Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 17392 del 20/08/2020

Cassazione civile sez. VI, 20/08/2020, (ud. 14/01/2020, dep. 20/08/2020), n.17392

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. VALITUTTI Antonio – Presidente –

Dott. ACIERNO Maria – Consigliere –

Dott. TERRUSI Francesco – rel. Consigliere –

Dott. CAMPESE Eduardo – Consigliere –

Dott. DOLMETTA Aldo Angelo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 28824-2018 proposto da:

O.O., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA BEVAGNA, 46,

presso lo studio dell’avvocato ANDREA CARDINALI, rappresentato e

difeso dagli avvocati STEFANO MINGARELLI, FEDERICO MUZI;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELL’INTERNO 80185690585, COMMISSIONE TERRITORIALE DI

FIRENZE – SEZIONE DI PERUGIA;

– intimati –

avverso la sentenza n. 661/2018 della CORTE D’APPELLO di PERUGIA,

depositata il 31/08/2018;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 14/01/2020 dal Consigliere Relatore Dott. FRANCESCO

TERRUSI.

 

Fatto

RILEVATO

che:

O.O. ricorre per cassazione contro la sentenza della corte d’appello di Perugia in data 31-8-2018, che ne ha disatteso il gravame relativo alla domanda di protezione internazionale;

il ministero dell’Interno non ha svolto difese.

Diritto

CONSIDERATO

che:

col primo motivo il ricorrente denunzia la violazione o falsa applicazione del D.Lgs. n. 251 del 2007, artt. 1 e 11, sostenendo che la sua narrazione dei fatti si sarebbe dovuta ritenere credibile e circostanziata, anche in relazione alle ragioni della fuga dalla Nigeria a causa di scontri tra abitanti di villaggi limitrofi per il controllo di giacimenti di petrolio;

il motivo è inammissibile in quanto la valutazione di credibilità del racconto del richiedente integra una questione di fatto, insindacabile in cassazione ove – come nella specie – motivata; col secondo motivo il ricorrente denunzia la violazione o falsa applicazione del D.Lgs. n. 251 del 2007, artt. 1,2 e 17, poichè si sarebbe dovuta ritenere esistente, in Nigeria, una situazione di violenza indiscriminata da conflitto armato, come già riconosciuto in casi analoghi dai giudici di diverse sedi nazionali;

il motivo è inammissibile poichè non calibrato sulla ratio della sentenza, la quale ha osservato che il richiedente non aveva fatto alcun riferimento al timore di rimaner coinvolto in situazione di violenza connesse alla peculiare situazione di alcune regioni della Nigeria, donde un accertamento sul punto non potevasi svolgere d’ufficio;

col terzo motivo il ricorrente denunzia la violazione o falsa applicazione del D.Lgs. n. 25 del 2008, art. 32 e art. 5 del t.u. imm, per avere la corte d’appello mancato di riconoscere i presupposti relativi quanto meno alla protezione umanitaria, correlati al cd. rischio paese;

il motivo è inammissibile poichè ancora una volta eccentrico rispetto alla ratio della sentenza;

la corte d’appello ha difatti rigettato la domanda di protezione umanitaria in quanto generica, siccome correlata alla sola genericamente dedotta situazione politica nigeriana, senza indicazione di particolari condizioni soggettive di vulnerabilità; ha dunque deciso affermando esser stata carente l’allegazione posta al fondo della domanda;

nessuna confutazione circa la menzionata carenza di allegazione è stata prospettata nel ricorso.

PQM

La Corte dichiara inammissibile il ricorso.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello relativo al ricorso, se dovuto.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio, il 14 gennaio 2020.

Depositato in Cancelleria il 20 agosto 2020

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA