Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 17072 del 26/06/2019

Cassazione civile sez. VI, 26/06/2019, (ud. 19/03/2019, dep. 26/06/2019), n.17072

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SCALDAFERRI Andrea – Presidente –

Dott. TRICOMI Laura – rel. Consigliere –

Dott. IOFRIDA Giulia – Consigliere –

Dott. TERRUSI Francesco – Consigliere –

Dott. VELLA Paola – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 22656-2018 proposto da:

E.P., elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA SAN SALVATORE

IN CAMPO 33, presso lo studio dell’avvocato NICOLINA GIUSEPPINA

MUCCIO, rappresentato e difeso dall’avvocato NOEMI NAPPI;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELL’INTERNO – COMMISSIONE TERRITORIALE PER IL

RICONOSCIMINTO DELLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE DI LECCE (OMISSIS);

– intimato –

avverso il decreto N. R.G. 12628/2017 del TRIBUNALE di LECCE,

depositato il 25/05/2018;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 19/03/2019 dal Consigliere Relatore Dott. LAURA

TRICOMI.

Fatto

RITENUTO

CHE:

E.P., proveniente dalla Nigeria, propone ricorso per cassazione con tre mezzi avverso il decreto del Tribunale di Lecce con il quale è stata respinta l’impugnazione avverso il provvedimento della Commissione territoriale che gli aveva negato la protezione internazionale.

Il ricorrente domanda, in via preliminare, la rimessione in termini per la proposizione del ricorso per cassazione, adducendo di non aver potuto rispettare i termini per l’impugnazione a causa di problemi legati alla trasmissione telematica della documentazione necessaria per redigere e notificare il ricorso.

Il Ministero dell’Interno è rimasto intimato.

Diritto

CONSIDERATO

CHE:

Preliminarmente va dichiarata l’inammissibilità del ricorso perchè proposto tardivamente, in data 2/7/2018, avverso il decreto del Tribunale notificato al difensore costituito in primo grado dalla Cancelleria, via pec, in data 29/5/2018.

Non può trovare accoglimento la richiesta di remissione in termini stante la genericità delle ragioni esposte (mancata ricezione di una mail inviata da parte del difensore in primo grado in data 13/6/2018 al nuovo difensore) ed il confliggente rilievo che dagli atti risulta l’anteriore rilascio della procura alle liti da parte del ricorrente a favore dell’avvocato Noemi Nappi, atteso che la sottoscrizione della procura risulta essere stata tempestivamente autentica da questa in data 12/6/2018.

L’esame dei tre motivi resta assorbito.

Non si provvede sulle spese per il mancato svolgimento di attività difensive da parte dell’intimato.

Sussistono i presupposti di cui al D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1 quater.

P.Q.M.

– Dichiara inammissibile il ricorso;

– Dà atto, ai sensi del D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1 quater, della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte dei ricorrenti, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis.

Così deciso in Roma, il 19 marzo 2019.

Depositato in Cancelleria il 26 giugno 2019

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA