Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 16950 del 04/08/2011

Cassazione civile sez. VI, 04/08/2011, (ud. 27/05/2011, dep. 04/08/2011), n.16950

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 2

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SETTIMJ Giovanni – rel. Presidente –

Dott. PICCIALLI Luigi – Consigliere –

Dott. MATERA Lina – Consigliere –

Dott. BIANCHINI Bruno – Consigliere –

Dott. PARZIALE Ippolisto – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso proposto da:

Prefettura di Roma, in persona del Prefetto pro tempore,

elettivamente domiciliata in ROMA, PIAZZA CAVOUR presso la

CASSAZIONE, rappresentata e difesa dall’AVVOCATURA GENERALE DELLO

STATO;

– ricorrente –

contro

C.S. O N.;

– intimata –

avverso la sentenza n. 6227/2009 del GIUDICE DI PACE di ROMA

dell’11/06/2008, depositata il 25/09/2009;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

27/05/2011 dal Presidente Relatore Dott. GIOVANNI SETTIMJ;

è presente il P.G. in persona del Dott. COSTANTINO FUCCI che nulla

osserva.

Fatto

FATTO E DIRITTO

Con relazione ex art. 380 bis c.p.c. si è rilevato quanto segue:

La Prefettura di Roma impugna la sentenza 26.1.09 con la quale il G.d.P. capitolino ha accolto l’opposizione proposta da S. C. avverso l’ordinanza-ingiunzione n. 1154/05 del 17.4.07 relativa a sanzione amministrativa per violazione del R.D. 18 giugno 1931, n. 773, art. 86 TULPS. Il ricorso è inammissibile per le seguenti autonome ragioni:

è redatto da funzionario dell’Amministrazione mentre doveva esserlo da parte dell’Avvocatura Generale dello Stato;

non è stato notificato alla controparte nelle forme di legge;

– la sentenza è appellabile e non ricorribile;

– non sono stati formulati quesiti di diritto. L’inammissibilità del ricorso sotto i rilevati profili va, pertanto, verificata da parte del Collegio in camera di consiglio ai sensi dell’art. 380 bis c.p.c.”.

Il Collegio condivide le ragioni e la conclusione esposte nella relazione, avverso la quale nè il ricorrente nè il P.G. hanno sollevato obiezioni.

Parte intimata non avendo svolto attività difensiva, non v’ha luogo a provvedere sulle spese.

P.Q.M.

LA CORTE dichiara inammissibile ricorso.

Così deciso in Roma, nella Camera di Consiglio, il 27 maggio 2011.

Depositato in Cancelleria il 4 agosto 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA