Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 17549 del 23/08/2011

Cassazione civile sez. lav., 23/08/2011, (ud. 07/07/2011, dep. 23/08/2011), n.17549

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. FOGLIA Raffaele – Presidente –

Dott. STILE Paolo – Consigliere –

Dott. NAPOLETANO Giuseppe – Consigliere –

Dott. BRONZINI Giuseppe – rel. Consigliere –

Dott. MELIADO’ Giuseppe – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI, ora MINISTERO DELLO SVILUPPO

ECONOMICO, in persona del Ministro in carica, domiciliato in ROMA,

VIA DEI PORTOGHESI 12, presso AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO che lo

rappresenta e difende, ope legis;

– ricorrente –

contro

M.M.C., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA

CRISTOFORO COLOMBO 436, presso lo studio dell’avvocato CARUSO RENATO,

che la rappresenta e difende unitamente all’avvocato MASI MARCO,

giusta delega in atti;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 434/2008 della CORTE D’APPELLO di BOLOGNA,

depositata il 22/01/2009 R.G.N. 1122/05;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

07/07/2011 dal Consigliere Dott. GIUSEPPE BRONZINI;

udito l’Avvocato RENATO CARUSO;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

SEPE Ennio Attilio, che ha concluso per l’accoglimento del ricorso.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

M.M.C. esponeva al giudice del lavoro di aver lavorato per il Ministero del lavoro ex L. n. 285 del 1977 dal 1979 al 1985, data in cui era divenuta di ruolo e di essere passata presso l’ASST, quindi presso l’Amministrazione di P.T. e quindi dal 1.1.1994 presso il Ministero delle Comunicazioni. Esponeva che il Ministero convenuto (Ministero delle Comunicazioni) non aveva utilmente considerato il periodo di lavoro fuori ruolo ai fini del riconoscimento della retribuzione individuale di anzianità (RIA). Chiedeva pertanto il riconoscimento della Ria dal 1.1.1994 con la condanna al pagamento delle somme dovute.

Il Tribunale di Bologna accoglieva la domanda dal 1.7.1998, ritenendo la giurisdizione per il periodo precedente il giudice amministrativo.

Si osservava che il D.P.R. n. 44 del 1990, art. 9 riconosce la RIA in virtù dell’esperienza professionale acquisita con effettivo servizio senza distinguere tra servizio in ruolo e fuori ruolo; il rapporto era continuato nel passaggio tra varie amministrazioni appartenenti a comparti diversi.

Sull’appello del Ministero delle Comunicazioni la Corte di appello di Bologna con sentenza del 1.7.2008 rigettava l’appello richiamando quanto sostenuto nella sentenza di prime cure e cioè che la RIA, regolata dal D.P.R. n. 44 del 1990, prevedeva come unico criterio di attribuzione della maggiorazione l’esperienza professionale e quindi non distingueva tra servizio in ruolo e fuori ruolo.

Ricorre il Ministero con un unico motivo, resiste la M. con controricorso. Il Ministero ha prodotto memoria difensiva.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Con l’unico, complesso motivo, si allega la violazione del D.P.R. n. 44 del 1990, art. 9, comma 4: si doveva tenere conto solo del lavoro nella stessa qualifica, non di quello addirittura svolto con contratto di formazione fuori ruolo in un settore diverso da quello nel quale era stato poi inserito.

Il motivo appare fondato (il quesito di diritto fotografa perfettamente la questione controversa) e pertanto va accolto alla luce dell’orientamento più recente di questa Corte che si condivide in foto secondo cui “in tema di rapporto di lavoro degli impiegati statali, la retribuzione individuale di anzianità (RIA) è istituto retribuivo commisurato all’anzianità di servizio e preordinato a premiare l’esperienza professionale nello specifico settore nel quale è effettuata la prestazione; ne consegue che la maggiorazione della RIA prevista dal D.P.R. 12 gennaio 1990, n. 44, art. 9, comma 5 in favore del personale statale che abbia maturato dieci o venti anni di servizio, spetta solo a coloro che possono vantare detta anzianità nello specifico settore nel quale vige la maggiorazione stessa (cass. n. 11836/2009). Nel caso in esame i passaggi tra le varie amministrazioni (in particolare dal Ministero del lavoro, alle Poste, al Ministero i a delle comunicazioni) non sembrano compatibili con il presupposto di una anzianità maturata nello stesso settore; in ogni caso certamente non sussiste una progressione di anzianità tra un servizio non di ruolo reso con le particolari modalità della L. n. 285 del 1977 per il Ministero del lavoro e le esperienze successive, allorchè presso le Poste e poi presso il Ministero ricorrente il rapporto è divenuto di ruolo. Peraltro sul punto nulla osserva la sentenza impugnata limitandosi ad affermare che ciò che conta è la mera anzianità, il che va invece escluso alla luce di quanto detto supra.

La Corte pertanto accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e decidendo nel merito, rigetta la domanda. Stante la non univocità della giurisprudenza, soprattutto di merito, sussistono giusti motivi per compensare tra le parti le spese delle fasi di merito e condanna la M. alla rifusione in favore del Ministero delle Comunicazioni delle spese del giudizio di legittimità che si liquidano in Euro 15,00, per esborsi ed in Euro 2.000,00 per onorari, oltre ad accessori di legge.

P.Q.M.

La Corte pertanto accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata decidendo nel merito, rigetta la domanda. Compensa tra le parti le spese delle fasi di merito e condanna la M. alla rifusione in favore del Ministero delle Comunicazioni delle spese del giudizio di legittimità che si liquidano in Euro 15,00 per esborsi ed in Euro 2.000,00 per onorari, oltre ad accessori di legge.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio, il 7 luglio 2011.

Depositato in Cancelleria il 23 agosto 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA