Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 17501 del 14/07/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. trib., 14/07/2017, (ud. 05/06/2017, dep.14/07/2017),  n. 17501

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BRUSCHETTA Ernestino Luigi – Presidente –

Dott. SCARANO Luigi Alessandro – Consigliere –

Dott. ABETE Luigi – Consigliere –

Dott. PERRINO Angelina Maria – rel. Consigliere –

Dott. TEDESCO Giuseppe – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 11745 del ruolo generale dell’anno 2010

proposto da:

G.G., rappresentato e difeso, giusta procura speciale

a margine del ricorso, dagli avvocati Angelo Cuva e Giovanni

Palmeri, elettivamente domiciliatosi presso lo studio del secondo in

Roma, alla piazza del Fante, n. 2;

– ricorrente –

contro

Agenzia delle Entrate, in persone del direttore pro tempore;

– intimata –

per la cassazione della sentenza della Commissione tributaria

regionale della Sicilia, sezione 1^, depositata in data 23 marzo

2009, n. 30/01/09.

Fatto

FATTI DI CAUSA

L’Agenzia delle Entrate contestò al contribuente per il 2001 la mancata registrazione di ricavi, in base ad un processo verbale di constatazione, dal quale emergeva che egli insieme con altri avrebbe proceduto all’irregolare estrazione di considerevoli quantitativi di prodotti petroliferi dal deposito costiero Esso di Palermo in evasione d’imposta. Il contribuente impugnò il conseguente avviso, senza successo in primo, nè in secondo grado.

In particolare, il giudice d’appello, per quanto ancora d’interesse, ha rilevato che la sentenza con la quale il giudice penale ha assolto il contribuente da quasi tutte le imputazioni, basate pressochè sugli identici fatti, non fa stato nel giudizio tributario, sia perchè non emerge che l’Agenzia abbia partecipato al processo penale, sia perchè l’avviso di accertamento trova giustificazione nelle circostanze evidenziate nel processo verbale di constatazione.

Contro questa sentenza il contribuente propone ricorso per ottenerne la cassazione, che affida a due motivi ed illustra con memoria, cui non v’è replica.

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

1.- Col primo motivo di ricorso il contribuente lamenta la violazione del D.Lgs. n. 74 del 2000, artt. 20 e 21, in combinazione con l’art. 654 c.p.p., D.Lgs. n. 546 del 1992, art. 7 e art. 116 c.p.c., perchè il giudice d’appello avrebbe omesso di verificare la rilevanza della sentenza penale irrevocabile di assoluzione che avrebbe acclarato la propria estraneità ai fatti.

La censura è infondata, in quanto, come sunteggiato in narrativa, il giudice d’appello ha preso in considerazione la sentenza penale di assoluzione, per escluderne non soltanto l’efficacia di giudicato, in ragione della mancata partecipazione dell’Agenzia al processo penale, ma anche la rilevanza probatoria, in considerazione degli elementi addotti nel processo verbale di constatazione.

1.1.- La pronuncia si pone in linea col consolidato orientamento di questa Corte, secondo cui nel contenzioso tributario la sentenza penale irrevocabile intervenuta per reati attinenti ai medesimi fatti su cui si fonda l’accertamento degli uffici finanziari rappresenta un semplice elemento di prova, liberamente valutabile in rapporto alle ulteriori risultanze istruttorie, anche di natura presuntiva (tra varie, Cass. 13 febbraio 2015, n. 2938; 22 maggio 2015, n. 10978).

2.- Ne deriva l’assorbimento del secondo motivo, che ripropone la medesima questione, sotto il profilo del vizio di motivazione.

Nulla per le spese, in mancanza di attività difensiva.

PQM

 

la Corte:

rigetta il primo motivo di ricorso, assorbito il secondo.

Così deciso in Roma, il 5 giugno 2017.

Depositato in Cancelleria il 14 luglio 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA