Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 17112 del 09/08/2011

Cassazione civile sez. VI, 09/08/2011, (ud. 10/06/2011, dep. 09/08/2011), n.17112

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 2

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PICCIALLI Luigi – Presidente –

Dott. BURSESE Gaetano Antonio – Consigliere –

Dott. MIGLIUCCI Emilio – rel. Consigliere –

Dott. PARZIALE Ippolisto – Consigliere –

Dott. SCALISI Antonino – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso 4376/2010 proposto da:

P.P. (OMISSIS), elettivamente domiciliato

in ROMA, VIA ANTONIO CANTORE 5, presso lo – studio dell’avvocato

PONTECORVO MICHELE, rappresentato e difeso dall’avvocato LORENZI

Alberto giusta procura a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

P.F. (OMISSIS), M.A.

(OMISSIS), elettivamente domiciliate in ROMA, PIAZZA DEI

PRATI DEGLI STROZZI 21, presso lo Studio dell’avvocato SCARNATI

Alessandra, che le rappresenta e difende giusta procura speciale a

margine del controricorso;

– controricorrenti –

e contro

P.N. (OMISSIS), elettivamente domiciliato in

ROMA, VIALE DELLE MILIZIE 114, presso lo studio dell’avvocato PARENTI

LUIGI, rappresentato e difeso dagli avvocati ORIANA DI SIPIO, FALACE

GIUSEPPE giusta procura a margine del controricorso;

– controricorrente –

e contro

D.N., elettivamente domiciliata in ROMA, VIALE DELLE

MILIZIE 114, presso lo studio dell’avvocato PARENTI LUIGI,

rappresentata e difesa dagli avvocati ORIANA DI SIPIO, FALACE

GIUSEPPE giusta procura a margine del controricorso;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 325/2009 della CORTE D’APPELLO di L’AQUILA del

31/03/09, depositata il 26/10/2009;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

10/06/2011 dal Consigliere Relatore Dott. EMILIO MIGLIUCCI;

udito l’Avvocato Pontecorvo Michele (domiciliatario del ricorrente)

che dichiara di aver notificato nei termini l’integrazione del

contraddittorìo depositando in ritardo il relativo atto, si rimette

alla Corte, è presente inoltre l’Avvocato Lorenzi Alberto, difensore

del ricorrente che si riporta agli scritti;

udito l’Avvocato Patrizia Giannini (delega avv. Parenti Luigi),

difensore dei controricorrenti che si riporta agli scritti;

è presente il P.G. in persona del Dott. UMBERTO APICE che aderisce

alla relazione.

Fatto

RILEVATO IN FATTO

Che avverso la decisione indicata in epigrafe ha proposto ricorso per cassazione affidato a un unico motivo P.P..

Hanno resistito P.F. e M.A., quali eredi di P.F., e P.N..

Nominato, ai sensi dell’art. 377 cod. proc. civ., il consigliere relatore ha depositato la relazione di cui all’art. 380 bis cod. proc. civ., ritenendo che il ricorso fosse da rigettare per manifesta infondatezza.

Il ricorrente ha depositato memoria illustrativa.

Il Procuratore Generale ha rassegnato conclusioni conformi a quelle di cui alla relazione.

Diritto

OSSERVA IN DIRITTO

Con ordinanza dep. il 17 gennaio 2011, comunicata al ricorrente il 26 gennaio 2011, il Collegio aveva ordinato, a cura del ricorrente, l’integrazione del contraddittorio nei confronti del litisconsorte necessario D.N. con termine di sessanta giorni dalla comunicazione;

il ricorrente ha tempestivamente notificato l’atto di integrazione nei confronti della D., che si è costituita nella presente fase depositando controricorso, ma ha depositato l’atto di integrazione il 1 giugno 2011, ben oltre il termine di venti giorni previsto, a pena di improcedibilità, dall’art. 371 bis cod. proc. civ..

Tenuto conto della natura perentoria del termine in questione, il mancato deposito dell’atto o il deposito successivo alla scadenza del termine stesso comportano l’improcedibilità del ricorso rilevabile anche d’ufficio, la quale non è esclusa neppure dall’eventuale costituzione della controparte intimata, posto che il principio – sancito dall’art. 156 cod. proc. civ. – di non rilevabilità della nullità di un atto per avvenuto raggiungimento dello scopo attiene esclusivamente alle ipotesi di inosservanza di forme in senso stretto e non di termini perentori, per i quali siano state dettate apposite o separate disposizioni (S.U. 11003/2006; 24218/2009; 8628/2011) Pertanto, il ricorso va dichiarato improcedibile.

La peculiarità della vicenda processuale induce a compensare le spese relative alla presente fase.

P.Q.M.

Dichiara il ricorso improcedibile. Compensa spese.

Così deciso in Roma, il 10 giugno 2011.

Depositato in Cancelleria il 9 agosto 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA