Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 17486 del 14/07/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. trib., 14/07/2017, (ud. 19/04/2017, dep.14/07/2017),  n. 17486

 

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CAPPABIANCA Aurelio – Presidente –

Dott. VIRGILIO Biagio – Consigliere –

Dott. GRECO Antonio – Consigliere –

Dott. LOCATELLI Giuseppe – rel. Consigliere –

Dott. TRICOMI Laura – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 14587/2012 proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE in persona del Direttore pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA VIA DEI PORTOGHESI 12, presso

l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e difende;

– ricorrente –

contro

D.L.;

– intimato –

avverso la sentenza n. 175/2011 della COMM.TRIB.REG. di BARI,

depositata il 05/12/2011;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

19/04/2017 dal Consigliere Dott. GIUSEPPE LOCATELLI;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

FUZIO Riccardo, che ha concluso per l’accoglimento del ricorso;

udito per il ricorrente l’Avvocato TIDORE che si riporta agli atti.

Fatto

RITENUTO IN FATTO

L’Agenzia delle Entrate nell’anno 2007 notificava a D.L. un avviso di accertamento, per l’anno di imposta 2004, con il quale, facendo applicazione degli studi di settore, accertava maggiori ricavi non dichiarati per un importo di Euro 46.000, con determinazione del corrispondente maggior reddito di impresa ai fini Irpeg ed Irap ed una maggiore imposta a debito ai fini Iva.

Il contribuente proponeva ricorso alla Commissione tributaria provinciale di Bari che lo accoglieva con sentenza del 5.11.2010.

L’Agenzia delle Entrate proponeva appello, rigettato dalla Commissione tributaria regionale con sentenza del 5.12.2011. Il giudice di appello riteneva imprescindibile, ai fini della legittima utilizzazione ed applicazione delle “metodologie settoriali di accertamento” che l’Ufficio dovesse preliminarmente “esperire quelle indagini a cui è facultato dal D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600, art. 32, e D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633, art. 51, dalle quali devono emergere differenze sostanziali tra i dati raccolti e quelli contabilizzati e dichiarati dal contribuente”; riteneva la nullità dell’avviso di accertamento perchè “non conteneva un adeguata replica alle deduzioni avanzate in sede di contraddittorio dal contribuente”, e per mancanza del presupposto della “grave incongruenza” tra i ricavi dichiarati ed i maggiori ricavi accertati dall’Ufficio, corrispondenti nel caso di specie all’importo di Euro 46.000 pari ad una percentuale di solo il 4,23% dei ricavi dichiarati (Euro 1.089.996).

L’Agenzia delle Entrate ricorre per cassazione formulando due motivi di impugnazione.

Il contribuente non resiste.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

1. Primo motivo: “violazione e falsa applicazione del D.L. n. 331 del 1993, art. 62 sexies, richiamato dalla L. n. 146 del 1998, art. 10”, nella parte in cui ha ritenuto che l’Ufficio, prima di ricorrere all’impiego degli studi di settore, debba accertare l’esistenza di “irregolarità” nella situazione contabile del contribuente.

2. Secondo motivo:”insufficiente e contraddittoria motivazione circa un fatto controverso e decisivo per il giudizio”, nella parte in cui ha ritenuto che l’Ufficio abbia omesso di indicare le ragioni per le quali non ha accolto interamente le giustificazioni fornite dal contribuente in sede di contraddittorio, e nella parte in cui ha non ha ritenuto rilevante qualsiasi scostamento ma solo quello indicativo di una “grave incongruenza”, non ravvisato nel caso di specie in quanto la differenza tra ricavi dichiarati dal contribuente e quelli quantificati dall’Ufficio era solo del 4,23%.

3. I motivi, da esaminare congiuntamente, devono essere in parte rigettati ed in parte dichiarati inammissibili nei termini di seguito indicati.

Preliminarmente si rileva che la sentenza impugnata contiene una triplice “ratio decidendi”: mancato svolgimento di attività istruttorie diretta ad accertare irregolarità contabili, ritenute (erroneamente) presupposto indispensabile per l’applicazione della metodologia di accertamento a mezzo degli studi di settore; mancata motivazione dell’avviso di accertamento con l’esposizione delle ragioni per le quali non sono state accolte le giustificazioni addotte dal contribuente; mancanza del requisito delle “gravi incongruenze” tra ricavi dichiarati e quelli determinati mediante gli studi di settore in quanto lo scostamento era pari soltanto ad una percentuale del 4,23%.

Ciò premesso, deve essere applicato il principio secondo cui, qualora la pronuncia impugnata sia sorretta da una pluralità distinta ed autonoma di ragioni, ciascuna delle quali giuridicamente e logicamente sufficiente a giustificare la decisione adottata, il rigetto delle doglianze relative ad una di esse rende inammissibile, per difetto di interesse, l’esame relativo alle altre, poichè anche se ipoteticamente fondate, non potrebbero in nessun caso produrre la cassazione della sentenza, legittimamente fondata sulla restante ratio decidendi ritenuta immune da vizi deducibili con il ricorso per cassazione. (Sez. 3, Sentenza n. 13956 del 30/06/2005, Rv. 582567 – 01).

Nel caso in esame risulta infondata la denuncia di “insufficiente e contraddittoria” motivazione (seconda parte del secondo motivo) della sentenza impugnata nella parte in cui ha escluso la ricorrenza del requisito delle “gravi incongruenze”. L’assunto del giudice di appello, in ordine alla insufficienza di un “qualsiasi scostamento” tra ricavi dichiarati e ricavi determinati con gli studi di settore, è corretto. Ai fini della legittima adozione del metodo di accertamento del reddito di impresa (e di lavoro autonomo) mediante applicazione degli studi di settore, questa Corte ha affermato il principio della permanente necessità della esistenza del requisito delle “gravi incongruenze” tra i ricavi dichiarati e quelli desumibili dagli studi di settore, previsto dal D.L. 30 agosto 1993, n. 331, art. 62 sexies, convertito nella L. 29 ottobre 1993, n. 427, requisito da ritenersi implicitamente confermato e non abrogato dalla L. 8 maggio 1998, n. 146, art. 10, comma 1, pur in assenza di un esplicito richiamo (Sez. U, Sentenza n. 26635 del 18/12/2009, Rv. 610692 – 01).

La motivazione non denota alcun vizio di “insufficienza o contraddittorietà”, laddove il giudice di appello esclude la sussistenza del presupposto delle “gravi incongruenze” ritenendo la natura lieve o comunque non grave di uno scostamento del 4,23%, matematicamente corrisponde al divario tra importo dei ricavi dichiarati (Euro 1.089.000) ed i maggiori ricavi accertati dall’Ufficio nella misura di Euro 46.000.

La rilevata legittimità della ratio decidendi che ha escluso la sussistenza del presupposto delle gravi incongruenze, legittimante il ricorso all’accertamento standardizzato mediante gli studi di settore, rende inammissibili, per carenza del requisito della decisività, l’esame dei motivi di censura (primo motivo e prima parte del secondo motivo) riferiti alle restanti rationes decidendi.

Spese regolate come da dispositivo.

PQM

 

Rigetta il ricorso. Condanna l’Agenzia delle Entrate al rimborso delle spese in favore di parte resistente, liquidate in Euro tremiladuecento, oltre spese generali nella misura del 15% ed accessori di legge.

Così deciso in Roma, il 19 aprile 2017.

Depositato in Cancelleria il 14 luglio 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA