Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 17469 del 22/08/2011

Cassazione civile sez. I, 22/08/2011, (ud. 10/06/2011, dep. 22/08/2011), n.17469

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CARNEVALE Corrado – Presidente –

Dott. BERRUTI Giuseppe Maria – Consigliere –

Dott. RAGONESI Vittorio – Consigliere –

Dott. BERNABAI Renato – Consigliere –

Dott. RAGONESI Vittorio – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

Z.R. e Z.A., elettivamente

domiciliati in Roma, Via Principessa Clotilde 7, presso l’avv.

TONUCCI Mario, che con l’avv. Antonio De Gregori li rappresenta e

difende giusta delega in atti;

– ricorrenti –

contro

Z.G.;

– intimato –

avverso la sentenza della Corte d’appello di Genova n. 638 del

13.6.2006.

Udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

10.6.2011 dal Relatore Cons. Dott. Carlo Piccininni;

Udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

PRATIS Pierfelice, che ha concluso per l’estinzione del giudizio.

Fatto

FATTO E DIRITTO

Con atto di citazione del 30.5.1989 Z.T.V. conveniva in giudizio davanti al Tribunale di Genova il fratello Z. G., amministratore unico della Alpi Turismo Autonoleggi Liguri Piemontesi s.n.c. (di cui entrambi erano soci paritari al 50%), deducendo gravi inadempienze nella gestione societaria e chiedendo la sua condanna al risarcimento del danno.

Con altro atto di citazione del 20.1.1992 Z.G., in proprio e quale amministratore della società, conveniva in giudizio a sua volta il fratello, formulando (sulla base di antitetici motivi) identica richiesta risarcitoria.

Riuniti i giudizi ed espletata l’istruttoria, il tribunale accoglieva l’originaria domanda di Z.T.V. (cui nel corso del processo erano succeduti gli eredi R. ed A.) limitatamente alla liquidazione della quota di sua spettanza (il cui valore era stato quantificato in L. 46.701013), mentre rigettava tutte le richiesta risarcitorie.

La sentenza, impugnata da entrambe le parti, veniva parzialmente riformata dalla Corte di appello di Genova che in particolare, sui diversi punti sottoposti al suo esame, rilevava l’impossibilità di procedere alla liquidazione della quota richiesta dagli eredi di Z.T.V., atteso che non risultava conclusa la liquidazione, mentre quantificava il danno da questi denunciato nella somma di Euro 19.184,59, oltre interessi e rivalutazione.

Avverso la decisione R. ed Z.A. proponevano ricorso per cassazione affidato ad un motivo, cui non resisteva l’intimato.

Successivamente i ricorrenti ( R.G. e Z.M. F. per Z.R., nel frattempo deceduto) trasmettevano a questa Corte dichiarazione di rinuncia al ricorso, sottoscritta anche dai loro difensori.

Ne consegue che il giudizio va dichiarato estinto.

P.Q.M.

Dichiara estinto il giudizio.

Così deciso in Roma, il 10 giugno 2011.

Depositato in Cancelleria il 22 agosto 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA