Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 17202 del 11/08/2011

Cassazione civile sez. I, 11/08/2011, (ud. 04/07/2011, dep. 11/08/2011), n.17202

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PROTO Vincenzo – Presidente –

Dott. RORDORF Renato – Consigliere –

Dott. DI PALMA Salvatore – rel. Consigliere –

Dott. BERNABAI Renato – Consigliere –

Dott. DOGLIOTTI Massimo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 1379/2008 proposto da:

EQUITALIA ESATRI S.P.A. (p.i. (OMISSIS)), in persona del legale

rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA

TRONTO 32, presso l’avvocato MUNDULA GIULIO, rappresentata e difesa

dall’avvocato RENZELLA Roberto, giusta procura a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

FALLIMENTO TORNADO GEST S.R.L. (C.F. (OMISSIS)), in persona dei

Curatori Dott.ssa P.E., Dott. O.M. e rag.

G.E., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA CONDOTTI

91, presso l’avvocato PAPPALARDO Marisa, che lo rappresenta e difende

unitamente all’avvocato MOLINARI FRANCESCO, giusta procura a margine

del controricorso;

– controricorrente –

avverso il decreto del TRIBUNALE di MONZA, depositato il 05/12/2007;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

04/07/2011 dal Consigliere Dott. SALVATORE DI PALMA;

udito, per la ricorrente, l’Avvocato MUNDULA, per delega, che ha

chiesto l’accoglimento del ricorso;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

LETTIERI Nicola, che ha concluso per l’accoglimento del ricorso.

Fatto

RITENUTO IN FATTO

che la s.p.a. Equitalia Esatri, con ricorso al Tribunale di Monza del 2 aprile 2007, chiese di essere ammessa al passivo del Fallimento della s.r.l. Tornado Gest per la complessiva somma di Euro 350.975, 80, di cui Euro 168.095,93 in via privilegiata – trattandosi di crediti iscritti a ruolo dal Comune di Muggiò per I.C.I. relativa a periodi d’imposta anteriori alla data della dichiarazione di fallimento -, ed Euro 182.889,87 in via chirografaria, trattandosi di tributi vari ed accessori;

che su tale domanda il Giudice delegato così provvide: “Provato da estratti di ruolo si ammette, in via chirografaria per Euro 350.975,80, in quanto il credito I.C.I. non gode del privilegio ex art. 2752 c.c., u.c., perchè la norma si riferisce alle sole imposte contemplate nel testo unico per la finanza locale e non a quelle successivamente introdotte senza espressa menzione del privilegio”;

che avverso tale provvedimento la s.p.a. Equitalia Esatri propose opposizione allo stesso Tribunale, sostenendo la natura privilegiata del credito per I.C.I.;

che il Tribunale di Monza – in contraddittorio con il Fallimento della s.r.l. Tornado Gest, che sosteneva, invece, la natura chirografaria del credito fatto valere -, con decreto del 5 dicembre 2007, respinse l’opposizione;

che avverso tale decreto la s.p.a. Equitalia Esatri ha proposto ricorso per cassazione, deducendo un unico motivo di censura, illustrato con memoria;

che resiste, con controricorso, il Fallimento della s.r.l. Tornado Gest;

che il Procuratore generale ha concluso per l’accoglimento del ricorso;

che, all’esito dell’odierna camera di consiglio, il Collegio ha deliberato che la presente sentenza sia redatta con motivazione semplificata.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

che, con l’unico motivo (con cui deduce: “Violazione e falsa applicazione di norme di diritto con riferimento all’art. 2752 cod. civ.”), la ricorrente critica il decreto impugnato, sostenendo la tesi della natura privilegiata del credito per l’imposta comunale sugli immobili;

che il ricorso merita accoglimento;

che le sezioni unite di questa Corte, con la sentenza n. 11930 del 17 maggio 2010, hanno affermato che il privilegio generale sui mobili, istituito dall’art. 2752 cod. civ., comma 3, a favore dei crediti per le imposte, le tasse ed i tributi dei Comuni previsti dalla legge per la finanza locale, deve essere riconosciuto anche per i crediti relativi all’imposta comunale sugli immobili (I.C.I.), anche se non compresa, tra i tributi contemplati dal R.D. 14 settembre 1931, n. 1175, perchè introdotta successivamente con il D.Lgs. 30 dicembre 1992, n. 504, in quanto le norme del codice civile che stabiliscono i privilegi possono essere oggetto di interpretazione estensiva diretta ad individuarne il reale significato e la portata effettiva in modo da delimitare il loro esatto ambito di operatività, anche oltre il limite apparentemente segnato dalla formulazione testuale, tenendo in considerazione l’intenzione del legislatore e la causa del credito che, ai sensi dell’art. 2745 cod. civ., rappresenta la ragione giustificatrice di qualsiasi privilegio;

in particolare, le sezioni unite hanno enunciato il seguente principio di diritto: “Le norme del codice civile che stabiliscono i privilegi in favore di determinati crediti possono essere oggetto di interpretazione estensiva, la quale costituisce il risultato di un’operazione logica diretta ad individuare il reale significato e la portata effettiva della norma, che permette di determinare il suo esatto ambito di operatività, anche oltre il limite apparentemente segnato dalla sua formulazione testuale; e di identificare l’effettivo valore semantico della disposizione, tenendo conto dell’intenzione del legislatore, e soprattutto dalla causa del credito che, ai sensi dell’art. 2745 c.c., rappresenta la ragione giustificatrice di qualsiasi privilegio. Con la conseguenza che il privilegio generale sui mobili istituito dall’art. 2752 c.c., sui crediti per le imposte, tasse e tributi dei comuni previsti dalla legge per la finanza locale, deve essere riconosciuto anche per i crediti dei comuni relativi all’imposta comunale sugli immobili (I.C.I.) introdotta dal D.Lgs. n. 504 del 1992, pur se successiva e quindi non compresa tra i tributi contemplati dal R.D. n. 1175 del 1931”;

che il Collegio condivide tale principio e le argomentazioni che ne costituiscono il fondamento;

che, pertanto, il decreto impugnato deve essere annullato;

che, non essendo necessari ulteriori accertamenti di fatto, la causa può essere decisa nel merito, ai sensi dell’art. 384 cod. proc. civ., comma 2;

che, nella specie, la domanda della s.p.a. Equitalia Esatri, proposta con ricorso al Tribunale di Monza del 2 aprile 2007, nella parte in cui è volta ad ottenere l’ammissione al passivo del Fallimento della s.r.l. Tornado Gest per la somma di Euro 168.095,93 in via privilegiata, deve essere accolta;

che le spese del precedente e del presente grado di giudizio possono essere compensate per intero tra le parti, in ragione del carattere controverso dell’unica questione dibattuta, che ha richiesto l’intervento delle Sezioni Unite di questa Corte.

P.Q.M.

Accoglie il ricorso, cassa il decreto impugnato e, decidendo la causa nel merito, accoglie la domanda proposta dalla s.p.a. Equitalia Esatri, con ricorso al Tribunale di Monza del 2 aprile 2007, ammettendola in privilegio al passivo del Fallimento della s.r.l.

Tornado Gest per la somma di Euro 168.095,93. Compensa le spese dell’intero giudizio.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Prima Civile, il 4 luglio 2011.

Depositato in Cancelleria il 11 agosto 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA