Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 17060 del 05/08/2011

Cassazione civile sez. II, 05/08/2011, (ud. 21/06/2011, dep. 05/08/2011), n.17060

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ODDO Massimo – Presidente –

Dott. MAZZIOTTI DI CELSO Lucio – Consigliere –

Dott. NUZZO Laurenza – rel. Consigliere –

Dott. BIANCHINI Bruno – Consigliere –

Dott. CORRENTI Vincenzo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

C.L. (OMISSIS), C.A.

(OMISSIS), elettivamente domiciliati in ROMA, PIAZZA COLA DI

RIENZO 69, presso lo studio dell’avvocato NATOLI GIORGIO,

rappresentati e difesi dall’avvocato DE SANTIS QUINTO;

– ricorrenti –

contro

CA.LU. (OMISSIS), B.S.B.

(OMISSIS), elettivamente domiciliati in ROMA, VIA MICHELE

MERCATI 51, presso lo studio dell’avvocato BRIGUGLIO ANTONIO, che li

rappresenta e difende unitamente all’avvocato GORIETTI GIANMARCO;

– controricorrenti –

avverso la sentenza n. 257/2005 della CORTE D’APPELLO di PERUGIA,

depositata il 12/07/2005;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

21/06/2011 dal Consigliere Dott. LAURENZA NUZZO;

udito l’Avvocato Guido ORLANDO, con delega depositata in udienza

dell’Avvocato Quinto DE SANTIS, difensore dei ricorrenti che ha

chiesto accoglimento del ricorso;

uditi gli Avvocati BRIGUGLIO e GORIETTI difensori dei resistenti che

hanno chiesto il rigetto del ricorso ed insistono oralmente

sull’accoglimento delle difese depositate;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

SCARDACCIONE Eduardo Vittorio che ha concluso per il rigetto del

ricorso.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con atto di citazione ritualmente notificato i coniugi B. C.B. e Ca.Lu. convenivano in giudizio, innanzi al Tribunale di Perugina, C.A. e C.L. per ottenere, ex art. 2932 C.C., sentenza costitutiva per il trasferimento della proprietà degli immobili oggetto del contratto preliminare di vendita concluso fra le parti il 9.1.1998.

Si costituivano i convenuti deducendo che il trasferimento di proprietà non poteva essere effettuato senza la preventiva individuazione, da parte degli attori, dei confini dei terreni compravenduti, nonchè della redazione del frazionamento e del certificato di destinazione urbanistica.

Con sentenza non definitiva 31.1.2002 il Tribunale di Perugia disponeva, ex art. 281 sexies c.p.c., il trasferimento di proprietà degli immobili ponendo a carico dei promissori acquirenti il pagamento del conguaglio in denaro, come previsto nel contratto preliminare. Avverso tale decisione C.A. e C. L. proponevano appello cui resistevano i coniugi B. – Ca..

La Corte di Appello di Perugia, con sentenza in data 17.3.2005, respingeva l’appello e la domanda riconvenzionale di risarcimento danni per lite temeraria, con condanna degli appellanti al pagamenti di due terzi delle spese di lite e compensazione del residuo terzo.

Rilevava la Corte di merito: contrariamente quanto sostenuto dai promissari acquirenti, i promittenti venditori non avevano assunto alcun obbligo di provvedere, prima della stipula dell’atto definitivo di vendita, all’apposizione dei confini ed alla delimitazione della proprietà degli immobili promessi in vendita, essendosi i coniugi B. impegnati solamente a provvedere al frazionamento dell’immobile,regolarmente eseguito, come accertato mediante C.T.U.;

evidenziava, inoltre, che risultava regolarmente acquisito in atti il certificato di destinazione urbanistica rilasciato il 3.4.2001. Tale decisione era impugnata con ricorso per cassazione da C. A. e C.L. sulla base di tre motivi. Resistevano con controricorso B.C.B. e Ca.Lu.. I ricorrenti ed i resistenti hanno depositato memorie illustrative.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

I ricorrenti deducono:

1) omessa insufficiente motivazione sulla denunciata violazione dell’art. 281 seties c.p.c., posto che la sentenza di primo grado non conteneva alcun richiamo alle ragioni di fatto e di diritto su cui era stata fondata;

2) nullità della sentenza impugnata per avere la Corte di Appello tenuto conto del certificato di destinazione urbanistica rilasciato il 3.4.2001 e prodotto il 26.6.2001, oltre il termine perentorio previsto dall’art. 184 c.p.c. ed essendo stato operato il trasferimento dell’immobile nonostante l’inammissibilità della tardiva produzione in primo grado di detto certificato;

3) erronea interpretazione della lettera 20.4.98 con cui i promettenti venditori si erano impegnati ad effettuare la “riconfinazione per apporre i termini” e nullità della sentenza per omessa indicazione dei confini. Il ricorso è infondato.

Il primo motivo è inammissibile, posto che, a fronte della pronuncia con cui la Corte territoriale ha dichiarato inammissibile, per genericità, la censura relativa alla violazione dell’art. 281 sexties c.p.c., i ricorrenti non hanno contestato la rilevata genericità. Com’è noto nel giudizio di Cassazione il ricorrente, ai sensi dell’art. 366 c.p.c., n. 4, ha l’onere di indicare specificatamente i motivi di impugnazione e gli errori contenuti nella sentenza impugnata, non essendo la Corte di legittimità tenuta a ricercare, al di fuori del contesto del ricorso, le ragioni che dovrebbero sostenerlo (Cfr. Cass. n. 18242/2003).

Del pari inammissibile è la seconda censura, considerato che la sentenza impugnata ha solo affermato che il certificato di destinazione urbanistica risultava regolarmente in atti; costituisce, quindi, questione nuova quella della tardività della sua produzione, come tale inammissibile, implicando un accertamento in fatto.

Quanto,infine, al terzo motivo di ricorso è sufficiente rilevare che, a fronte di quanto osservato dai giudici di appello sulla interpretazione del contenuto della lettera 20.4.1998, nel senso che, laddove si parlava di riconfinazione ed apposizione di termini, doveva farsi riferimento all’obbligo assunto dai promittenti venditori di provvedere al frazionamento dell’immobile oggetto del contratto preliminare, incombeva ai ricorrenti fornire specifica dimostrazione del modo in cui il ragionamento del giudice di merito aveva deviato dalle regole in tema di interpretazione di detta lettera, riportandone il testo, in osservanza del principio di autosufficienza del ricorso per cassazione (Cfr. Cass. n. 11477/2010;

n. 4948/2003).

Non è consentito, infatti, alla Corte di legittimità, tranne nel caso di denuncia di “error in procedendo”, ricercare i fascicoli di parte per esaminare il documento che si assume inficiato da erronea interpretazione. Alla stregua di quanto osservato il ricorso a rigettato. Consegue la condanna dei ricorrenti al pagamento delle spese processuali del presente giudizio di Cassazione, liquidate come da dispositivo.

PQM

Rigetta il ricorso;

condanna i ricorrenti al pagamento delle spese processuali che si liquidano in Euro 2.700,00 di cui Euro 200,00 per spese.

Così deciso in Roma, il 21 giugno 2011.

Depositato in Cancelleria il 5 agosto 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA