Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 17339 del 17/06/2021

Cassazione civile sez. VI, 17/06/2021, (ud. 21/04/2021, dep. 17/06/2021), n.17339

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE L

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PONTERIO Carla – Presidente –

Dott. CINQUE Guglielmo – rel. Consigliere –

Dott. MARCHESE Gabriella – Consigliere –

Dott. AMENDOLA Fabrizio – Consigliere –

Dott. LEO Giuseppina – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sul ricorso 29793-2020 proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE – RISCOSSIONE, (OMISSIS), in persona del legale

rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA

DEI PORTOGHESI 12, presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la

rappresenta e difende ope legis;

– ricorrente –

contro

R.N.;

– intimato –

avverso l’ordinanza n. 8907/2020 della CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE di

ROMA, depositata il 14/05/2020;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 21/04/2021 dal Consigliere Relatore Dott. GUGLIELMO

CINQUE.

 

Fatto

RILEVATO

che con istanza, presentata nell’interesse di R.N., è stata chiesta la correzione dell’errore materiale contenuto nell’ordinanza di questa Corte n. 8907/2020 del 6.11.2019 depositata il 14.5.2020, in riferimento al ricorso iscritto al RG n. 25446/2018, mediante inserimento, alla pag. 4, dopo “PQM”, della locuzione “dichiara inammissibile” tra le parole “La Corte” e “il ricorso” e mediante sostituzione, alla pag. 4, dopo “PQM”, della locuzione “INPS” con la locuzione ” R.N.”;

che il decreto di fissazione dell’udienza camerale e la proposta sono stati comunicati alle parti che nulla hanno opposto.

Diritto

CONSIDERATO

che la procedura richiesta è esperibile perchè si verte, quanto alla prima istanza, in una dimenticanza dell’estensore, che non evidenzia alcun contrasto con la motivazione (Cass. n. 15650/2016) ove è chiaramente specificato che il ricorso era inammissibile e, quanto alla seconda, in un evidente “lapsus calami” o meglio in un “refuso” di un precedente file atteso che l’INPS non era parte in causa e che, in virtù del principio della soccombenza, richiamato dal collegio giudicante di legittimità nella motivazione del provvedimento, le spese non potevano che essere disposte in favore di R.N.;

che, pertanto, in accoglimento del ricorso, si è proposto di eliminare il suddetto errore integrando e modificando il dispositivo nei sensi sopra indicati;

Visti gli artt. 391 bis e 380 bis c.p.c., come novellati dal D.L. 31 agosto 2016, n. 168, art. 1 bis, aggiunto dalla L. di conversione 25 ottobre 2016 n. 197.

Fissata per la correzione dell’errore materiale occorso l’adunanza camerale del 21 aprile 2021, nel corso della quale nessuno ha presentato osservazioni.

PQM

La Corte dispone la correzione dell’errore materiale occorso nella ordinanza n. 8907/2020 del 6.11.2019 depositata il 14.5.2020, in riferimento al ricorso iscritto al RG n. 25446/2018 mediante inserimento, alla pag. 4, dopo “PQM”, della locuzione “dichiara inammissibile” tra le parole “La Corte” e “il ricorso” e mediante sostituzione, alla pag. 4, dopo “PQM”, della locuzione “INPS” con la locuzione ” R.N.”.

Manda alla cancelleria per l’annotazione del presente provvedimento in calce all’originale della ordinanza.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 21 aprile 2021.

Depositato in Cancelleria il 17 giugno 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA