Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 17181 del 16/06/2021

Cassazione civile sez. I, 16/06/2021, (ud. 08/10/2020, dep. 16/06/2021), n.17181

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SAN GIORGIO Maria Rosaria – Presidente –

Dott. MELONI Marina – Consigliere –

Dott. IOFRIDA Giulia – Consigliere –

Dott. SUCCIO Roberto – rel. Consigliere –

Dott. AMATORE Roberto – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 17641/2019 R.G. proposto da:

M.A., rappresentato e difeso giusta delega in atti

dall’avv. Marco Grispo, (PEC pmarcogrispo.ordineavvocatiroma.org);

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELL’INTERNO, in persona del Ministro pro tempore,

rappresentato e difeso dall’Avvocatura Generale dello Stato con

domicilio eletto in Roma, via Dei Portoghesi, n. 12, presso

l’Avvocatura Generale dello Stato;

– controricorrente –

Avverso la sentenza della Corte d’ Appello di Milano n. 5557/2018

depositata il 11/12/2018 e non notificata;

Udita la relazione della causa svolta nell’adunanza camerale del

08/10/2020 dal Consigliere Dott. Roberto Succio.

 

Fatto

RILEVATO

che:

– con la sentenza di cui sopra la Corte d’appello ha respinto l’appello del ricorrente confermando la pronuncia di prime cure;

– avverso la sentenza di seconde cure si propone ricorso per Cassazione R.M. con atto affidato a un unico articolato motivo; il Ministero dell’Interno resiste con controricorso.

Diritto

CONSIDERATO

che:

– l’unico motivo di ricorso censura la sentenza impugnata per violazione o falsa applicazione di norme di diritto ex art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3, D.Lgs. n. 25 del 2008, art. 32 e D.Lgs. n. 286 del 1998, art. 5, comma 6, oltre che per omesso esame di fatti decisivi per il giudizio ex art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5 per avere la Corte meneghina omesso ogni accertamento sulla sussistenza delle diverse condizioni poste a base della protezione c.d. “umanitaria”, in particolare la situazione socioeconomica e di sicurezza del (OMISSIS); omesso di rilevare ed esaminare la situazione della Libia, paese attraverso il quale il richiedente è transitato; non valutato adeguatamente il grado di inserimento nel contesto socio-lavorativo in Italia, nè la condizione di estrema povertà nella quale il ricorrente ricadrebbe in patria;

– il motivo, nelle sue complessive e prismatiche articolazioni, è inammissibile, come correttamente eccepito in controricorso;

– esso infatti è costruito come un intreccio di plurime censure, distese in ben 17 pagine e articolate in un solo motivo, la cui lettura ha l’effetto di sollecitare in concreto questa Corte a un riesame della vicenda nel merito, attività preclusa in questa sede di Legittimità;

– pertanto, il ricorso è inammissibile;

– le spese seguono la soccombenza.

PQM

Dichiara inammissibile il ricorso; liquida le spese in Euro 2.100 oltre spese prenotate a debito che pone a carico di parte soccombente.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis se dovuto.

Così deciso in Roma, il 8 ottobre 2020.

Depositato in Cancelleria il 16 giugno 2021

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA