Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 17398 del 20/08/2020

Cassazione civile sez. VI, 20/08/2020, (ud. 14/01/2020, dep. 20/08/2020), n.17398

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. VALITUTTI Antonio – Presidente –

Dott. ACIERNO Maria – Consigliere –

Dott. TERRUSI Francesco – rel. Consigliere –

Dott. CAMPESE Eduardo – Consigliere –

Dott. DOLMETTA Aldo Angelo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 3885-2019 proposto da:

J.D., elettivamente domiciliato in ROMA, V. LUIGI

PIRANDELLO 67 PAL A, presso lo studio dell’avvocato SABRINA

BELMONTE, rappresentato e difeso dall’avvocato BRUNO FEDELI;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELL’INTERNO 80185690585, in persona del Ministro pro

tempore, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12,

presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e

difende ope legis;

– resistente –

avverso la sentenza n. 5801/2018 della CORTE D’APPELLO di MILANO,

depositata il 27/12/2018;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 14/01/2020 dal Consigliere Relatore Dott. FRANCESCO

TERRUSI.

 

Fatto

RILEVATO

che:

D.J., nigeriano, ha proposto ricorso per cassazione contro la sentenza della corte d’appello di Milano che ne ha respinto il gravame relativo al disconoscimento della protezione internazionale;

il Ministero dell’Interno non ha svolto difese.

Diritto

CONSIDERATO

che:

col primo motivo il ricorrente denunzia la violazione del D.Lgs. n. 251 del 2007, artt. 2,3 e 14, a proposito del diniego di protezione sussidiaria, anche in relazione all’art. 4 della direttiva 2004/83-CE e dell’art. 13 della direttiva 2005/85-CE;

il motivo è inammissibile, avendo la corte territoriale motivatamente escluso, con valutazione in fatto istituzionalmente a riservata al giudice del merito, che nella zona di provenienza del ricorrente esistesse una situazione generalizzata di violenza derivante da conflitto armato;

col secondo motivo il ricorrente denunzia la violazione del D.Lgs. n. 25 del 2008, art. 32 e art. 5 del t.u. imm., per avere la corte d’appello erroneamente escluso la sussistenza di condizioni di vulnerabilità tali da giustificare il riconoscimento della protezione umanitaria;

anche il secondo motivo è inammissibile: la corte territoriale ha motivato il giudizio facendo specifico riferimento alla condizione personale del ricorrente; anche in tal caso si è dinanzi a una valutazione in punto fatto, non incisa da errori giuridici e come tale insindacabile in questa sede.

PQM

La Corte dichiara inammissibile il ricorso.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello relativo al ricorso, se dovuto.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio, il 14 gennaio 2020.

Depositato in Cancelleria il 20 agosto 2020

 

 

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA