Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 17124 del 11/07/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 11/07/2017, (ud. 17/05/2017, dep.11/07/2017),  n. 17124

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CIRILLO Ettore – Presidente –

Dott. MANZON Enrico – Consigliere –

Dott. NAPOLITANO Lucio – Consigliere –

Dott. VELLA Paola – Consigliere –

Dott. SOLAINI Luca – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 18704-2016 proposto da:

P.P.L., P.P.M.D., quali eredi

della madre L.M.C., elettivamente domiciliati in

ROMA, CORSO TRIESTE 155, presso lo studio dell’avvocato GIUSEPPE

PECORILLA, rappresentati e difesi dall’avvocato ARMANDO MANCUSO;

– ricorrenti –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE, C.F. (OMISSIS), in persona del Direttore pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12,

presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la rappresenta e

difende ope legis;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 1763/22/2015 della COMMISSIONE TRIBUTARIA

REGIONALE DI BARI – SEZIONE DISTACCATA di LECCE, depositata il

30/07/2015;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 17/05/2017 dal Consigliere Dott. SOLAINI LUCA.

Fatto

FATTO E DIRITTO

Con ricorso in Cassazione affidato un unico motivo, nei cui confronti l’Agenzia delle Entrate ha resistito con controricorso, la parte contribuente impugnava la sentenza della CTR della Puglia, relativa a un avviso di rettifica e liquidazione, riferito al valore dichiarato in un atto di compravendita di un terreno con sovrastante fabbricato, denunciando la violazione dell’art. 132 c.p.c., comma 2, n. 4 e dell’art. 118 disp. att. c.p.c., in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 4, in quanto, i giudici d’appello, con motivazione mancante o “apparente” avrebbero confermato la decisione di primo grado, sulla corretta motivazione dell’atto impositivo, e sulla fondatezza della pretesa tributaria dell’ufficio, senza dare conto, nell’iter logico, dell’infondatezza dei motivi d’impugnazione, proposti dai contribuenti e rimasti disattesi.

Il Collegio ha deliberato di adottare la presente ordinanza in forma semplificata.

La censura è fondata.

Infatti, secondo il vigente orientamento di questa Corte, è consentito il sindacato di legittimità sulla motivazione allorchè trasmodi nella violazione dei canoni legislativi che la regolano (e che sono stati denunciati nella rubrica) e che la pongono al di sotto del “minimo costituzionale”, in modo che l’anomalia costituzionale si tramuta in violazione di legge, costituzionalmente rilevante, in quanto attinente all’esistenza della motivazione in sè, allorquando il vizio risulti dal testo della sentenza impugnata a prescindere dal confronto con le risultanze processuali: tale anomalia, non si esaurisce nella mancanza assoluta di motivi sotto l’aspetto materiale e grafico, ma anche nella motivazione apparente, perplessa ed obiettivamente incomprensibile, con esclusione di rilevanza del semplice difetto di sufficienza di motivazione (Cass. sez. un. n. 8053/14, 26127/16). Nel caso di specie, si assiste ad un’apodittica conferma della sentenza di primo grado, rispetto alla censura sollevata dall’appellante, sulla congruità ed adeguatezza del percorso motivazionale dei primi giudici, avuto riguardo ai criteri di stima degli immobili compravenduti e al loro valore finale, come rettificato dall’ufficio, che i giudici d’appello non hanno esaminato neppure alla luce delle censure della parte contribuente, che ha evidenziato, in riferimento al terreno, la sua destinazione ad attrezzature e servizi d’interesse generale (a suo dire di scarso interesse), ed in riferimento al fabbricato, ha sottolineato il costo di ripristino (che, sempre ad avviso della parte contribuente, ne avrebbe abbattuto il valore).

In riferimento alla fondatezza della pretesa, invece, i giudici d’appello hanno ripreso quanto indicato nella stima dell’ufficio e, quindi, nell’atto impositivo, senza prendere in considerazione non solo la perizia di parte, me neppure la ctu disposta in primo grado, alla quale i giudici della CTP si erano uniformati, disattendendo la stessa stima dell’UTE.

La sentenza va, pertanto, cassata e rinviata nuovamente alla Commissione tributaria regionale della Puglia, sezione di Lecce, affinchè, alla luce dei principi sopra esposti, riesamini il merito della controversia.

PQM

 

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE accoglie il ricorso.

Cassa la sentenza impugnata e rinvia, anche per le spese del presente giudizio di legittimità, alla Commissione tributaria regionale della Puglia, sezione di Lecce, in diversa composizione.

Motivazione Semplificata.

Così deciso in Roma, nella Camera di Consiglio, il 17 maggio 2017.

Depositato in Cancelleria il 11 luglio 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA