Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 17305 del 13/07/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. trib., 13/07/2017, (ud. 26/06/2017, dep.13/07/2017),  n. 17305

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DI IASI Camilla – Presidente –

Dott. DE MASI Oronzo – Consigliere –

Dott. ZOSO Liana Maria Teresa – Consigliere –

Dott. CARBONE Enrico – rel. Consigliere –

Dott. PICARDI Francesca – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 1909/2012 R.G. proposto da:

Comune di Albano Laziale, rappresentato e difeso dall’Avv. Michele

Proverbio, elettivamente domiciliato in Roma alla via Timavo n. 3

presso lo studio dell’Avv. Mauro Livi, per procura a margine del

ricorso;

– ricorrente –

contro

Dolciaria Tassi s.r.l.;

– intimata –

e nei confronti di:

Equitalia Gerit s.p.a.;

– intimata –

avverso la sentenza della Commissione tributaria regionale del Lazio

n. 630/1/10 depositata il 25 novembre 2010.

Udita la relazione svolta nella Camera di consiglio del 26 giugno

2017 dal Consigliere Dott. Enrico Carbone.

Lette le conclusioni del Pubblico Ministero, in persona del Sostituto

Procuratore Generale Dott. DEL CORE Sergio, che ha chiesto

accogliersi il ricorso.

Fatto

FATTO E DIRITTO

atteso che:

– Il Comune di Albano Laziale ricorre per cassazione avverso l’annullamento in appello della cartella di pagamento n. 09720060162458210 notificata a Dolciaria Tassi s.r.l. per la TARSU annualità 2005.

– Il ricorso denuncia violazione della L. n. 212 del 2000, art. 7, avendo il giudice d’appello annullato per omessa indicazione del responsabile di procedimento una cartella di pagamento emessa su ruolo consegnato anteriormente al 1 giugno 2008.

– Il ricorso è fondato: se riferita a ruoli consegnati agli agenti della riscossione in data anteriore al 1 giugno 2008, la cartella che ometta di indicare il responsabile del procedimento è ratione temporis salva dalla nullità D.L. n. 248 del 2007, ex art. 36, comma 4 ter, conv. L. n. 31 del 2008, mentre l’annullabilità è esclusa dalla disposizione generale della L. n. 241 del 1990, art. 21 octies, trattandosi di vizio formale di un provvedimento a contenuto vincolato, nè è prevista dalla disposizione specifica della L. n. 212 del 2000, art. 7, comma 2, lett. a, norma minus quam perfecta perchè sprovvista di sanzione (Cass. 21 marzo 2012, n. 4516, Rv. 622198; Cass. 15 febbraio 2013, n. 3754, Rv. 625778; Cass. 12 gennaio 2016, n. 332, Rv. 638705); pertanto, nella specie, ritenendo che la cartella omissiva, seppur non nulla ratione temporis, fosse tuttavia annullabile, il giudice d’appello ha errato in diritto.

– Il ricorso deve essere accolto e la sentenza cassata, con rinvio per nuovo esame e regolamento delle spese; non può aderirsi alla sollecitazione del Pubblico Ministero per una decisione nel merito ex art. 384 c.p.c., comma 2, in quanto il contenuto degli atti processuali non consente di escludere la sussistenza di questioni ulteriori a quella oggi definita.

PQM

 

Accoglie il ricorso, cassa la sentenza e rinvia alla Commissione tributaria regionale del Lazio in diversa composizione, anche per le spese del giudizio di legittimità.

Così deciso in Roma, nell’adunanza camerale, il 26 giugno 2017.

Depositato in Cancelleria il 13 luglio 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA