Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 17170 del 16/06/2021

Cassazione civile sez. I, 16/06/2021, (ud. 08/10/2020, dep. 16/06/2021), n.17170

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SAN GIORGIO Maria Rosaria – Presidente –

Dott. MELONI Marina – Consigliere –

Dott. IOFRIDA Giulia – Consigliere –

Dott. SUCCIO Roberto – rel. Consigliere –

Dott. AMATORE Roberto – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 9967/2019 R.G. proposto da:

R.A.A., rappresentato e difeso giusta delega in atti

dall’avv. Massimo Goti (PEC massimogoti.pec.avvocati.prato.it);

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELL’INTERNO; in persona del Ministro pro tempore,

rappresentato e difeso dall’Avvocatura Generale dello Stato con

domicilio eletto in Roma, via Dei Portoghesi, n. 12, presso

l’Avvocatura Generale dello Stato;

– resistente –

Avverso la sentenza della Corte d’Appello di Milano n. 3820/2018

depositata il 14/08/2018, non notificata;

Udita la relazione della causa svolta nell’adunanza camerale del

08/10/2020 dal Consigliere Dott. Roberto Succio.

 

Fatto

RILEVATO

che:

– con la sentenza di cui sopra la Corte d’appello ha respinto l’appello del ricorrente, confermando la pronuncia di prime cure;

– avverso la sentenza di seconde cure propone ricorso per Cassazione il richiedente con atto affidato a un solo motivo; il Ministero dell’Interno (Ndr: testo originale non comprensibile).

Diritto

CONSIDERATO

che:

– il solo motivo di impugnazione si incentra sulla violazione e falsa applicazione del D.Lgs. n. 25 del 2008, art. 8 del D.Lgs. n. 251 del 2007, artt. 3 e 14 e omesso esame di un fatto decisivo per il giudizio in relazione alla mancata valutazione della situazione esistente in (OMISSIS) (rectius: Ba.) e dell’omessa attività istruttoria in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5 e della mancata concessione del permesso di soggiorno per motivi di protezione umanitaria, in sintesi per avere la Corte di merito ritenuto erroneamente necessario che la situazione di “conflitto armato” rilevante ai fini della decisione debba essere caratterizzata da “elevata intensità”, elemento caratterizzante non previsto dalle disposizioni surrichiamate per la concessione della protezione sussidiaria invocata;

– il motivo è infondato;

– infatti, secondo la costante giurisprudenza di questa Corte (Cass. Sez. 6 – 1, Ordinanza n. 17069 del 28/06/2018) quando il cittadino straniero che richieda il riconoscimento della protezione internazionale, abbia adempiuto all’onere di allegare i fatti costitutivi del suo diritto, sorge il potere-dovere del giudice di accertare anche d’ufficio se, ed in quali limiti, nel Paese straniero di origine dell’istante si registrino fenomeni di violenza indiscriminata, in situazioni di conflitto armato interno o internazionale, che espongano i civili a minaccia grave e individuale alla vita o alla persona, ai sensi del D.Lgs. n. 251 del 2017, art. 14, lett. c);

– la Corte di merito, in concreto, si è mossa lungo questa direttrice logico-giuridica, osservando come la situazione del Ba. non sia in questi termini in forza delle informazioni desumibili da idonee fonti (Rapporto 2016-2017 di Amnesty international e Report di Human Right Watch del 2017, citati in motivazione a pag. 5, primo capoverso); il riferimento, enfatizzato dal ricorrente, al concetto di “conflitto armato interno ad alta intensità” è invero fuorviante in quanto dalla lettura complessiva della pronuncia si comprende come i termini “ad alta intensità” non siano presenti nè nella direttiva 2004/83, nè nelle disposizioni di diritto interno e siano frutto quindi di un mero obiter dictum;

– pertanto, il ricorso è rigettato.

P.Q.M.

rigetta il ricorso. Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater dà atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento da parte del ricorrente dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis ove dovuto.

Così deciso in Roma, il 8 ottobre 2020.

Depositato in Cancelleria il 16 giugno 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA