Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 17267 del 12/08/2011

Cassazione civile sez. lav., 12/08/2011, (ud. 24/06/2011, dep. 12/08/2011), n.17267

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ROSELLI Federico – Presidente –

Dott. COLETTI DE CESARE Gabriella – Consigliere –

Dott. MAISANO Giulio – rel. Consigliere –

Dott. CURZIO Pietro – Consigliere –

Dott. ARIENZO Rosa – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

M.C., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA A. BAIAMONTI

2, presso lo studio dell’avvocato BLASI PAOLO, che la rappresenta e

difende, giusta delega in atti;

– ricorrente –

contro

I.N.P.S. – ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE, in persona

del legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliato in

ROMA, VIA DELLA FREZZA 17, presso l’Avvocatura Centrale

dell’Istituto, rappresentato e difeso dagli avvocati RICCIO

ALESSANDRO, GIANNICO GIUSEPPINA, VALENTE NICOLA, giusta delega in

atti;

– controricorrente –

e contro

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE;

– intimato –

avverso la sentenza n. 8080/2006 della CORTE D’APPELLO di ROMA,

depositata il 01/02/2007, r.g.n. 11089/03;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

24/06/2011 dal Consigliere Dott. GIULIO MAISANO;

udito l’Avvocato PULLI CLEMENTINA per delega RICCIO ALESSANDRO;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

BASILE Tommaso, che ha concluso per l’inammissibilità o in subordine

rigetto.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con sentenza del 17 novembre 2006 la Corte d’Appello di Roma ha confermato la sentenza del Tribunale di Roma del 24 ottobre 2002 con la quale era stato riconosciuto il diritto di M.C. all’assegno di assistenza di cui alla L. n. 118 del 1971, art. 13 limitatamente al periodo dall’1 febbraio 1999 al 17 gennaio 2000. La Corte territoriale ha motivato tale sentenza considerando che, la circostanza per cui la M. aveva superato il 55 anno di età per il periodo decorrente dalla data della domanda e fino alla data di decorrenza del riconosciuto beneficio, e il 60 anno di età per il periodo successivo al 17 gennaio 2000, ed era quindi incollocabile al lavoro, non rileva ai fini dell’accertamento dello stato di disoccupazione, essendo questo uno stato di fatto da allegare e provare, cosa che la M. non aveva fatto nè nel giudizio di primo grado nè in quello di secondo grado.

Avverso questa sentenza propone ricorso per cassazione al M. articolato in un unico motivo.

Resiste con controricorso L’I.N.P.S. Il collegio ha deliberato la motivazione semplificata.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Con unico motivo la M. lamenta omessa pronuncia e contraddittoria motivazione su un fatto controverso e decisivo per il giudizio in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5 e, in particolare, la mancata ed esatta valutazione della posizione di nullatenente della ricorrente ai fini della presunzione di incollocazione. La ricorrente deduce che già il giudice di primo grado aveva accertato, con documentazione ritenuta idonea, lo stato di nullatenente che presume anche lo stato di incollocazione.

Il motivo è infondato. La sentenza impugnata ha rigettato la domanda della ricorrente sulla base della mancata prova dello stato di disoccupazione che la stessa M. assume desumibile dalla sua situazione reddituale. Tale situazione costituisce circostanza di fatto riservata all’accertamento del giudice del merito. La stessa ricorrente ricorda il potere del giudice di accertare l’ammontare del reddito dell’assicurato, ma la questione è evidentemente compresa nella valutazione discrezionale del medesimo giudice di merito che ha ritenuto di non procedere a tale accertamento al quale, peraltro, non è stato neanche sollecitato dalla M. che evidentemente non può lamentarsene in sede di giudizio di legittimità.

Al rigetto del ricorso consegue la condanna della ricorrente al pagamento delle spese di giudizio liquidate in dispositivo.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso; condanna la ricorrente al pagamento delle spese del presente giudizio liquidate in complessive Euro 30,00 per esborsi ed in Euro 2.000,00 per onorari, oltre IVA e CPA. Così deciso in Roma, il 24 giugno 2011.

Depositato in Cancelleria il 12 agosto 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA