Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 17141 del 17/08/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile sez. I, 17/08/2016, (ud. 28/06/2016, dep. 17/08/2016), n.17141

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. NAPPI Aniello – Presidente –

Dott. DI VIRGILIO Rosa Maria – Consigliere –

Dott. CRISTIANO Magda – Consigliere –

Dott. FERRO Massimo – Consigliere –

Dott. TERRUSI Francesco – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 3028-2011 proposto da:

C.A., (c.f. (OMISSIS)), elettivamente domiciliato in ROMA,

VIA FEDERICO CESI 21, presso l’avvocato PATRIZIA PARENTI, che lo

rappresenta e difende, giusta procura a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

BANCA REGIONALE EUROPEA S.P.A., (C.F. (OMISSIS)), in persona del

legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in

ROMA, VIA OMBRONE 14, presso l’avvocato GIUSEPPE FILIPPO MARIA LA

SCALA, che la rappresenta e difende, giusta procura in calce al

controricorso;

– controricorrente –

contro

FALLIMENTO AURELIA IMMOBILIARE S.R.L. N. (OMISSIS);

– intimato –

avverso il decreto del TRIBUNALE di MONZA, depositato il 23/12/2010;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

28/06/2016 dal Consigliere Dott. FRANCESCO TERRUSI;

udito, per il ricorrente, l’Avvocato P. PARENTI che si riporta;

udito, per la controricorrente, l’Avvocato G. CAPUTI, con delega, che

ha chiesto il rigetto del ricorso;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

SORRENTINO Federico, che ha concluso per l’improcedibilità in

subordine rigetto del ricorso.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

C.A., ammesso al passivo del fallimento di Aurelia Immobiliare s.r.l. per un credito discendente dal’inadempimento di un contratto preliminare di compravendita regolarmente trascritto, con riconoscimento del privilegio di cui all’art. 2775-bis c.c., proponeva reclamo avverso il progetto di ripartizione depositato il 7-10-2010, nel quale egli era stato postergato alla Banca regionale europea s.p.a., titolare di prelazione ipotecaria di primo grado.

Per quanto in effetti dovesse condividersi la doglianza dell’avv. C. in ordine alla violazione del contraddittorio, essendo stato il piano di ripartizione modificato su originario reclamo della Banca, senza che egli fosse stato interpellato, il tribunale di Monza riteneva di doversi conformare all’insegnamento adottato sul tema dalle sezioni unite di questa corte con sentenza n. 21045-09.

L’avv. C. ricorre per cassazione articolando un solo motivo al quale la Banca regionale europea s.p.a. replica con controricorso.

Non svolge difese il fallimento.

Le parti costituite hanno depositato una memoria.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Con unico motivo il ricorrente, deducendo violazione e falsa applicazione degli artt. 12 att. c.c., art. 2775-bis c.c. e art. 2748 c.c., comma 2, censura la decisione per aver erroneamente ritenuto che il privilegio ipotecario vantato dalla Banca dovesse prevalere sul privilegio speciale vantato da esso medesimo in relazione al credito derivante dal contratto preliminare trascritto.

Il ricorso è inammissibile ai sensi dell’art. 360-bis c.p.c., n. 1, avendo il tribunale conformato la decisione alla giurisprudenza di questa corte che l’esame del motivo non induce a mutare.

Le sezioni unite – nella sopra citata sentenza n. 2104509 – hanno affermato il principio per cui il privilegio speciale sul bene immobile, che assiste (ai sensi dell’art. 2775-bis c.c.) i crediti del promissario acquirente conseguenti alla mancata esecuzione del contratto preliminare trascritto ai sensi dell’art. 2645-bis cod. civ., siccome subordinato a una particolare forma di pubblicità costitutiva (come previsto dall’ultima parte dell’art. 2745 c.c.), resta sottratto alla regola generale di prevalenza del privilegio sull’ipoteca, sancita, se non diversamente disposto, dall’art. 2748 c.c., comma 2 e soggiace agli ordinari principi in tema di pubblicità degli atti.

Contro tale specifica ratio si infrangono tutti i rilievi del ricorrente.

Ne consegue che, nel caso in cui il curatore del fallimento della società costruttrice dell’immobile scelga lo scioglimento del contratto preliminare (ai sensi della L. Fall., art. 72), il conseguente credito del promissario acquirente, benchè assistito da privilegio speciale, deve essere collocato con grado inferiore, in sede di riparto, rispetto a quello dell’istituto di credito che, precedentemente alla trascrizione del contratto preliminare, abbia iscritto sull’immobile stesso ipoteca a garanzia del finanziamento concesso alla società costruttrice.

L’orientamento invero si è consolidato in base alla giurisprudenza successiva di questa sezione (v. Sez. 1^ n. 4195-12; n. 17270-14) e a esso va data ulteriore continuità.

Spese alla soccombenza.

PQM

La Corte dichiara il ricorso inammissibile e condanna il ricorrente alle spese processuali, che liquida, in favore della Banca, in Euro 7.200,00, di cui Euro 200,00 per esborsi, oltre accessori e rimborso forfetario di spese generali nella percentuale di legge.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della sezione prima civile, il 28 giugno 2016.

Depositato in Cancelleria il 17 agosto 2016

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA