Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 17090 del 13/08/2020

Cassazione civile sez. lav., 13/08/2020, (ud. 13/02/2020, dep. 13/08/2020), n.17090

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. NOBILE Vittorio – Presidente –

Dott. NEGRI DELLA TORRE Paolo – Consigliere –

Dott. BLASUTTO Daniela – Consigliere –

Dott. PATTI Adriano Piergiovanni – rel. Consigliere –

Dott. GARRI Fabrizia – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 34507-2019 proposto da:

FALLIMENTO (OMISSIS) S.R.L., in persona del Curatore pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA VESCOVIO 21, presso lo

studio dell’avvocato TOMMASO MANFEROCE, che lo rappresenta e difende

unitamente all’avvocato RENATO PASTORELLI;

– ricorrente –

contro

N.M.;

– intimato –

avverso il decreto del TRIBUNALE di TREVISO, depositato il 14/03/2014

R.G.N. 100/2013, sub 69.

 

Fatto

RILEVATO

CHE:

1. con decreto 14 marzo 2014, il Tribunale di Treviso, in accoglimento della sua opposizione, a norma dell’art. 98 L. Fall., avverso lo stato passivo del Fallimento (OMISSIS) s.r.l. dal quale era stato escluso il credito di Euro 8.599,53, ammetteva ad esso N.M. in via privilegiata ai sensi dell’art. 2751bis c.c., n. 1, per tale credito, di cui Euro 4.819,56 per retribuzioni e Euro 3.779,97 per T.f.r., oltre rivalutazione fino all’esecutività dello stato passivo e interessi legali fino al “primo riparto utile”;

2. avverso tale decreto il Fallimento ricorre tempestivamente per cassazione con quattro motivi, mentre il lavoratore intimato non svolge difese;

3. il ricorso, in origine erroneamente iscritto a ruolo come successivo a quello iscritto al n. R.G. 10614/14, è stato distintamente iscritto al numero attuale, come da ordinanza di questa Corte del 21 novembre 2019 e quindi, in esito a rinvio a nuovo ruolo per l’incombente, rifissato all’odierna adunanza camerale.

Diritto

CONSIDERATO

CHE:

1. il Fallimento ha comunicato rinuncia al ricorso notificata il 3 ottobre 2019, comportante l’estinzione del processo, anche in assenza di accettazione, non avendo tale atto carattere “accettizio”, ossia non richiedendo l’accettazione della controparte per essere produttivo di effetti processuali (Cass. 18 settembre 2008, n. 23840; Cass. 26 febbraio 2015, n. 3971);

2. non occorre provvedere sulle spese del giudizio, non avendo parte intimata svolto attività difensiva;

3. il tenore della pronuncia esclude l’applicazione del raddoppio del contributo unificato (Cass. 30 settembre 2015, n. 19560; Cass. 12 ottobre 2018, n. 25485).

PQM

La Corte dichiara estinto il processo.

Così deciso in Roma, nella adunanza camerale, il 13 febbraio 2020.

Depositato in Cancelleria il 13 agosto 2020

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA