Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 17397 del 20/08/2020

Cassazione civile sez. VI, 20/08/2020, (ud. 14/01/2020, dep. 20/08/2020), n.17397

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. VALITUTTI Antonio – Presidente –

Dott. ACIERNO Maria – Consigliere –

Dott. TERRUSI Francesco – rel. Consigliere –

Dott. CAMPESE Eduardo – Consigliere –

Dott. DOLMETTA Aldo Angelo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 3882-2019 proposto da:

P.F., elettivamente domiciliato in ROMA, V. LUIGI

PIRANDELLO 67/A PAL A, presso lo studio dell’avvocato SABRINA

BELMONTE, rappresentato e difeso dall’avvocato BRUNO FEDELI;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELL’INTERNO 80185690585;

– intimato –

avverso la sentenza n. 5824/2018 della CORTE D’APPELLO di MILANO,

depositata il 28/12/2018;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 14/01/2020 dal Consigliere Relatore Dott. FRANCESCO

TERRUSI.

 

Fatto

RILEVATO

che:

P.F., nigeriano, ha proposto ricorso per cassazione contro la sentenza della corte d’appello di Milano che ne ha respinto il gravame relativo al disconoscimento della protezione internazionale;

il Ministero dell’Interno non ha svolto difese.

Diritto

CONSIDERATO

che:

col primo motivo il ricorrente denunzia la violazione del D.Lgs. n. 251 del 2007, artt. 2,3,5,7 e 8, relativamente alla avvenuta esclusione dello status di rifugiato;

il motivo è inammissibile;

la corte d’appello ha difatti escluso che dalle dichiarazioni del richiedente potesse esser desunta una effettiva condizione di persecuzione fondata su motivazioni di tipo politico; in particolare ha messo in evidenza una serie di aspetti di non credibilità del racconto e l’incongruenza correlata al modesto rilievo dell’attività di affissione di manifesti e di bodyguard asseritamente svolta per il partito PDP;

la valutazione è coerentemente motivata e il ricorso ne implica una censura in fatto;

col secondo motivo il ricorrente denunzia la violazione del D.Lgs. n. 251 del 2007, artt. 2,3 e 14, a proposito del diniego di protezione sussidiaria, anche in relazione all’art. 4 della direttiva 2004/83-CE e dell’art. 13 della direttiva 2005/85-CE;

il motivo, limitato al profilo della protezione ex art. 14, lett. c), del D.Lgs. cit., è inammissibile per eguale ragione: la corte territoriale ha infatti motivatamente escluso, ancora una volta con valutazione in fatto istituzionalmente a riservata al giudice del merito, che nella zona di provenienza del ricorrente (Edo State) esistesse una situazione generalizzata di violenza derivante da conflitto armato;

col terzo motivo il ricorrente denunzia la violazione del D.Lgs. n. 25 del 2008, art. 32 e art. 5 del t.u. imm., per avere la corte d’appello erroneamente escluso la sussistenza di condizioni di vulnerabilità tali da giustificare il riconoscimento della protezione umanitaria;

anche il terzo motivo è inammissibile: la corte territoriale ha motivato il giudizio facendo specifico riferimento alla condizione personale del ricorrente e a quanto desumibile dalla documentazione prodotta, non indicativa di particolari esigenze qualificabili come umanitarie, nè di indici di stabile integrazione sul territorio nazionale; nuovamente si è dinanzi a una valutazione in punto fatto, non incisa da errori giuridici e come tale insindacabile in questa sede.

P.Q.M.

La Corte dichiara inammissibile il ricorso.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello relativo al ricorso, se dovuto.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio, il 14 gennaio 2020.

Depositato in Cancelleria il 20 agosto 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA