Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 17511 del 18/06/2021

Cassazione civile sez. VI, 18/06/2021, (ud. 20/04/2021, dep. 18/06/2021), n.17511

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SCODITTI Enrico – Presidente –

Dott. GRAZIOSI Chiara – Consigliere –

Dott. FIECCONI Francesca – Consigliere –

Dott. IANNELLO Emilio – Consigliere –

Dott. PELLECCHIA Antonella – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 4654-2020 proposto da:

P.N., elettivamente domiciliata presso la cancelleria della

CORTE DI CASSAZIONE, PIAZZA CAVOUR, ROMA, rappresentata e difesa

dall’avvocato FEDERICO TARALLO;

– ricorrente –

contro

F.A., NOVIT ASSICURAZIONI IN L.C.A., GENERALI ITALIA SPA

(OMISSIS);

– intimati –

avverso la sentenza n. 6874/2019 del TRIBUNALE di NAPOLI, depositata

il 05/07/2019;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 20/04/2021 dal Consigliere Relatore Dott.ssa

PELLECCHIA ANTONELLA.

 

Fatto

RILEVATO

che:

1. P.N. convenne in giudizio F.A. e la Novit Assicurazioni al fine di sentirle condannare in solido al risarcimento dei danni subiti in seguito a un sinistro stradale.

L’attrice dedusse di esser stata tamponata dal veicolo guidato dalla convenuta e di aver riportato danni all’auto quantificati in Euro 705,00 oltre che un trauma contursivo cervicale. Il giudizio fu interrotto per la sopravvenuta messa in liquidazione della Novit Assicurazioni dopodichè l’attrice lo riassunse anche nei confronti di Generali Assicurazioni S.p.a. quale impresa designata dal Fondo Garanzia Vittime della Strada.

Il Giudice di Pace, con sentenza n. 42641/13 rigettò la domanda attorea.

2. Il Tribunale di Napoli, con sentenza n. 6874/2019 pubblicata il 05/07/2019, ha accolto l’appello proposto da P.N. la quale chiedeva la riforma della pronuncia di prime cure e ha condannato Generali Italia s.p.a. al pagamento in favore dell’appellante di Euro 1.304,23 oltre interessi legali e alla refusione delle spese del primo e del secondo grado di giudizio. Il giudice di merito nonostante la perizia del CTU avesse accertato una invalidità permanente pari al 1,5 % non ha riconosciuto la risarcibilità del danno biologico permanente stante l’assenza negli atti di alcun esame radiografico o accertamento clinico strumentale dal quale si evincesse la presenza di danni permanenti, trattandosi di lesione di lieve entità D.Lgs. n. 209 del 2005, ex art. 139, comma 2.

3. Avverso la suddetta pronuncia P.N. propone ricorso per

cassazione sulla base di un unico motivo.

Diritto

CONSIDERATO

che:

4. Il ricorso deve essere dichiarato estinto per rinuncia.

Prima dell’udienza è stato depositato atto di rinuncia al ricorso da parte di P.N., ricorrente principale.

Trattasi di rinuncia rituale, giacchè soddisfa le condizioni poste dall’art. 390 c.p.c., e consente, anche, di non pronunciare condanna alle spese processuali del presente giudizio di legittimità (art. 391 c.p.c., comma 4).

Pertanto non occorre provvedere sulle spese.

P.Q.M.

la Corte dichiara l’estinzione per rinuncia del presente giudizio di

cassazione.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Terza Civile della Corte suprema di Cassazione, il 20 aprile 2021.

Depositato in Cancelleria il 18 giugno 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA