Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 17067 del 16/06/2021

Cassazione civile sez. VI, 16/06/2021, (ud. 16/04/2021, dep. 16/06/2021), n.17067

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 2

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. LOMBARDO Luigi Giovanni – Presidente –

Dott. ABETE Luigi – Consigliere –

Dott. SCARPA Antonio – Consigliere –

Dott. CRISCUOLO Mauro – Consigliere –

Dott. OLIVA Stefano – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 6954-2019 proposto da:

D.M.G., M.A. e MA.AN.MA., elettivamente

domiciliati in ROMA, VIA GOLAMETTO n. 4, presso lo studio

dell’avvocato GIOVAMBATTISTA FERRIOLO, che li rappresenta e difende

unitamente all’avvocato FERDINANDO EMILIO ABBATE;

– ricorrenti –

contro

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA, in persona del Ministro pro tempore,

domiciliato in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI n. 12, presso l’AVVOCATURA

GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e difende;

– resistente –

avverso il decreto n. 2480/2018 della CORTE D’APPELLO di PERUGIA,

depositata il 04/09/2018;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di Consiglio del

16/04/2021 dal Consigliere Dott. OLIVA STEFANO.

 

Fatto

FATTI DI CAUSA

Con il decreto impugnato la Corte di Appello di Perugia, in accoglimento della domanda di equo indennizzo per l’irragionevole durata di un processo di equa riparazione proposta dagli odierni ricorrenti, condannava il Ministero della Giustizia al pagamento della somma di Euro 1.625,00 in favore di ciascuno degli odierni ricorrenti, oltre alle spese di lite, che liquidava nel complessivo importo di Euro 450,00 oltre rimborso delle spese forfettarie ed accessori.

Ricorrono per la cassazione di detta decisione M.A., D.M.G. e Ma.An.Ma., affidandosi ad un solo motivo.

Il Ministero della Giustizia, intimato, ha depositato atto di costituzione ai fini della partecipazione all’udienza.

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

Con l’unico motivo i ricorrenti lamentano la violazione o falsa applicazione dell’art. 91 c.p.c., dell’art. 2233 c.c., del D.M. n. 55 del 2014 e del D.M. n. 37 del 2018, perchè la Corte perugina avrebbe liquidato le spese in misura inferiore al minimo tariffario.

La censura è fondata. Poichè la controversia ha un valore di Euro 1.625,00 (corrispondente all’indennizzo liquidato in favore di ciascuno dei tre istanti) essa rientra nello scaglione di tariffa compreso tra Euro 1.100,01 ed Euro 5.200,00 che prevede – come indicato dal ricorrente a pag. 3 del ricorso – un compenso minimo pari ad Euro 1.198,50 che nella specie non è stato rispettato. Sul punto, va evidenziato che il D.M. 8 marzo 2018, n. 37, art. 1, recante modifiche al D.M. n. 55 del 2014, art. 4, ha stabilito espressamente che la diminuzione massima consentita degli importi previsti dalla tariffa allegata al predetto D.M. n. 55 del 2014 non può andare oltre il 50%. I cosiddetti “minimi tariffari” – per tali dovendosi intendere gli importi risultanti dalla massima riduzione consentita degli importi previsti dalla tabella allegata al D.M. n. 55 del 2014, pari al 50% dei predetti importi – sono pertanto da considerare inderogabili, a decorrere dalla data di entrata in vigore delle modifiche introdotte dal D.M. n. 37 del 2018. Poichè la decisione impugnata è stata pubblicata il 4.9.2018, la Corte di Appello di Perugia avrebbe dovuto liquidare le spese in misura non inferiore alla riduzione massima consentita sugli importi di cui alla tariffa allegata al D.M. n. 55 del 2014, pari al 50% del totale.

Ne deriva l’accoglimento della censura, la cassazione del provvedimento impugnato ed il rinvio della causa alla Corte di Appello di Perugia, in differente composizione, anche per le spese del presente giudizio di legittimità.

P.Q.M.

la Corte accoglie il ricorso, cassa la decisione impugnata e rinvia la causa, anche per le spese del presente giudizio di legittimità, alla Corte di Appello di Perugia, in differente composizione.

Così deciso in Roma, nella Camera di Consiglio della sesta sezione civile, il 16 aprile 2021.

Depositato in Cancelleria il 16 giugno 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA