Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 17157 del 21/07/2010

Cassazione civile sez. I, 21/07/2010, (ud. 24/06/2009, dep. 21/07/2010), n.17157

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ADAMO Mario – Presidente –

Dott. SALME’ Giuseppe – Consigliere –

Dott. RAGONESI Vittorio – Consigliere –

Dott. SCHIRO’ Stefano – est. Consigliere –

Dott. FITTIPALDI Onofrio – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso proposto da:

E.S., elettivamente domiciliato in Roma, via Confalonieri

1, presso l’avv. Antonio Troiani, rappresentato e difeso dall’avv.

Barbieri Patrizia, per procura in atti;

– ricorrente –

contro

PREFETTURA-UFFICIO TERRITORIALE DEL GOVERNO DI PIACENZA, in persona

del Prefetto pro tempore, domiciliato in Roma, via dei Portoghesi 12,

presso l’Avvocatura generale dello Stato, che la rappresenta e

difende per legge;

– controricorrente –

avverso il decreto del Giudice di Pace di Piacenza in data 27

febbraio 2008 nel procedimento iscritto al n. 142/2007 vol.;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

24 giugno 2009 dal relatore, Cons. Dott. Onofrio Fittipaldi;

alla presenza del Pubblico Ministero, in persona del Sostituto

Procuratore Generale, Dott. Russo Rosario G., che nulla ha osservato.

LA CORTE:

 

Fatto

RITENUTO

che è stata depositata in cancelleria relazione ai sensi dell’art. 380 bis c.p.c., comunicata al Pubblico Ministero e notificata ai difensori delle parti;

con decreto depositato il 27 febbraio 2008 il Giudice di pace di Piacenza ha rigettato il ricorso proposto da E.S. avverso il decreto di espulsione emesso a suo carico dal Prefetto di Piacenza il 17 ottobre 2007; avverso tale decreto l’ E. ha proposto, con atto notificato il 19 giugno 2008, ricorso per cassazione sulla base di due motivi, a cui ha resistito con controricorso la Prefettura intimata, la quale ha eccepito la inammissibilità del ricorso, tardivamente notificato, avendo il ricorrente già notificato in data 2 aprile 1008 altro ricorso, poi oggetto di rinuncia, avverso il medesimo provvedimento di espulsione;

con memoria depositata il 23 giugno 2009 il ricorrente ha dedotto che la Questura di Piacenza gli ha rilasciato il permesso di soggiorno, revocando il decreto di espulsione già impugnato, e che di conseguenza è cessata la materia del contendere;

il ricorso è inammissibile, in quanto tardivamente notificato;

risulta infatti dalla documentazione in atti che l’ E. ha già proposto contro il decreto di espulsione qui impugnato altro ricorso per cassazione notificato il 2 aprile 2008 e successivamente fatto oggetto di rinuncia e che il presente ricorso è stato notificato il 19 giugno 2008, decorso il termine di sessanta giorni dalla precedente notifica;

osserva al riguardo il collegio che, nel caso in cui una sentenza sia stata impugnata con due successivi ricorsi per cassazione, è ammissibile la proposizione del secondo in sostituzione del primo, purchè l’improcedibilità o l’inammissibilità di quest’ultimo non sia stata ancora dichiarata, restando escluso che la mera notificazione del primo ricorso comporti, “ex se”, la consumazione del potere d’impugnazione; tuttavia, in relazione alla tempestività della seconda impugnazione occorre aver riguardo – in difetto di anteriore notificazione della sentenza – non solo al termine di un anno del deposito della sentenza di cui all’art. 327 cod. proc. civ., ma anche a quello breve, ex art. 325 cod. proc. civ., che decorre dalla data della notifica della prima impugnazione, la quale integra la conoscenza legale della sentenza da parte dell’impugnante (Cass. 2009/5053);

attesi l’inammissibilità del ricorso e il conseguente passaggio in giudicato del decreto impugnato, resta assorbita ogni questione sulla cessazione della materia del contendere dedotta dal ricorrente e rimasta comunque sfornita di riscontro probatorio;

il ricorso va pertanto dichiarato inammissibile e le spese processuali, da liquidarsi come in dispositivo, seguono la soccombenza.

P.Q.M.

La Corte dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali, che si liquidano in Euro 800,00, oltre alle spese prenotate a debito.

Così deciso in Roma, il 24 giugno 2009.

Depositato in Cancelleria il 21 luglio 2010

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA