Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 17216 del 22/07/2010

Cassazione civile sez. III, 22/07/2010, (ud. 12/07/2010, dep. 22/07/2010), n.17216

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. VARRONE Michele – Presidente –

Dott. URBAN Giancarlo – rel. Consigliere –

Dott. CHIARINI Maria Margherita – Consigliere –

Dott. SPIRITO Angelo – Consigliere –

Dott. AMENDOLA Adelaide – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

C.C. (c.f. (OMISSIS)), elettivamente

domiciliato in Roma, Via G. Bettolo n. 4, presso lo studio dell’avv.

Brochiero Magrone Fabrizio che lo rappresenta e difende unitamente

all’avv. Ronci Fabio, giusta delega in atti;

– ricorrente –

contro

TENUTA IL FONDO s.r.l., C.F. (OMISSIS) in persona del legale

rappresentante, elettivamente domiciliato in Roma, Via P. Borsieri n.

20, presso lo studio dell’avv. Piselli Mario, rappresentato e difeso

dall’avv. Boldrini Giovanni giusta delega in atti;

– controricorrente –

avverso la sentenza della Corte d’Appello di Bologna n. 1039/05

decisa in data 19 aprile 2005 e depositata in data 27 settembre 2005;

Udita la relazione del Consigliere dott. Giancarlo Urban;

udito l’avv. Fabio Ronci;

udito il P.M. in persona del Cons. DESTRO Carlo che ha concluso per

l’accoglimento del ricorso.

 

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con atto di citazione notificato in data 6 maggio 1997 C. C. conveniva avanti al Pretore di Rimini la societa’ “Tenuta il Fondo” s.r.l, perche’ fosse condannata a risarcirgli i danni subiti nella misura di L. 5.399.800 a seguito di una caduta da cavallo in data (OMISSIS) nel corso di una lezione di equitazione presso il circolo ippico Il Fondo a (OMISSIS), a cui l’attore era iscritto. Esponeva l’attore che, durante tale lezione, effettuata sotto la sorveglianza e la direzione di una istruttrice, il cavallo assegnato si era imbizzarrito improvvisamente, senza che fosse intervenuto alcun fattore estrinseco e, scalciando, con le zampe posteriori, abbassando bruscamente il collo, lo aveva fatto cadere a terra, cagionandogli lesioni personali.

Si costituiva la convenuta contestando la fondatezza della pretesa attrice di cui chiedeva il rigetto per mancanza di qualsiasi colpa.

Con sentenza in data 24 maggio 2000 il Tribunale di Rimini, in funzione di giudice unico, rigettava la domanda proposta dal C. e dichiarava, interamente compensate, tra le parti, le spese di lite.

Con sentenza pubblicata in data 27 settembre 2005 la Corte d’Appello di Bologna, rigettava l’appello e confermava la sentenza impugnata, condannando l’appellante alle spese.

Propone ricorso per cassazione C.C. con tre motivi.

Resiste con controricorso la “Tenuta il Fondo” s.r.l..

Il ricorrente ha depositato memoria ai sensi dell’art. 378 c.p.c.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Con il primo motivo si denuncia la nullita” della sentenza impugnata per violazione e la falsa applicazione degli artt. 112 e 113 c.p.c. in relazione all’art. 2050 c.c., non avendo la Corte d’Appello rilevato l’assenza della prova liberatoria che gravava sul gestore del maneggio.

Con il secondo motivo si denuncia la violazione e la falsa applicazione dell’art. 112 c.p.c. degli artt. 2050, 2052 c.c. in relazione alla valutazione dell’onere della prova.

Con il terzo motivo si denuncia la violazione e la falsa applicazione dell’art. 2050 c.c. nonche’ la nullita’ della sentenza e il vizio di motivazione su un punto decisivo della controversia in relazione alla mancata pronunzia di condanna del gestore del maneggio presso il quale avvenne il fatto.

Tutti e tre i motivi vanno trattati congiuntamente, in quanto tra loro connessi.

Osserva la Corte che tanto in primo che in secondo grado, l’attivita’ svolta presso il maneggio era da qualificare come “pericolosa” ai sensi dell’art. 2050 c.c., conformememte a quanto ritenuto dalla giurisprudenza di legittimita’, che ha precisato che tale disciplina e’ da applicare quando si verta in tema di danni conseguenti a esercitazioni di un principiante o di allievi giovanissimi (il C., all’epoca ventiseienne, era un principiante, frequentava il maneggio da circa due mesi e aveva preso una decina di lezioni) quindi non in grado di governare le imprevedibili reazioni dell’animale (in tal senso: Cass. 19 giugno 2008 n. 16637; Cass. 9 marzo 2010 n. 5664). Sul punto, la valutazione dei giudici del merito appare adeguata e corretta e si sottrae ad ogni censura sul piano del presente giudizio di legittimita’.

E’ quindi applicabile la presunzione prevista dalla norma di cui all’art. 2050 c.c., che prevede l’obbligo per il gestore della attivita’ pericolosa di risarcire il danno a meno che non provi di aver adottato tutte le misure idonee a evitare il danno. La valutazione della Corte territoriale, secondo la quale “esiste un margine di rischio, ineliminabile, che chi frequenta un maneggio, accetta preventivamente”, non puo’ trovare spazio nella disciplina in esame, dovendosi unicamente verificare se il titolare della atttivita’ pericolosa abbia in concreto fornito la prova liberatoria prevista dall’ultima parte dell’art. 2050 c.c..

La sentenza impugnata deve essere quindi cassata sul punto, perche’ il giudice del rinvio effettui la verifica di cui sopra.

Le spese del presente giudizio di cassazione saranno liquidate dal giudice del rinvio.

P.Q.M.

La Corte Suprema di Cassazione, Terza Sezione Civile, accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e rinvia, anche per la liquidazione delle spese del giudizio di cassazione, alla Corte d’Appello di Bologna in diversa composizione.

Cosi’ deciso in Roma, il 12 luglio 2010.

Depositato in Cancelleria il 22 luglio 2010

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA