Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 17401 del 29/08/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile sez. lav., 29/08/2016, (ud. 24/05/2016, dep. 29/08/2016), n.17401

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. D’ANTONIO Enrica – Presidente –

Dott. BERRINO Umberto – Consigliere –

Dott. DORONZO Adriana – Consigliere –

Dott. GHINOY Paola – Consigliere –

Dott. RIVERSO Roberto – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 15106/2010 proposto da:

I.N.P.S. – ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE, C.F.

(OMISSIS), in persona del legale rappresentante pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA, VIA CESARE BECCARIA n. 29 presso

l’Avvocatura Centrale dell’Istituto, rappresentato e difeso dagli

avvocati CLEMENTINA PULLI, MAURO RICCI e ALESSANDRO RICCIO, giusta

delega in atti;

– ricorrente –

contro

M.C., C.F. (OMISSIS), elettivamente domiciliata in ROMA,

PIAZZALE CADUTI DELLA MONTAGNOLA, presso ROSARIO SCRIMIERI,

rappresentata e difesa l’avvocato BENITO SCHITO, giusta delega in

atti;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 1010/2009 della CORTE D’APPELLO di LECCE,

depositata il 04/06/2009, R.G.N. 1991/2007;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

24/05/2016 dal Consigliere Dott. ROBERTO RIVERSO;

udito l’Avvocato MAURO RICCI;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

SANLORENZO Rita, che ha concluso per l’inammissibilità, in

subordine per il rigetto del ricorso.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con sentenza n. 1010/2009, depositata il 4.6.2009, la Corte d’Appello di Lecce dichiarava cessata la materia del contendere pronunciando sull’appello proposto dall’INPS avverso la sentenza del Tribunale di Lecce che condannava l’Istituto a pagare a M.C. i ratei differenziali tra pensione di inabilità civile ed assegno sociale maturati nel periodo intercorso dal 1996 al 31.10.2005. La statuizione si imponeva, ad avviso della Corte, perchè nelle note depositate il 24.2.2009, M.C. aveva dichiarato di essere stata soddisfatta dall’INPS di tutto quanto dovuto, chiedendo che fosse pronunciata la cessazione della materia del contendere.

Avverso detta sentenza l’INPS ha proposto ricorso articolato su un unico motivo corredato da quesito di diritto. M.C. ha resistito con controricorso.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

1.- Con l’unico motivo l’INPS censura la sentenza impugnata per violazione e falsa applicazione dell’art. 329 c.p.c., in relazione all’art. 100 c.p.c. (art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3) in quanto l’aver dato spontanea esecuzione alla sentenza di primo grado provvisoriamente esecutiva non comportava acquiescenza, in mancanza di una situazione dalla quale emergesse il venir meno di ogni ragione di contrasto tra le parti.

1.1 Il motivo è fondato, dovendosi confermare la violazione dell’art. 329 c.p.c., da parte della sentenza d’appello, posto che l’INPS aveva impugnato la prima sentenza, provvisoriamente esecutiva, sostenendo che la ricorrente non avesse diritto alla prestazione. L’esecuzione spontanea della stessa sentenza appellata non costituisce infatti atto di per sè assolutamente incompatibile con la volontà di avvalersi dell’impugnazione e non implica acquiescenza tacita alla sentenza; ciò perchè la stessa esecuzione può discendere anche soltanto dall’opportunità di evitare le spese di precetto e dei successivi atti di esecuzione (conf. Cass. sentenza n. 17788 del 22.7.2013, ord. 13293 dell’11.6.2014).

1.2 Nè rileva se l’Inps prima della pronuncia di appello abbia liquidato, e continuato anche in seguito ad erogare, i ratei maturati nel periodo successivo a quello che costituì oggetto del giudizio, in quanto si tratta di ratei consequenziali e strettamente discendenti dalla stessa esecuzione della sentenza di cui si tratta e dall’accertamento della situazione sostanziale posta alla base della medesima pronuncia appellata dall’INPS.

1.3 Neppure rileva di per sè la mancata espressa formulazione di una riserva di impugnazione, sussistendo appunto un interesse del soccombente appellante a dare esecuzione alla decisione esecutiva, ancorchè non definitiva. Talchè la Corte d’Appello non poteva dichiarare la cessazione della materia del contendere, la quale statuizione postula il venir meno di un qualsiasi contrasto in ordine alla situazione sostanziale dedotta nel giudizio.

1.4 La sentenza impugnata non ha quindi fatto corretta applicazione dei suddetti principi. Ne consegue che il ricorso debba essere accolto e la sentenza impugnata cassata. Va quindi disposto il rinvio della causa ad altro giudice, designato in dispositivo, per l’ulteriore esame della controversia. Il giudice del rinvio provvederà altresì, ex art. 385 c.p.c., sulle spese del giudizio di legittimità.

PQM

La Corte accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e rinvia, anche per la liquidazione delle spese, alla Corte di Appello di Lecce in diversa composizione.

Così deciso in Roma, il 24 maggio 2016.

Depositato in Cancelleria il 29 agosto 2016

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA