Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 17417 del 13/07/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 13/07/2017, (ud. 05/05/2017, dep.13/07/2017),  n. 17417

 

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. NAPPI Aniello – Presidente –

Dott. DI VIRGILIO Rosa Maria – rel. Consigliere –

Dott. BISOGNI Giacinto – Consigliere –

Dott. ACIERNO Maria – Consigliere –

Dott. LAMORGESE Antonio – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 19361-2016 proposto da:

M.H., elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA CAVOUR

presso la CORTI Di CASSAZIONE, rappresentato e difeso dall’avvocato

COSIMO CASTRIGNANO’;

– ricorrente –

contro

QUESTURA DI BRINDISI in persona del Questore pro tempore, MINISTERO

DELL’INTIRNO – C.F. (OMISSIS), in persona del Ministro pro tempore,

elettivamente domiciliati in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12, presso

l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che li rappresenta e difende ope

legis;

– controricorrenti –

avverso il decreto del TRIBUNALE di BRINDISI, depositato il

26/05/2016, emesso sul procedimento iscritto) al n. 544 sub 1/2016

R.G.V.G.;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 05/05/2017 dal Consigliere Dott. ROSA MARIA DI

VIRGILIO.

Fatto

FATTO E DIRITTO

La Corte:

Rilevato che:

Con provvedimento del 26/5/2016, il Tribunale di Brindisi ha prorogato il trattenimento già operato e convalidato dal medesimo Tribunale il 31/3/2016 nei confronti di M.H., ritenendo la sussistenza dei presupposti di legge di cui al D.Lgs. n. 286 del 1998, art. 14, comma 5, come illustrati nell’istanza del Questore di Brindisi a cui ha fatto integrale riferimento, “nella quale si evidenziano difficoltà nel completamento della procedura di identificazione della persona interessata”.

Ricorre sulla base di tre motivi il M..

Si difendono con controricorso il Ministero e la Questura di Brindisi.

Considerato che:

L’eccezione di inammissibilità del ricorso è infondata, atteso che, pur dopo il trasferimento nel Regno Unito, accettato dal ricorrente, questi conserva interesse alla definizione del procedimento di cui si tratta, anche ad eventuali fini risarcitori.

Col primo motivo, il ricorrente lamenta che il ritardo nell’espletamento delle procedure amministrative preordinate all’esame della domanda di protezione internazionale non giustifica la proroga del trattenimento; col secondo, deduce la violazione del D.Lgs. n. 142 del 2015, artt. 6, comma 5, e D.Lgs. n. 286 del 1998, art. 14, comma 5, atteso che la proroga è stata disposta quattro giorni prima della scadenza del primo termine del trattenimento; col terzo, denuncia sotto il profilo dell’art. 125 c.p.p., comma 3, la totale assenza di motivazione del provvedimento.

I tre motivi sono manifestamente infondati.

Ed infatti, le difficoltà nell’espletamento delle procedure di identificazione di cittadino straniero hanno una evidente ragione d’essere, visto il notorio, forte afflusso migratorio che interessa da tempo l’Italia; la proroga del trattenimento correttamente è stata chiesta prima dello scadere del primo periodo, ed è del tutto illogica l’interpretazione offerta dal ricorrente, visto che, ragionando secondo la stessa, la proroga dopo la scadenza verrebbe richiesta senza alcun titolo giuridico supportante la proroga medesima; sussiste la motivazione del provvedimento, operata con il rinvio alle ragioni contenute nell’istanza della Questura a cui è fatto integrale riferimento, e con l’evidenziazione delle difficoltà nel completamento delle procedure di identificazione (sulla ammissibilità della motivazione per relationem si richiama la pronuncia delle Sez.U. 642/2015).

Si dispone la compensazione delle spese, visto il rigetto dell’eccezione di inammissibilità sollevata dall’Amministrazione; visto che dagli atti risulta il processo esente, si dà atto della non applicazione del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater.

PQM

 

La Corte rigetta il ricorso; compensa tra le parti le spese.

Così deciso in Roma, il 5 maggio 2017.

Depositato in Cancelleria il 13 luglio 2017

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA