Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 17397 del 23/07/2010

Cassazione civile sez. trib., 23/07/2010, (ud. 23/06/2010, dep. 23/07/2010), n.17397

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. LUPI Fernando – Presidente –

Dott. MAGNO Giuseppe Vito Antonio – Consigliere –

Dott. PERSICO Mariaida – Consigliere –

Dott. DIDOMENICO Vincenzo – rel. Consigliere –

Dott. CAMPANILE Pietro – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE, AGENZIA DELLE ENTRATE, in

persona del Direttore pro tempore, elettivamente domiciliati in ROMA

VIA DEI PORTOGHESI 12 presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che

li rappresenta e difende ope legis;

– ricorrenti –

contro

V.R., D.G.P., INTERFLORA FIORI DI PIETRO

DEL GAUDIO & C SAS;

– intimati –

avverso la sentenza n. 350/2004 della COMM. TRIB. REG. di NAPOLI,

depositata il 07/12/2004;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

23/06/2010 dal Consigliere Dott. DIDOMENICO Vincenzo;

udito per il ricorrente l’Avvocato PAOLO GENTILI, che ha chiesto

l’accoglimento;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

CENICCOLA Raffaele, che ha concluso per il rigetto.

 

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze in persona, del Ministro e l’Agenzia delle Entrate in persona del Direttore pro tempore hanno proposto rincorso per cassazione avverso la sentenza n. 349 della Commissione Regionale della Campania dep. il 07/12/2004.

La CTR aveva confermato la sentenza della CTP di Napoli che aveva accolto i separati ricorsi riuniti della Interflora Fiori di Pietro Del Gaudio & c. s.a.s. e dei soci D.G.P. e V. R. avverso l’avviso di accertamento per IRPEF e ILOR per l’anno 1997. La CTR aveva ritenuto che il difetto di motivazione dell’avviso di accertamento non potesse essere sanato dalla produzione successiva del P.V.C. (nel caso in esame solo in appello);

per i soci affermava che gli stessi erano tenuti al pagamento in relazione al reddito che sarebbe stato accertato con sentenza passata in giudicato per la societa’ in proporzione alle loro quote di partecipazione alla societa’.

I ricorrenti pongono a fondamento del ricorso la violazione di legge e vizio motivazionale. I contribuenti non hanno resistito.

La causa e’ stata rimessa alla decisione in pubblica udienza.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Preliminarmente deve essere rilevata la inammissibilita’ del ricorso proposto dal Ministero, che non era parte nel giudizio di appello dal quale doveva intendersi tacitamente estromesso perche’ iniziato dopo il 01/01/2001, e, pertanto, dopo l’entrata in funzione delle Agenzie delle Entrate(Cass. SS.UU. 3116/2006, 3118/2006).

Con il primo articolato motivo di ricorso, l’Agenzia deduce in primo luogo la nullita’ della sentenza per la violazione del D.Lgs n. 546 del 1992, art. 24 e art. 36, n. 4 e dell’art. 112 c.p.c. per avere la CTP prima e poi la CTR posto a base della decisione la questione della violazione della L. n. 212 del 2000, art. 7 introdotta solo con una memoria integrativa dei motivi di ricorso, laddove il ricorso era fondato su motivi di merito con riferimento alla percentuale di ricarico del 26% ritenuta eccessiva’ e, con riferimento ai soci,perche’ la CTR aveva emesso una decisione immotivata ricalcante l’astratta previsione normativa, rispetto ad un ulteriore inesistente giudizio relativo alla societa’.

In ordine al primo profilo, il motivo e’ inammissibile in quanto la questione non e’ stata oggetto dei motivi d’appello, onde sul punto s’e’ formato il giudicato.

Per quanto concerne la pronunzia relativa ai soci, l’ufficio non rende manifesto l’interesse a ricorrere in ordine ad una pronuncia che riproduca “l’astratto paradigma normativo”, onde, sotto tale rispetto, si ravvisa l’inammissibilita’ del motivo.

Col secondo motivo l’Agenzia deduce vizio motivazionale in ordine al mancato accertamento della effettiva lesione, per la mancata consegna di un atto, del diritto di difesa, del contribuente, atteso il tenore del ricorso introduttivo in cui s’erano espletate difese di merito.

Il motivo, oltre che per difetto di autosufficienza, e’ inammissibile per le ragioni sopraesposte in ordine al giudicato formatosi sulla questione.

Il ricorso deve essere, pertanto, rigettato.

Non si provvede sulle spese non essendosi il contribuente difeso.

P.Q.M.

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Dichiara inammissibile il ricorso del Ministero e rigetta il ricorso dell’Agenzia.

Cosi’ deciso in Roma, nella Camera di Consiglio della Sezione Tributaria, il 23 giugno 2010.

Depositato in Cancelleria il 23 luglio 2010

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA