Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 17411 del 20/08/2020

Cassazione civile sez. VI, 20/08/2020, (ud. 14/01/2020, dep. 20/08/2020), n.17411

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. VALITUTTI Antonio – Presidente –

Dott. ACIERNO Maria – Consigliere –

Dott. TERRUSI Francesco – Consigliere –

Dott. CAMPESE Eduardo – rel. Consigliere –

Dott. DOLMETTA Aldo Angelo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

CORREZIONE ERRORE MATERIALE

sul ricorso 13502-2019 proposto da:

C.E., elettivamente domiciliata in ROMA, V. NICOLO’

TARTAGLIA 21, presso lo studio dell’avvocato PIERLUIGI PAOLINI,

rappresentata e difesa dall’avvocato ORESTE DE ANGELIS;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA 8018440587;

– intimato –

avverso la sentenza n. 25777/2010 della CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

di ROMA, depositata il 20/12/2010;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 14/01/2020 dal Consigliere Relatore Dott. EDUARDO

CAMPESE.

 

Fatto

RILEVATO

CHE:

L’Avv. Oreste De Angelis, qualificandosi difensore di C.E., giusta procura speciale alle liti a margine del controricorso avverso il ricorso per cassazione n. 18240/2008, nella corrispondente causa, avente ad oggetto equa riparazione, promossa dal Ministero della Giustizia contro la C., ha esposto che, nel giudizio sopra descritto, è stata emessa dalla Suprema Corte la sentenza n. 25777/2010 nella quale, come procuratore e difensore in giudizio della sig.ra C.E., è stato indicato, invece che il menzionato legale munito di formale procura, l’Avv. Ettore Sabetta, solo domiciliatario, cui sono state rilasciate le copie esecutive, essendo stato individuato erroneamente come il procuratore dichiaratosi distrattario.

Ha, quindi, chiesto, nella indicata qualità, la correzione del testo della suddetta sentenza suddetta, sostituendosi, nella prima pagina, alle parole “Avv. Ettore Sabetta, che la rappresenta e difende giusta delega in atti”, quelle “Avv. Ettore Sabetta, rappresentata e difesa dall’Avv. Oreste De Angelis, giusta delega in atti”, in modo tale che l’intero periodo sia così riformulato: ” C.E., elettivamente domiciliata in Roma, via N. Tartaglia 21, presso l’Avv. Ettore Sabetta, rappresentata e difesa dall’Avv. Oreste De Angelis, giusta delega in atti”.

Diritto

CONSIDERATO

CHE:

Dall’esame della documentazione allegata al ricorso (sentenza n. 25777/2010 di questa Suprema Corte) e da quella acquisita dal Collegio (ricorso per cassazione n. 18240/2008 r.g. del Ministero della Giustizia; controricorso della C. in quel procedimento, recante la procura speciale a margine, nella quale l’Avv. Oreste De Angelis è nominato difensore della C., mentre l’Avv. Ettore Sabetta è indicato quale suo mero procuratore domiciliatario), emerge chiaramente la sussistenza del denunciato errore materiale, sicchè occorre procedersi, ai sensi degli artt. 287 e ss. c.p.c., alla sua invocata correzione.

P.Q.M.

La Corte dispone procedersi alla correzione dell’errore materiale contenuto nella propria sentenza n. 25777/2010, resa sul ricorso, n. 18240/08 r.g., proposto dal Ministero della Giustizia contro Elvira C., in particolare sostituendosi, nella prima pagina, alle parole “Avv. Ettore Sabetta, che la rappresenta e difende giusta delega in atti”, quelle “Avv. Ettore Sabetta, rappresentata e difesa dall’Avv. Oreste De Angelis, giusta delega in atti”, in modo tale che l’intero periodo deve intendersi così riformulato: ” C.E., elettivamente domiciliata in Roma, via N. Tartaglia 21, presso l’Avv. Ettore Sabetta, rappresentata e difesa dall’Avv. Oreste De Angelis, giusta delega in atti”.

Ordina la corrispondente annotazione sull’originale della predetta sentenza.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio della Sesta Sezione civile della Corte Suprema di cassazione, il 14 gennaio 2020.

Depositato in Cancelleria il 20 agosto 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA