritto svolta dall’Istituto ricorrente.

Il motivo è pertanto inammissibile.

4. Il secondo motivo di ricorso è infondato.

Il D.Lgs. n. 151 del 2001, art. 25 prevede come presupposto per il riconoscimento della contribuzione figurativa relativamente a periodi di maternità fuori dal rapporto di lavoro un’anzianità contributiva di almeno cinque anni. Questo requisito minimo risulta, nella specie, integrato dalla ricorrente totalizzando la contribuzione versata in Italia e quella versata in Svizzera. Ed infatti rileva l’impugnata sentenza che la sommatoria delle due contribuzioni è ampiamente superiore alla requisito minimo prescritto dall’art. 25.

Può aggiungersi che alla data di entrata in vigore del D.Lgs. n. 151 del 2001 la lavoratrice era iscritta all’assicurazione generale obbligatoria e non era invece titolare di trattamento pensionistico.

Pertanto nella specie non rileva la norma sopravvenuta – ossia la L. n. 244 del 2000, art. 2, comma 504, (legge finanziaria per il 2008) – che ha interpretato autenticamente l’art. 25 citato nel senso che il beneficio della contribuzione figurativa non si applica in favore di lavoratrici già titolari di trattamenti pensionistici.

Rileva invece la disciplina comunitaria e segnatamente in generale l’art. 48 del Trattato della comunità europea che assicura ai lavoratori migranti dipendenti e autonomi il diritto al cumulo di tutti periodi contributivi presi in considerazione dalle varie legislazioni nazionali sia per il sorgere che per la conservazione del diritto alle prestazioni previdenziali. Tale principio del cumulo o della totalizzazione dei periodi contributivi e delle contribuzioni ha trovato poi l’attuazione nell’art. 45 della regolamento comunitario n. 1408 del 1971 (applicabile ratione temporis) che appunto prescrive che si tiene conto di detti periodi di contribuzione come se si trattasse di periodi compiuti sotto la legislazione del paese membro la cui normativa trovi applicazione in ragione della prestazione richiesta dal lavoratore migrante. L’art. 1 del regolamento poi chiarisce che i termini di prestazioni, pensioni e rendite designano indistintamente tutti tali trattamenti di carattere previdenziale. Quindi il beneficio della totalizzazione è diretto – come previsto dall’art. 45 cit. – al mantenimento o al recupero del diritto alle “prestazioni”, intendendo per prestazioni un trattamento di tipo previdenziale e tale è certamente nella specie il diritto alla pensione di vecchiaia vantato dalla ricorrente in ragione di 778 contributi effettivi (206 maturati in Italia e 572 maturati in Svizzera), ai quali devono aggiungersi i contributi figurativi per i periodi di maternità con conseguente superamento della soglia minima di 781 contributi.

Nella specie il criterio della totalizzazione è stato applicato dalla Corte d’appello per integrare il requisito minimo contributivo al fine di riconoscere alla lavoratrice il diritto alla contribuzione figurativa per i periodi di maternità.

Argomento confermativo di tale criterio può desumersi proprio dall’art. 9 del regolamento comunitario che assicura l’applicabilità del principio della totalizzazione dei periodi di contribuzione ai fini della assicurazione volontaria o facoltativa; ciò che esprime un principio più ampio di rilevanza dei periodi contributivi maturati nei vari paesi della comunità.

Deve poi aggiungersi – anche se ciò è pacifico tra le parti – che la contribuzione maturata dalla lavoratrice in Svizzera è equiparata alla contribuzione maturata in un paese della comunità europea in ragione dell’accordo intervenuto (il 21 giugno 1999) tra la Confederazione elvetica e la Comunità europea per effetto del quale ha trovato applicazione il regolamento comunitario suddetto a partire dal 1 giugno 2002.

In proposito può poi anche richiamarsi la pronuncia di questa corte (Cass., sez. lav., 2 marzo 2004, n. 4248) che, proprio in tema di cumulo dei periodi contributivi maturati dai lavoratori nei paesi della Comunità europea, ha affermato che, dal momento che la legge nazionale 7 febbraio 1979 n. 29 subordina la facoltà della ricongiunzione per i lavoratori autonomi all’esistenza, all’atto della domanda, di un periodo contributivo almeno quinquennale immediatamente precedente nell’assicurazione generale obbligatoria I.V.S dei lavoratori dipendenti, resta escluso, in forza delle fonti comunitarie (art. 10 del Regolamento CEE n. 1408/71 del 14 giugno 1971 conformemente al principio fissato dall’art. 51 del Trattato di Roma) che tale periodo debba esser stato effettuato o debba comunque valere nell’ambito dell’assicurazione nazionale, essendo possibile la ricongiunzione in presenza di contributi versati in un’assicurazione estera.

5. Il ricorso va quindi rigettato.

Alla soccombenza consegue la condanna del ricorrente al pagamento delle spese processuali di questo giudizio di cassazione nella misura liquidata in dispositivo.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso; condanna il ricorrente al pagamento delle spese di questo giudizio di cassazione liquidate in Euro 15,00 oltre Euro 3.000,00 (tremila/00) per onorario d’avvocato ed oltre IVA, CPA e spese generali.

Così deciso in Roma, il 12 luglio 2011.

Depositato in Cancelleria il 23 agosto 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA