Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 17413 del 19/08/2011

Cassazione civile sez. lav., 19/08/2011, (ud. 12/07/2011, dep. 19/08/2011), n.17413

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. LAMORGESE Antonio – Presidente –

Dott. COLETTI DE CESARE Gabriella – Consigliere –

Dott. AMOROSO Giovanni – Consigliere –

Dott. MORCAVALLO Ulpiano – rel. Consigliere –

Dott. ARIENZO Rosa – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

P.R., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA NICOTERA 29,

presso lo studio degli avvocati SALERNO GASPARE E ALLOCCA GIORGIO che

lo rappresentano e difendono, giusta delega in atti;

– ricorrente –

contro

I.N.P.S. – ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE, in persona

del legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliato in

ROMA, VIA DELLA FREZZA N. 17, presso l’Avvocatura Centrale

dell’Istituto, rappresentato e difeso dagli avvocati RICCIO

ALESSANDRO, VALENTE NICOLA, PULLI CLEMENTINA, BIONDI GIOVANNA, giusta

delega in atti;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 7736/2006 della CORTE D’APPELLO di ROMA,

depositata il 22/01/2007 R.G.N. 3089/05;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

12/07/2011 dal Consigliere Dott. ULPIANO MORCAVALLO;

udito l’Avvocato PULLI CLEMENTINA;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

CESQUI Elisabetta che ha concluso per la dichiarazione di

inammissibilità del ricorso.

Fatto

RITENUTO IN FATTO

1. Con la sentenza qui impugnata la Corte d’appello di Roma, confermando la decisione di primo grado del Tribunale della stessa città, in funzione di giudice del lavoro, ha ritenuto inammissibile, per preclusione da precedente giudicato, la domanda di R. P. intesa ad ottenere dall’INPS, quale gestore del fondo integrativo degli ex dipendenti dell’INAM, il ricalcolo del proprio trattamento pensionistico mediante computo dell’indennità di posizione goduta come dirigente generale. In particolare, la Corte di merito rilevava che sulla medesima domanda era intervenuta sentenza, passata in giudicato, di carattere non meramente processuale, come invece sostenuto dall’attore, trattandosi, al contrario, di decisione involgente la valutazione di merito circa la mancanza di prova della qualifica di dirigente.

2. Il P. ricorre per la cassazione della sentenza della Corte i d’appello con due motivi di impugnazione. L’INPS resiste con controricorso.

3. Motivazione semplificata.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

1. In via preliminare, il Collegio rileva l’ininfluenza della rinuncia al mandato, comunicata dai difensori del ricorrente nell’imminenza della odierna udienza di discussione, atteso che, per effetto del principio della cosiddetta perpetuatio dell’ufficio di difensore (di cui è espressione l’art. 85 c.p.c.), nessuna efficacia può dispiegare tale rinuncia nell’ambito del giudizio di cassazione, oltretutto caratterizzato da uno svolgimento per impulso d’ufficio (cfr. ex pluribus Cass. n. 16121 del 2009).

2. Il ricorso consta di due censure.

2.1. Con la prima si lamenta che la Corte di merito abbia, senza alcuna motivazione, ritenuto che la mancata allegazione della funzione di dirigente generale dell’INAM abbia impedito di pronunciare nel merito.

2.2. Con la seconda si sostiene il contenuto meramente processuale della precedente sentenza del Tribunale di Roma, che non poteva precludere la successiva domanda di ricalcolo della pensione.

3. Tali censure, da esaminare congiuntamente per la loro connessione, non sono fondate.

3.1. La decisione qui impugnata si fonda sulla preclusione dell’azione, derivante dal precedente giudicato, sì che si rivela del tutto inconferente la doglianza del ricorrente riferita ad una diversa causa di preclusione, quale la mancata allegazione della qualifica dirigenziale.

3.2. La pronuncia passata in giudicato, su cui la Corte d’appello fonda l’effetto preclusivo, è costituita, come accertato dai giudici di merito, da una sentenza di rigetto della domanda di ricalcolo della pensione per difetto di prova della suddetta qualifica di dirigente dell’INAM: si tratta, quindi, di pronuncia afferente ad un fatto costituivo della pretesa, e pertanto al titolo della medesima, sì che la statuizione di rigetto per difetto della prova circa la qualifica dirigenziale si configura, propriamente, come una decisione di merito, preclusiva della successiva domanda proposta nel presente giudizio.

4. In conclusione il ricorso è respinto. Nulla per le spese in applicazione dell’art. 152 disp. att. c.p.c. (nel testo anteriore alle modifiche di cui al D.L. n. 269 del 2003, convertito in L. n. 326 del 2003, qui non applicabili ratione temporis).

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso. Nulla per le spese del giudizio.

Così deciso in Roma, il 12 luglio 2011.

Depositato in Cancelleria il 19 agosto 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA