Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 17515 del 14/07/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. trib., 14/07/2017, (ud. 13/06/2017, dep.14/07/2017),  n. 17515

 

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DI IASI Camilla – Presidente –

Dott. STALLA Giacomo Maria – Consigliere –

Dott. SCARCELLA Alessio – Consigliere –

Dott. CARBONE Enrico – rel. Consigliere –

Dott. FASANO Annamaria – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso iscritto al n. 5068/2012 R.G. proposto da:

Società Industriale Grafica Editoriale SIGE s.p.a., rappresentata e

difesa dagli Avv.ti Vittorio Glauco Ebner e Fausto Bernabei,

elettivamente domiciliata presso lo studio del primo in Roma alla

via Gregorio VII n. 466, per procura a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

Agenzia delle entrate, rappresentata e difesa dall’Avvocatura

generale dello Stato, presso i cui uffici in Roma alla via dei

Portoghesi n. 12 è domiciliata;

– controricorrente –

avverso la sentenza della Commissione tributaria regionale della

Lombardia n. 129/6/11 depositata il 27 giugno 2011.

Udita la relazione svolta nella pubblica udienza del 13 giugno 2017

dal Consigliere Dott. Enrico Carbone.

Udito il Pubblico Ministero, in persona del Sostituto Procuratore

generale Dott. Zeno Immacolata, che ha concluso per la declaratoria

di inammissibilità del primo e secondo motivo di ricorso, rigetto

del terzo, in subordine rigetto del secondo motivo.

Uditi gli Avv.ti Vittorio Glauco Ebner per la ricorrente e Pietro

Garofoli per la controricorrente.

Fatto

FATTI DI CAUSA

In accoglimento dell’appello erariale, la Commissione tributaria regionale della Lombardia respingeva l’impugnazione proposta da Società Industriale Grafica Editoriale SIGE s.p.a. contro l’avviso di liquidazione dell’imposta di registro sulla vendita dell’impianto radiotelevisivo “(OMISSIS)” effettuata in data 2 maggio 2005 a favore di Reti Televisive Italiane RTI s.p.a..

Rovesciando la ratio decidendi di primo grado, il giudice d’appello affermava essersi trattato di cessione di ramo d’azienda soggetta a registro, anzichè di vendita di bene isolato soggetta a IVA.

SIGE ricorre per cassazione sulla base di tre motivi.

L’Agenzia delle entrate resiste mediante controricorso.

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

1. Il primo motivo di ricorso denuncia error in procedendo, per non aver il giudice d’appello rilevato l’assenza di delega al funzionario delle entrate che ha sottoscritto l’atto di gravame.

1.1. Il motivo è inammissibile.

L’impugnata sentenza non affronta la questione della delega, nè l’odierna ricorrente specifica quando l’avrebbe sottoposta al giudice d’appello, come suo onere per evitare l’inammissibilità della censura per novità (ex multis, Cass. 30 novembre 2006, n. 25546, Rv. 593077; Cass. 22 aprile 2016, n. 8206, Rv. 639513).

2. Il secondo motivo di ricorso denuncia violazione del D.P.R. n. 633 del 1972, art. 2, D.P.R. n. 131 del 1986, artt. 20 e 23, artt. 1362, 1363 e 2555 cod. civ., L. n. 112 del 2004, artt. 23 e 27, per aver il giudice d’appello qualificato un mero trasferimento d’impianto come cessione di ramo d’azienda.

2.1. Il motivo è fondato.

Ai fini dell’imposta di registro, per qualificare la cessione di beni come cessione di azienda è sufficiente che essi abbiano l’attitudine potenziale all’utilizzo per un’attività d’impresa (ex multis, Cass. 25 gennaio 2002, n. 897, Rv. 551846; Cass. 19 novembre 2007, n. 23857, Rv. 601114).

Il giudice d’appello aveva fatto corretta applicazione di tale principio, valorizzando l’unitarietà funzionale – quantomeno potenziale – del complesso ceduto, il quale, oltre all’impianto, includeva beni strumentali e titoli abilitativi.

La ricorrente invoca tuttavia la sopravvenienza del D.Lgs. n. 177 del 2005, art. 27, comma 5-bis (recte comma 7-bis), introdotto dal D.L. n. 201 del 2011, art. 40, conv. L. n. 214 del 2011, a tenore del quale: “la cessione anche di un singolo impianto radiotelevisivo, quando non ha per oggetto unicamente le attrezzature, si considera cessione di ramo d’azienda”, e tuttavia “gli atti relativi ai trasferimenti di impianti e di rami d’azienda ai sensi del presente articolo, posti in essere dagli operatori del settore prima della data di entrata in vigore delle disposizioni di cui al presente comma, sono in ogni caso validi e non rettifica bili ai fini tributari”.

Introdotta da un testo normativo emergenziale (c.d. decreto salva-Italia), la disposizione ha stabilito per le future cessioni d’impianto un rigido criterio di qualificazione, ma ha inteso assicurare l’intangibilità fiscale delle cessioni pregresse, onde garantire certezza di programmazione agli operatori di un delicato settore economico.

L’odierno controricorso non prende posizione su questa norma sopravvenuta alla decisione d’appello, ma l’Agenzia delle entrate ha convenuto in termini generali che essa fa salva per ragioni di certezza interpretativa la qualificazione giuridico-tributaria attribuita dagli operatori alle cessioni pregresse (risoluzione 10 aprile 2012, n. 33/E).

La ratio di certezza vale per tutti i negozi anteriori alla novella, che del resto non opera distinzioni: il D.Lgs. n. 177 del 2005, art. 27, comma 7-bis, introdotto dal D.L. n. 201 del 2011, art. 40, conv. L. n. 214 del 2011, stabilendo che le anteriori cessioni di impianti radiotelevisivi non sono rettificabili ai fini tributari, fa salva agli effetti fiscali la qualificazione negoziale data dalle parti anche se – come nella specie – sia già stata oggetto di rettifica impugnata con giudizio in corso.

3. Il terzo motivo di ricorso denuncia insufficienza motivazionale circa la qualificazione del negozio come cessione di ramo d’azienda.

3.1. Il motivo è assorbito, concernendo il merito della rettifica, viceversa preclusa in radice.

4. Il ricorso deve essere accolto nel secondo motivo, inammissibile il primo e assorbito il terzo; la sentenza va cassata in relazione al motivo accolto; non occorrendo indagini di fatto, la causa è decisa nel merito, con annullamento dell’avviso di liquidazione; la definizione della controversia iure superveniente impone di compensare le spese processuali di ogni fase e grado.

PQM

 

Accoglie il ricorso nel secondo motivo, inammissibile il primo e assorbito il terzo; cassa la sentenza in relazione al motivo accolto e decidendo nel merito – annulla l’avviso di liquidazione; dichiara compensate le spese processuali di ogni fase e grado.

Così deciso in Roma, il 13 giugno 2017.

Depositato in Cancelleria il 14 luglio 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA