Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 17511 del 14/07/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. trib., 14/07/2017, (ud. 13/06/2017, dep.14/07/2017),  n. 17511

 

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DI IASI Camilla – Presidente –

Dott. STALLA Giacomo Maria – Consigliere –

Dott. SCARCELLA Alessio – Consigliere –

Dott. CARBONE Enrico – rel. Consigliere –

Dott. FASANO Annamaria – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso iscritto al n. 512/2011 R.G. proposto da:

Agenzia delle entrate, rappresentata e difesa dall’Avvocatura

generale dello Stato, presso i cui uffici in Roma alla via dei

Portoghesi n. 12 è domiciliata;

– ricorrente –

contro

V.L., rappresentata e difesa dagli Avv.ti Anna Cardinali e

Virgilio Terzoli, elettivamente domiciliata presso lo studio del

secondo in Roma alla via Carlo Poma n. 4, per procura in calce al

controricorso;

– controricorrente –

e contro

M.A., rappresentato e difeso dagli Avv.ti Claudio Duchi e

Fabrizio Paoletti, elettivamente domiciliato presso lo studio del

secondo in Roma alla via Giunio Bazzoni n. 3, per procura a margine

del controricorso;

– controricorrente –

avverso la sentenza della Commissione tributaria regionale della

Lombardia n. 109/50/10 depositata l’8 settembre 2010.

Udita la relazione svolta nella pubblica udienza del 13 giugno 2017

dal Consigliere Dott. Enrico Carbone.

Udito il Pubblico Ministero, in persona del Sostituto Procuratore

generale Dott. ZENO Immacolata, che ha concluso per il rigetto del

ricorso.

Uditi gli Avv.ti Pietro Garofoli per la ricorrente e Fabrizio

Paoletti per il controricorrente M..

Fatto

FATTI DI CAUSA

In accoglimento dell’appello proposto da V.L. e M.A., la Commissione tributaria regionale della Lombardia annullava l’avviso di liquidazione loro notificato per imposta proporzionale di registro su verbale di conciliazione giudiziale tra i medesimi stipulato in data 28 maggio 2008.

Rovesciando la ratio decidendi di primo grado, il giudice d’appello affermava che il verbale di conciliazione avrebbe dovuto essere tassato in misura fissa, avendo ad oggetto una cessione di quote tra soci.

L’Agenzia delle entrate ricorre per cassazione sulla base di quattro motivi.

I contribuenti resistono mediante distinti controricorsi; M.A. ha depositato memoria illustrativa.

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

1. Il primo motivo di ricorso denuncia violazione del D.P.R. n. 131 del 1986, art. 37, art. 8 tariffa parte I, per aver il giudice d’appello escluso la tassazione proporzionale del verbale di conciliazione nonostante questo prevedesse l’obbligo di una parte di versare all’altra una somma di danaro.

1.1. Il motivo è infondato.

Il verbale di conciliazione giudiziale deve essere tassato con l’imposta di registro adeguata al contenuto dell’accordo che vi è recepito (Cass. 29 febbraio 2008, n. 5480, Rv. 602126).

Il D.P.R. n. 131 del 1986, art. 37 equipara la conciliazione giudiziale alla sentenza passata in giudicato, ma detta equiparazione deve essere coordinata con le previsioni di tariffa, le quali, rapportandosi al contenuto economico dell’atto, esprimono gli indici di capacità contributiva.

Correttamente, quindi, il giudice d’appello ha ritenuto infondata la pretesa erariale di tassare il verbale di conciliazione tra V. e M. con l’aliquota proporzionale del 3% prevista per la “condanna al pagamento di somme” (art. 8 tariffa parte I).

Detta pretesa astrae il negozio conciliativo dalla causa societaria, viceversa evidenziata dal verbale tassato e non contestata dal fisco: l’obbligo pecuniario del M. corrisponde alla liquidazione della quota sociale della V., sicchè, trattandosi essenzialmente dell’assegnazione della titolarità aziendale a un socio, l’imposta di registro deve liquidarsi in misura fissa ex art. 4 tariffa parte I (Cass. 16 febbraio 2007, n. 3670, Rv. 596876).

2. Il secondo, terzo e quarto motivo di ricorso denunciano omissioni motivazionali, per non aver il giudice d’appello chiarito la natura sostanziale dell’atto recepito dal verbale, che, ove qualificabile come transazione, sconterebbe ancora un’imposta proporzionale.

2.1. I motivi sono inammissibili.

Il giudice d’appello ha interpretato il negozio conciliativo alla stregua di una liquidazione di quota sociale per recesso; la difesa erariale non può rivisitare in sede di legittimità questo esito interpretativo, senza neppure dedurre una specifica violazione di canoni ermeneutici.

3. Il ricorso deve essere respinto, con aggravio di spese.

PQM

 

Rigetta il ricorso e condanna la ricorrente a rifondere le spese del giudizio di legittimità, che per compensi liquida in Euro 4.000,00 a favore di V.L. e in Euro 5.000,00 a favore di M.A., oltre spese generali al 15% e accessori di legge per entrambi.

Così deciso in Roma, il 13 giugno 2017.

Depositato in Cancelleria il 14 luglio 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA